Associazione
Cattolici Genovesi

 



















Indice generale
del sito




Collegamenti
a siti consigliati




Home


Mail

 
 
   

 
Christus Vincit


Cattolici Genovesi

Cercare la Verità - Conoscere la Verità - Difendere la Verità


 

Questo sito Internet dal titolo si può rilevare l'intento di affermare nel campo della comunicazione una voce cattolica chiara e forte su ogni argomento che quotidianamente si presenta.
Molti sono i temi che intendiamo affrontare con semplicità e chiarezza in modo da essere compresi da tutti coloro che intendono abitualmente avere contatti.
Noi ci rivolgiamo a tutti e speriamo di fare di questo sito non solo un modo per trasmettere informazioni, idee ma, desideriamo che coloro che troveranno il nostro modo di affrontare gli argomenti di loro gradimento ci facciano conoscere le loro opinioni, ci inviino se credono materiale che in ogni caso verrà esaminato e se ne terrà conto successivamente. Anche per coloro che volessero farci una critica, speriamo garbata, sempre nell'ambito delle nostre possibilità cercheremo di rispondere in qualche modo.
La nostra aspettativa è quella di creare le premesse per favorire la crescita di un punto di riferimento, dando non solo a chi collabora di far conoscere le proprie idee ma anche ad altri a partecipare alla formazione di un centro di opinione. La vastità degli argomenti affrontati ci permettono di dare un'idea precisa della nostra visione delle cose che è e che deve essere sempre cattolica.
Non abbiamo la pretesa di far la predica a nessuno, né pretendiamo di giudicare gli altri migliori o peggiori di noi, la cosa non ci interessa, ma sulle idee, sui comportamenti esprimiamo sempre la nostra valutazione.
Spesse volte nel dire la verità forse qualcuno può esserne dispiaciuto, non è nostra intenzione offendere nessuno, ma ciò che riteniamo giusto non deve essere taciuto.
Chi siamo ? Siamo cattolici senza nessun aggettivo. Le tante classificazioni di cattolici molte volte sono riduttive, spesso devianti ed a volte sicuramente errate, per questo le rifiutiamo.
Apprezziamo i progressi della scienza e della tecnica ma riteniamo che il mondo presente non sia dominato esattamente da una visione cristiana; anzi, dall'esatto contrario. Molte delle cose che ci vengono gabellate come progresso, diritti umani o diritti di libertà siano esattamente il contrario; regresso, licenza e schiavitù. Chi avrà pazienza di seguirci capirà presto a cosa ci stiamo riferendo.
Un'ultima cosa, vogliamo ancora dire, in quanto cattolici noi non abbiamo né complessi di colpa per la storia passata né riteniamo di dover ricorrere ad altre istituzioni civili o religiose per poter essere cattolici. Ricerchiamo la verità ma, i fondamenti li conosciamo già con certezza senza bisogno di rivolgere la nostra attenzione altrove. Siamo fedeli alla Santa Romana Chiesa perché crediamo a tutti i dogmi così come ci sono stati proposti, seguiamo i comandamenti ed i principi morali da sempre stabiliti.

Il sito si articola in vari comparti dove trovano opportuna collocazione i vari argomenti. Chiunque sia interessato a partecipare è invitato a contattare i responsabili dei vari settori.


COME VISITARE IL SITO
la cosa più spiacevole è perdere tempo e farlo perdere agli altri. Pertanto, il modo più veloce per vedere i contenuti è quello di esaminare per primo
L'INDICE GENERALE DEL SITO
Se troverete qualcosa di interessante, potrete poi entrare nei singoli settori.
Grazie per la scelta.
 

Rino Tartaglino           


 
 

___________________________________

(cultura)

Foglio per comunicazione ai soci
___________________________________
- 15/11/17
(Cultura - Scienza - Fede)
_____________________________________
- 19/11/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________
- 25/11/17
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________
- 26/11/17
(Politica - Economia - Costume)
__________________________________________
- 30/11/17
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________________
- 1/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 2/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 3/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
_____________________________________________

S. MESSA IN LATINO
(rito romano antico)

DOMENICHE E FESTE DI PRECETTO

ORE 9,30 - Orario ordinario

CHIESA DI S. STEFANO
(sopra) Via XX Settembre - GENOVA - Tel. 010.58.71.83

ASS. UNA VOCE - GENOVA

___________________________________
_______________________________
- 15/12/17
(Devozioni e Preghiere)
_______________________________
- 16/12/17
(Devozioni e Preghiere)
___________________________________
- 19/12/17
(Progetto Europa)
___________________________________
- 27/12/17
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 6/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 11/1/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 6/1/18
(una voce)
___________________________________
- 15/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 1/2/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 2/2/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 10/2/18
(Politica - Economia - Costume)
  • USA E RUSSIA: IL RIARMO NUCLEARE
    L'Europa agli europei
  • ___________________________________
    - 15/2/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 20/1/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 10/3/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________
    - 5/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________
    - 15/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 20/7/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 17/3/2018
    (Politica - Economia - Costume)

    ___________________________________
    - 6/1/18
    (una voce)
    ___________________________________

    - 21/12/2014
    (Cultura)

    ___________________________________

    - 23/6/2015
    (Vita)
    _________________________________________

    17 Marzo 2019            Informazioni            N° 11
    _________________________________________
          Foglio di comunicazione interna
    www.cattolicigenovesi.org
    _________________________________________
    Il clero, anziano o giovane, non s'illuda: per quanto esegeticamente moderna e sociologicamente pastorale, la parola della predicazione, se non è meditata nella preghiera personale, invece che pane porge alla comunità pietre.

    Hans Urs Von Balthasar

    _________________________________________
    SANTI E BEATI

    Santa MATILDE di Germania Regina – Festa 14 marzo
    Engern, Sassonia, 895 circa - Quedlinburgo, Sassonia, 14 marzo 968
    Da lei e da suo marito Enrico I (duca di Sassonia e più tardi re di Germania) discende la casata che conterà quattro imperatori: la famosa dinastia sassone. Educata nel monastero di Herford, in Westfalia, dove sua nonna era badessa, Matilde sa leggere e scrivere, un fatto non frequentissimo nelle grandi casate del tempo, e non si mantiene estranea alle vicende della politica. Quando nel 936 muore suo marito Enrico, lei non è molto favorevole al primogenito Ottone come successore e tenta di far proclamare re il più giovane Enrico. Si arriva a un conflitto tra i due fratelli. Dopo l'incoronazione imperiale di Ottone a Roma (962) la famiglia è riconciliata. Matilde si ritira nel monastero di Nordhausen, dove, dopo essersi spesa per i poveri e i malati, si ammala, e più tardi si trasferisce in un altro monastero: a Quedlimburgo, in Sassonia dove morirà.
    ____________________________________________
    EDITORIALE
    IL MEMORANDUM ITALO-CINESE

    A giorni il governo italiano firmerà il memorandum italo-cinese per la nuova Via della Seta. Il Memorandum non è formalmente un Trattato, ma contiene criteri e principi che devono essere definiti con attenzione in modo da non ritorcersi a nostro danno nel prossimo futuro. Noi italiani abbiamo in più occasioni firmato dei trattati che, quando sono passati all’applicazione, abbiamo scoperto che creavano più svantaggi che vantaggi. I nostri espertissimi campioni della politica con le loro firme hanno ceduto all’Unione europea tanta sovranità e non possiamo far niente per riparare ai nostri guai. Qualunque cosa facciamo dobbiamo chiedere permesso perché non contiamo niente in Europa. Per procedere bisogna fare il punto della situazione. Abbiamo di fronte a noi tre operatori che dobbiamo prendere in considerazione:
    1) gli Usa;
    2) l’Unione europea:
    3) la Cina.
    GLI USA:
    Rivendicano la leadership e vantano la forza militare e non possono garantire la sicurezza dell’Occidente se gli alleati europei dipendono dall’Oriente acquistando missili russi o sistemi cinesi di telecomunicazioni. L’America di Trump sta combattendo una guerra doganale con Pechino e i suoi obiettivi non sono solo economici. Politici americani non hanno nascosto che la Cina è il nemico di domani e che occorre frenarne l’ascesa. L’intenzione degli americani è quella di formare con l’Europa un blocco economico da loro controllato in modo da conservare l’egemonia a livello planetario per tutto il XXI° secolo. Per questo vedono male l’ingresso massiccio della Cina in Europa come potente concorrente. Da lì i consigli più o meno minacciosi all’Italia ed agli altri Stati europei nel caso che diano troppo spazio alla Cina.
    L’UNIONE EUROPEA: L’Italia deve tenere conto degli interessi comuni europei essendo parte di un grande mercato unico come quello dell’Ue che deve essere gestito collegialmente. Tuttavia, gli Stati europei quando possono fanno il loro interesse ignorando di fare parte di una stessa istituzione. I due più importati Paesi europei, La Germania e la Francia guidano l’Ue senza nessun intendimento di agevolarci ad uscire da questo periodo di crisi. Come la Grecia, l’Italia dall’Ue può solo aspettarsi delle punizioni con la scusa del debito pubblico troppo elevato. Quindi, fino a quando comandano gli europeisti – democristiani e socialisti alleati – non ci possiamo aspettare niente altro che norme restrittive che ci condannano alla crisi permanente. Da questa situazione, un aiuto esterno come quello cinese, alle dovute condizioni, può giustificare una possibilità di migliorare la situazione economica.
    LA CINA: E’ per estensione territoriale e per la popolazione un continente e pretende prossimamente di diventare la prima potenza economica, politica e militare del pianeta. Ha quindi intenzioni egemoniche e dove può, cerca di imporsi avendo mezzi economici consistenti. Quindi, potendolo cercherebbe di sostituire in Europa quello che vorrebbero fare gli Usa. Diventare la guida economica dell’Europa scalzando gli Usa.
    COSA PUO’ FARE L’ITALIA?: Noi da soli non ce la facciamo ad uscire dallo stallo della crisi per questo dobbiamo crescere attraverso un aiuto esterno. L’occasione di incrementare i traffici commerciali con la Cina può essere una buona occasione. Ma, tenuto conto delle intenzioni egemoniche di questo operatore dobbiamo essere molto attenti a non cedere le chiavi di casa ed avere un altro padrone peggiore dei precedenti. Dobbiamo firmare solo contratti che portano vantaggi reciproci senza particolari obblighi futuri non controllabili.

    Rino Tartaglino

    _______________________________

    ILLUSTRAZIONE: Xi Jin ping è presidente della Cina a vita. Uno Stato dove il potere è comunista mentre lo sviluppo economico è capitalista. La combinazione più efficiente per realizzare l'egemonia a casa degli altri.
    _______________________________

    CAMBIARE IL SESSO NON SI PUO’

    Alcuni giorni fa abbiamo riportato la valutazione della Dottoressa Laura Palazzani che con prudenza e moderazione sul sito del Vaticano ammetteva l’uso della triptorelina, il farmaco che blocca la pubertà. Del resto, anche membri del comitato di etica che si dichiarano cattolici hanno dato il loro assenso all’utilizzo di questo farmaco, decisione che ha permesso all’Aifa di autorizzare il suo impiego. In un lungo articolo apparso su Avvenire, dal titolo “Farmaco gender, servono chiarezza e misericordia” a firma Luciano Moia fa un ulteriore passo avanti sulla linea dell’approvazione. “Sono questioni complesse, delicate e controverse che sarebbe assurdo pensare di definire valide per tutte le circostanze”. L’Avvenire prende in considerazione la “complessità” del fenomeno, è tale che “per quei due ragazzi o ragazze, su dieci che non hanno avuto alcun beneficio dall’accompagnamento psicologico, che vivono la condizione con una sofferenza profonda, che hanno manifestato l’intenzione di rinunciare a vivere, e magari hanno anche già tentato il suicidio, come intervenire? Pensare alla chirurgia per salvare una vita è ipotesi così eticamente inaccettabile?”. Il Papa proprio sul gender ha fatto le sue affermazioni più nette. Lo ha definito “uno sbaglio della mente umana”, una “colonizzazione ideologica”. E proprio all’Accademia per la vita ha detto che “la manipolazione biologica e psichica delle differenze sessuali, che la tecnologia biomedica lascia intravedere come completamente disponibile alla scelta della libertà – mentre non lo è! -, rischia così di smantellare la fonte di energia (la differenza sessuale) che alimenta l’alleanza dell’uomo e della donna e la rende creativa e feconda”. Eppure l’intervento della Palazzani, i cattolici che fanno parte del Comitato nazionale di Bioetica che hanno dato parere favorevole all’utilizzo della triptorelina, il professore Francesco D’Agostino da tempo riferimento di Avvenire sulla bioetica e molto vicino a mons. Vincenzo Paglia, che della Pontificia Accademia della vita è presidente, fanno pensare che l’uscita di Moia sull’Avvenire non sia una presa di posizione estemporanea ma condivisa in maniera ufficiosa dalla stessa Accademia della vita su questo tema. Questo non è magistero, non è la posizione ufficiale della Santa Sede, che da parte sua “non ha mai definito la liceità morale della riassegnazione chirurgica del sesso”.
    CONCLUSIONE
    Senza essere teologi basta fare ricorso alla comune logica per capire che il tentativo di cambiare sesso è cosa illecita.
    “Dio li creò maschio e femmina”, quindi esistono solo due sessi e non altro.
    Il sesso è geneticamente determinato e se non si cambia la genetica non è possibile cambiare sesso.
    Se un individuo per ragioni diverse ha il dubbio di non identificarsi col suo sesso biologico deve essere aiutato a trovare sé stesso e non tentare di adeguare il fisico all’immagine diversa da quella stabilita dalla sua biologia. Provvedimenti di tipo chirurgico ed ormonale possono determinare sterilità ma il soggetto non cambia sesso.
    Questi interventi liberamente scelti da adulti in grado di valutare le conseguenze sono cosa illecita perché non si realizza nella realtà il cambio del sesso e sono sostenuti da comportamenti omosessuali.
    Nel caso che l’intervento avvenga su minori esiste l’aggravante della violenza e del plagio su un soggetto che non è cosciente delle conseguenze.
    Una certa percentuale non piccola di soggetti dopo questi interventi manifesta l’intenzione di tornare nella condizione precedente.
    Statisticamente, il numero dei suicidi tra questi soggetti che hanno fatto interventi per cambiare sesso è più alto di quelli che non tentano di cambiare.
    La teoria del gender è falsa e la sua applicazione è illecita. Stabilire il grado di gravità spetta alla Chiesa alla luce della dottrina cattolica. Le parole usate dall’Avvenire “questioni complesse delicate e controverse sarebbe assurdo pensare di definire con una norma valida per tutte le circostanze”, creano solo confusione. Usando il discernimento, il caso per caso, la misericordia quando c’è sofferenza, anche con moderazione, alla fine servono solo ad aggirare il divieto. Se il divieto c’è non vi possono essere eccezioni.
    ________________________________
    11/3 - GIUDICI E DROGA: Ogni giorno vengono arrestati 196 venditori di droga (la metà stranieri), ma due su tre non finiscono in carcere grazie alla discrezionalità consentita ai Tribunali. Così il lavoro dei poliziotti finisce per contare poco. Arrestare sempre le stesse persone è lavoro inutile.
    Con questi metodi il commercio della droga non cesserà mai. Noi ci domandiamo: "Davvero i nostri politici vogliono combattere la droga? Visti i risultati, dire proprio di no.

    11/3 - NO AI CINESI: Dagli Usa arriva un avvertimento a non aderire al programma cinese della Via della Seta. Il National Security Council americano, in un nota afferma: "L'Italia è una grande economia globale, una grande destinazione per gli investimenti. Sostenere, aderire alla Via della Seta legittima l'approccio predatorio cinese agli investimenti e non porterà beneficio al popolo italiano".
    Dalle parole degli americani si capisce che la Cina è un loro pericoloso concorrente.
    ____________________________

    11/3 - UE RICORDA L'URSS: Questo giudizio è stato espresso dell'ex presidente della Repubblica Ceca e ultimo primo ministro della Cecoslosvacchia, Vaclav Klaus. Presidente dal 2003 al 2004, ha promosso il libero mercato ma è sempre stato euroscettico. L'Ue è un simbolo di postdemocrazia, di iper regolamentazione e di un'attitudine ostile al mercato. I Paesi dell'Europa Orientale oggi sono meno liberi che nell'Urss. I processi decisionali in entrambi i casi, non si svolgono a livello dei singoli Stati nazionali, le regole si stabilicono da qualche parte lontana: un tempo a Mosca, oggi a Bruxelles. La creazione dell'euro è stato un errore aver cercato di omogeneizzare le diverse economie europee. Così alcuni sono usciti vincitori, altri perdenti. L'Ue è una costruzione artificiosa che ha avuto un inizio ed avrà una fine anche se adesso non si vede possibilità di riformarla.
    Vaclav Klaus è un economista e conosce molto bene i meccanismi di funzionamento dell'Ue, per questo il suo giudizio è importante e condivisibile.
    ____________________________

    12/3 - DEVOZIONE DEL ROSARIO: Nell'ottobre 2017 fu organizzata una recita del Santo Rosario in una catena umana che occupò tutta la frontiera dell'Est della Polonia. L'evento, definito "il Rosario di confine", è stato giustamente commentato dai media come segno del vento conservatore e patriottico che soffia da quelle parti. Nell'aprile del 2018, nel silenzio dei mezzi di comunicazione, l'evento si è ripetuto in Gran Bretagna. I cattolici inglesi si sono riuniti in una immensa catena umana che, partendo dalle lontane isole Shetland, ha fatto tutto il giro delle coste di Scozia, Inghilterra e Galles. Per gli analisti, il "Coast to coast Rosary", il raduno di preghiera per la conversione dell'Inghilterra, ha segnato una svolta nel cattolicesimo inglese. Questo rinnovato fervore raggiungerà l'apice nel 2020 quando l'Inghilterra sarà consacrata alla Madonna.
    Queste notizie non possono che far piacere. L'aumento del numero dei credenti non può che fare bene alla Gran Bretagna.
    ________________________________
    12/3 - ARABI ALLA SCALA: Dopo l'acquisto di grattacieli, hotel, case di moda e imprese, gli arabi offrono milioni per la Scala di Milano. Il sovrintendente Alexander Pereira non avendo modo di raccogliere fondi dai soci privati se non in maniera limitata rischia di non essere riconfermato nell'incarico. Malumori nel milanese per l'eventuale scelta dell'investimento di 15 milioni dei sauditi.
    Se continuiamo a vendere pezzi del nostro Paese a noi dell'Italia ci rimarrà solo il nome.

    12/3 - AL BANDO: Il cantante Al Bano, molto noto anche nei Paesi dell'Europa Orientale è finito nella lista nera compilata dal ministero della Cultura dell'Ucraina perché considerato una minaccia per la sicurezza nazionale. Il cantante insieme alla ex moglie Romina Power sono finiti in quella lista nera per i loro buoni rapporti con Putin. Il cantante intervistato ha detto di aver visto il presidente russo solo qualche volta di sfuggita ed al margine di spettacoli durante le sue esibizioni.
    Le elezioni in Ucraina si stanno avvicinando ed il presidente Poroshenko rischia di non essere rieletto, in questa fase della campagna elettorale è stato fatto un lungo elenco di "nemici" alcuni famosi con lo scopo riattizzare il fuoco del patriottismo nazionalista. Così Al Bano per isteria propagandistica è finito al bando.
    ____________________________
    13/3 - BREXIT: Continuano le votazioni alla Camera dei Comuni ma manca l'approvazione all'accordo della Gran Bretagna con l'Ue così come dice il primo ministro Theresa May: "Non usciremo più dall'Europa".
    Se noi italiani, Francesi, tedeschi, inglesi, ecc.. ci sentissimo veramente europei, entrare nell'Ue come uscirne, non dovrebbe essere difficile perché non ci dovrebbero essere ricatti o ripicche ma ogni Paese dovrebbe essere aiutato nelle sue scelte. Cosa che non sta succedendo.

    13/3 - VIETATO CRITICARE: Poiché qualche giornale ha criticato l'impiego del farmaco che blocca la pubertà in quanto dannoso e pericoloso, è subito partito l'attacco da parte di Maurizio Mori, del Comitato nazionale di bioetica. In sintesi il pensiero strategico messo in atto dal Mori è semplice: "La triptorelina va bene e chi lo nega è un No Vax". Il giornale "La Verità" ha dimostrato il contrario riportando le accuse contro il farmaco a seguito della ricerca del prof. Michael Biggs del reparto di sociologia dell'Università di Oxford. Lo studio del prof Biggs si rifà ai dati del Gender identity development service di Londra che si occupa del cambiamento del sesso. I dati forniti dal Centro sono risultati negativi. Ad un anno dall'inizio del trattamento, i pazienti hanno mostrato "tendenze autolesioniste", un significativo "aumento dei problemi comportamentali ed emotivi" e una significativa "diminuzione del benessere fisico". La conclusione del prof. Biggs è che "i farmaci bloccanti la pubertà invece di risolvere la disforia di genere hanno esacerbato il problema.
    Andare contro natura si fanno solo dei disastri.
    ____________________________

    13/3 - ACCORDI PREMATRIMONIALI: Il 28 febbraio 2019 il Consiglio dei Ministri ha approvato dieci disegni di legge di delega al Governo per le semplificazioni e le codificazioni di settore. All’art. 1 comma 1 lett. b) esso indica come oggetto di delega “consentire la stipulazione tra i nubendi, tra i coniugi, tra le parti di una programmata o attuata unione civile, di accordi intesi a regolare tra loro (…) i rapporti personali e quelli patrimoniali, anche in previsione dell’eventuale crisi del rapporto, nonché a stabilire i criteri per l’indirizzo della vita familiare e l’educazione dei figli”. Si tratta dei c.d. accordi prematrimoniali, già oggetto della p.d.l. n. 2669 depositata nella passata Legislatura dagli on. Alessia Morani (PD) e Luca D’Alessandro (FI). Le differenze sono che: a) quella, nella sua inaccettabilità, b) in quella gli “accordi prematrimoniali” erano volti unicamente “a disciplinare i rapporti dipendenti dall’eventuale separazione personale, oltre ai rapporti personali e patrimoniali in previsione della crisi del rapporto, anche “i criteri per l’indirizzo della vita familiare e l’educazione dei figli”.
    Si manifesta sconcerto per la scelta del Governo, in linea con l’intento dissolutorio dell’istituto familiare, perseguito nella precedente Legislatura con le leggi sul divorzio breve, sul divorzio facile, e sulle unioni civili: gli accordi prematrimoniali riducono il matrimonio a un contratto come tanti altri che, come per la somministrazione di un servizio, disciplina le modalità di conclusione prima ancora di iniziare, in un’ottica di privatizzazione mercantile che penalizza la parte più debole.
    ______________________________
    14/3 - PRIORITA': Secondo il ministro della Salute Giulia Grillo (M5s) la priorità del Paese è la legge sull'eutanasia. La lega non è d'accordo. Altro elemento di contrasto tra i componenti del governo gialloblù.
    Con la pessima legge sulle Dat (Disposizioni anticipate di trattamento) entrata in vigore il 31 gennaio 2018 che consente di accettare o rifiutare le cure, comprese la nutrizione e l'idratazione artificiali si è già sulla strada dell'eutanasia passiva. Ci auguriamo che Lega e partiti di centrodestra difendano la vita.

    14/3 - SFIGATI: Il vice primo ministro Luigi Di Maio invitato ad esprimere un giudizio a proposito del Convegno sulla Famiglia che si terrà a Verona dal 29 al 31 marzo ha detto: "Più che destra sono degli sfigati. Quella visione della donna sostanzialmente mero "angelo del focolare" non rappresenta niente della cultura del M5s".
    Dai progressisti abbiamo sentito di tutto contro questa manifestazione sulle famiglie, in termini negativi. Esiste un solo tipo di famiglia e di norma ci devono essere dei figli che sono la cosa più importante. Nessuno è contrario che la donna vada a lavorare ma come nella maggior parte dei lavori si fanno per necessità non certo perché realizzi un ideale di vita. Allevare ed educare i figli è la cosa più importante che può fare la donna. I giudizi espressi dai progressisti sono un insulto alle nostre madri che se si fossero attenute alle loro valutazioni noi non saremmo qui a fare delle chiacchiere.
    _____________________________

    14/3 - CENERE E FERTILIZZANTI: Non c'è pace per i morti e soprattutto non si trova lo spazio dove collocarli. In Grecia e Negli Stati Uniti le cronache ci raccontano di come la gestione dei cadaveri spinga a scelte difficili e spesso controverse. In Grecia per l'opposizione alla cremazione da parte della chiesa ortodossa non riuscendo a trovare spazio per seppellire i morti molti ricorrevano all'esportazione dei cadaveri in Bulgaria dove la legge consentiva la cremazione. Adesso la nuova legislazione consente la cremazione e gli spazi per la collocazione delle ceneri sono diventati sufficienti. Ovviamente, si è realizzato anche in Grecia l'affare della cremazione, gestita da imprese di stampo massonico. Ancora peggio la soluzione proposta negli Usa per lo smaltimento di cadaveri. Nello Stato di Washington è stata presentata una proposta di legge per il compostaggio dei cadaveri i pratica diventeranno dei fertilizzanti dopo opportuna procedura di trasformazione.
    Tutte le civiltà del passato avevano il culto dei morti, una delle più importanti civiltà, quella egizia era tutta incentrata sulla vita ultraterrena se non avessero costruito le piramidi ed i grandi templi la civiltà egizia non esisterebbe. Anche coloro che bruciavano i cadaveri come gli indiani o gli eroi della Grecia antica questo processo aveva una finalità spirituale. Nel mondo del laicismo agnostico si vuole la distruzione del cadavere per dimostrare che non esiste un Aldilà. La scusa che manca spazio non è vera. In questo mondo vi è spazio per tutti vivi e morti. La soluzione proposta negli Usa può essere ritenuta un oltraggio al cadavere. Per chi crede nella risurrezione esiste solo una soluzione, la sepoltura del cadavere.
    _____________________________________

    15/3 - CRISTIANI IN PAKISTAN: La legge sulla blasfemia è un’arma nelle mani dei talebani pakistani, che la utilizzano per incrementare sempre di più la loro presa sulla società. Sostituendosi progressivamente allo Stato in diverse funzioni, tra cui l’istruzione e l’assistenza economica delle persone disagiate». Lo afferma il direttore di Asia News, padre Bernardo Cervellera. La legge sulla blasfemia è in primo luogo ingiusta, in quanto soffoca ogni minimo senso di libertà religiosa garantendo il massimo dei diritti possibili agli islamici e negando qualsiasi tutela a tutte le altre religioni. In questo modo chi offende un musulmano rischia la condanna a morte. Viene utilizzata dagli avversari politici per condannare per blasfemia i loro oppositori, dai proprietari terrieri per impadronirsi delle terre dei contadini e per invidie e vendette personali tra i vicini e nei villaggi. Non è la prima volta che Asia News promuove una campagna contro la legge sulla blasfemia. L’anno scorso abbiamo fatto una campagna, insieme alla commissione Giustizia e pace in Pakistan, sia al Parlamento europeo sia nei confronti del governo italiano, con l’obiettivo di fare pressioni sul governo pakistano perché elimini la legge sulla blasfemia. I cristiani pakistani sono una minoranza (20 milioni di persone su un totale di 171), e in quanto minoranza spesso non hanno voce all’interno della società. I cristiani quando possono, tendono tutti a lavorare in proprio, aprendo spesso dei negozi o delle attività commerciali. Per questi piccoli imprenditori cristiani non esistono particolari problemi. A differenza invece dei cristiani più poveri, soprattutto quando finiscono a lavorare per padroni musulmani. In questi casi abbiamo registrato non soltanto discriminazioni ma anche violenze e soprusi. Come diverse ragazze che sono state malmenate, violentate o uccise dai loro padroni musulmani.
    I cristiani in Pakistan non sono solo cittadini di serie b, ma spesse volte, vittime di gravi soprusi.
    _____________________________________
    15/3 - ATTI CONTRO I CRISTIANI: In Francia, in un anno si sono verificati 1.063 profanazioni o deturpazioni di chiese o cimiteri cristiani. I dati governativi si riferiscono al 2017. Il governo francese cerca di minimizzare il fenomeno e ripete il ritornello: "va tutto bene... sono solo ragazzate". Per ragioni politiche, Macron è più interessato a tenere buoni gli islamici dove le violazioni sono state 100 ma il rischio di reazioni è più alto.
    Gli islamici possono fare attentati ma il potere a Macron possono farglielo perdere solo i cattolici.

    15/3 - IL CARD. PELL: L'alto prelato australiano condannato a 6 anni di carcere per abusi sessuali su minori, potrebbe essere in pericolo di vita in carcere. Proprio per questioni di sicurezza resterà in isolamento fino a quando non verrà stabilito come proteggerlo.
    Questa è la conseguenza del clima sociale che si è venuti a creare pur nel dubbio di una situazione di innocenza. Infatti in un processo precedente, Pell era stato assolto.
    _____________________________________

    16/3 - STRAGE IN NUOVA ZELANDA: Un giovane di 28 anni Brenton Tarrant. originario dell'Australia (Nuova Galles del Sud), con un fucile automatico entra in una moschea al momento della preghiera del venerdì e fa una strage poi entra in una seconda moschea e continua ad uccidere. Alla fine cerca di fuggire ma viene poi catturato. Bilancio della strage 49 morti e decine di feriti alcuni anche gravi. Il terrorista, prima dell'azione aveva messo su internet il suo messaggio di morte. Durante il massacro si è premurato di filmare in diretta la sua sanguinosa impresa tramettendola su Facebook. Il primo ministro della Nuova Zelanda è apparsa subito in televisione per comunicare la sua preoccupazione e fare un resoconto della vicenda. La popolazione di Christchurch è stata invitata alla prudenza anche perché ci potrebbero essere in giro altri complici di Tarrant. A livello nazionale italiano specialmente a sinistra vi è chi mette in guardia contro il clima di odio che sarebbe la causa scatenante di certi comportamenti. Sottinteso che l'odio ed il razzismo sono da ascrivere a Salvini.
    Dai suoi messaggi il terrorista Brenton Tarrant appartiene ai suprematisti bianchi che odiano i migranti venuti da altre culture e religioni diverse e i bianchi temono di essere spazzati via con la sostituzione da popoli più prolifici venuti dall'Africa e dall'Asia. Le parole di Salvini non sono sufficienti a trasformare una persona qualunque in un suprematista bianco anche assassino. (Manifesto di Tarrant con i simboli dei suprematisti bianchi)
    _____________________________________

    16/3 - GRETA E IL CLIMA: In tanti sono andati a manifestare per salvare il pianeta su invito della giovane svedese Greta Thunberg. Hanno manifestato studenti, politici e gente di ogni genere. Tutti per chiedere ai governanti di fare qualcosa per difendere il pianeta ma senza sapere che cosa si deve fare. buona fede di alcuni ma anche molta allegria dovuta al giorno di vacanza dalla scuola per ridere e scherzare per le strade. Tutti gli adulti hanno fatto finta di credere nell'importanza di questa manifestazione. Dopo che gli spazzini hanno tolto la spazzatura dalla strade a causa della manifestazione, tutto sarà esattamente come prima.
    Qualcuno fa rilevare che il clima non si è modificato anzi a sentire il fisico Rubbia nonostante l'aumento di C02, dal 2000 al 2014 la temperatura ha subito un calo di 0,2 gradi. Quindi, non c'è stato alcun riscaldamento tanto paventato. Sarebbe necessario per agire razionalmente che si facesse uno studio serio su tutti gli elementi che possono determinare il clima. Studi sulla geotermia, sull'atmosfera, sulla composizione dei gas di superficie, sulle conseguenze delle oscillazioni dell'asse terrestre. Studi che dovrebbero essere estesi nel tempo in modo da individuare le eventuali variazioni dei vari parametri e le loro influenze sul clima. Quando si hanno più approfonditi elementi di conoscenza elaborare un modello e verificare se nel tempo risponde alle variazioni climatiche. Solo allora, possiamo avere delle conoscenze più precise e prevedere sviluppi futuri. A ragion veduta solo allora potremo fare manifestazioni se accerteremo che il clima è variato o meno per le attività umane. diversamente è meglio non perdere tempo.
    _______________________________
    16/3 - DIVORZIO: Due donne lesbiche unite civilmente dopo un po' per incomprensioni decidono di "divorziare". Il giudice stabilisce che la donna più benestante versi un "assegno divorzile" a favore della controparte più povera. Questa sarebbe la prima causa di divorzio in Italia tra due donne unite civilmente.
    Tutto finto tranne l'assegno.
    _______________________________
    TREMATE E POI TREMATE
    LE STREGHE SON TORNATE

    Al convegno di Verona
    si vuol fare cosa buona.
    Fare la mamma è onore
    se ci mette tanto amore.
    Si difende la famiglia,
    da sto grande parapiglia,
    che i sinistri han creato,
    cani e gatti han sposato.
    Per timore del successo
    del natural congresso,
    vanno tutti a manifestare
    a Verona per protestare.
    A guidare le ostilità
    è la piddina Cirinnà.
    Per sostenere la caciara
    trans e gay fanno cagnara.
    Non le donne al focolare
    ma ovunque a comandare.
    Son per l’utero in affitto
    che alimenta il profitto,
    di cliniche e laboratori
    proprietà di lor signori.
    Come il cambio del sesso
    è un affare di successo.
    Al Medioevo non tornare,
    licenziosi vogliam campare.
    Dopo urli e gran vociare
    che non lascia ragionare,
    a parlare un merlo indiano
    che presente poco lontano:
    "Andare contro natura
    è sempre una iattura.
    Fossero i vostri genitori
    non legati da sani amori
    voi sareste in tutta fretta
    partoriti da una provetta.
    Se poi la cosa andata male,
    non sareste qui a cianciare".
    Questa è la conclusione,
    non lasciare la tradizione.
    _______________________________

    17/3 - GILET GIALLI: I Champes Elysees messi a ferro e fuoco durante la manifestazione dei gilet gialli numerosi infiltrati compiono atti vandalici, distruggono automezzi assaltano banche, negozi e ristoranti. Anche in un palazzo si sviluppa un principio d'incendio. Numerosi feriti e 120 arresti. Macron torna a Parigi dove si riunisce anche il governo per prendere provvedimenti più severi per le prossime manifestazioni.
    I gilet gialli possono avere giuste motivazioni per protestare; ma, distruzioni e vandalismi non devono essere permessi.

    17/3 - MORTE MISTERIOSA: Una modella di origine marocchina, Imane Fadil che era stata per alcune volte partecipe alle "cene eleganti" di Arcore e si proponeva di raccontare particolari scabrosi delle serate che si svolgevano in casa Berlusconi; ma che non era stata ammessa come parte civile al processo Ruby ter, è morta all'ospedale Humanitas dopo un ricovero di un mese. La modella avrebbe sostenuto di essere stata avvelenata.
    Siamo di fronte a quei casì che non trovano soluzione e se la trovano è poco credibile.
    _______________________________________


    ANNOTAZIONE
    TUTTI PARLANO MA QUALCUNO CHE DOVREBBE PARLARE, TACE.

    Tutti sanno che alla fine del mese a Verona si terrà il Forum mondiale delle famiglie organizzata da associazioni come Pro Vita e da alcuni protagonisti del Family Day,la manifestazione è ormai giunta alla tredicesima edizione, questa volta si terrà in Italia. Sarà l’occasione per discutere della famiglia come aiutarla e farla crescere. Al centro dei dibattiti, ovviamente ci saranno temi di preoccupante attualità ossia: l’aborto, l’utero in affitto, il gender, le coppie gay e l’educazione dei figli nella scuola. A tale proposito, lobby gay, Lgbt , lesbiche e femministe hanno reagito in maniera scomposta negando ogni buona fede nella difesa della famiglia tradizionale. A questo codazzo si sono aggregati i partiti della sinistra ed il M5s. Di Maio ha definito i partecipanti dei “cattolici sfigati”. Effettivamente a livello nazionale avere un alleato di governo come lui ed il suo partito bisogna proprio essere sfigati anche se c’è di peggio. Le solite frasi denigratorie quasi fossero dei pericolosi terroristi, riservate ai partecipanti sono state: oscurantisti, fascisti, fautori del ritorno al Medioevo, omofobi reazionari che vogliono chiudere le donne in casa, ecc…. Tutto questo perché vogliono tutelare la famiglia unica vera esistente. Oltre agli insulti si è passati alla rabbiosa reazione volta ad impedire che sia assegnato il patrocinio, per altro gratuito, della presidenza del consiglio alla manifestazione. Con l’aiuto dei grillini la lobby Lgbt è riuscita nell’intento.
    A sostegno della manifestazione di Verona vi è la Lega con alla testa il ministro della Famiglia Lorenzo Fontana che ha dato anche il patrocinio per il suo ministero. Ha annunciato pure la sua partecipazione il vice primo ministro Matteo Salvini. A questo punto, non abbiamo ancora sentito una parola sulla manifestazione di Verona da parte degli uomini di Chiesa. Mentre la politica discute e osteggia il Forum della Famiglia, l’organizzazione che dovrebbe averne a cuore la difesa, ossia la Conferenza episcopale italiana, se ne sta zitta. I vari giornali cattolici per adesso non hanno ancora scritto una riga che sia a favore di questa manifestazione. Forse qualcosa a favore del Forum diranno ma a denti stretti. Dopo aver collocato all’Inferno Salvini per la sua politica contraria all’immigrazione adesso, stare dalla stessa parte, può sembrare una smentita della linea precedente. La Chiesa dovrebbe essere sempre in prima linea nella difesa della famiglia, in questo caso, sarebbe Salvini e la Lega a seguire la Chiesa. Se l’iniziativa la prendono gli altri, la Chiesa non fa più da guida ma segue.
    _____________________________________


    17/3 - DEVASTAZIONE DEL CATTOLICESIMO: Ogni anno ad agosto, la chiesa di San Pietro Apostolo a Montreal organizza 10 giorni di celebrazioni per esaltare l’omosessualità, in concomitanza con la parata del “gay pride” (orgoglio omosessuale!?) che si tiene in città sempre in agosto. Grandi festoni di tessuto colorato vengono appese alle pareti della maestosa chiesa gotica, tutte collegate al lampadario centrale che sovrasta il presbiterio, così da formare delle fasce di arcobaleno che incombono sull’intera chiesa. E’ evidente che si vuole esprimere, nella casa del Signore, una sorta di apoteosi per il vizio contro natura che grida vendetta al cospetto di Dio. Nella laterale Cappella della Speranza, dedicata a coloro che sono morti di AIDS, è collocato un’immagine di un Cristo effeminato, adornato con strisce arcobaleno e coronato con dei fiori di loto, che simboleggiano la depravazione new age di ascendenza orientale. (da Intermultiplices una vox – marzo 2019)
    Il peccato contro natura è stato da sempre condannato. San Paolo dice esplicitamente che questi peccatori ovviamente non pentiti, sono esclusi dal Regno di Dio. Nel catechismo di San Pio X il peccato contro natura è collocato tra i peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio. Per evitare ogni ambiguità sarebbe opportuno che dal Papa fino al più umile sacerdote si proclamasse la vera dottrina della Chiesa cattolica con la condanna dei peccati più esibiti nella società. Il tutto in una pagina da leggere in Chiesa una volta all'anno. I sacerdoti che non si adeguano facciano un altro mestiere.
    _____________________________________
    ULTIMA ORA: Dopo tante smentite, oggi Deutsche Bank e Commerzbank hanno confermato ufficialmente di essere in trattativa per arrivare ad una fusione. Entrambe le banche non avrebbero una situazione positiva, Comunque il progetto è quello di realizzare un colosso con oltre 2.500 filiali e in grado di tutelare gli interessi nazionali.
    _____________________________________

    IL LIBRO DELLA SETTIMANA

    DEMOCRAZIA VENDESI
    Dalla crisi economica
    alla politica delle
    schede bianche


    di Loretta Napoleoni
    Ed. Rizzoli - € 14

    Era prevedibile tutto ciò? La risposta è sì, come dimostra Loretta Napoleoni in questo libro appassionato, documentato, denso di scomode verità e illuminanti incursioni nella Storia. È stato previsto? La risposta è no. Dati alla mano, l'autrice spiega come i governi nazionali e le istituzioni internazionali hanno fallito nel loro compito di proteggere i cittadini e oggi insistono nel loro errore. Di fronte a questo disastro, in un anno in cui gran parte del continente andrà al voto, è il momento di tornare a pretendere decisioni coraggiose, capaci di infrangere tutti i tabù, persino quello dell'uscita dall'euro. Napoleoni ne illustra alcune: modi per riscoprire l'immenso potenziale delle nostre economie locali, per organizzare forme alternative di finanziamento, per creare una nuova partnership mediterranea. Il futuro, come già profetizzava Keynes, ha bisogno di soluzioni che rendano obsoleto il presente. "Ai tempi delle grandi dittature del Novecento in Europa si moriva per la libertà, i diritti umani, la giustizia e la democrazia. Oggi si muore per i debiti." Non è una crisi passeggera, è il capitalismo come lo conosciamo che non funziona più. L'euro, la moneta unica creata troppo in fretta e gestita con scellerata leggerezza, ha favorito le economie floride del Nord Europa a scapito di quelle periferiche. E ha innescato una spirale distruttiva che sta travolgendo le democrazie del Sud, dove ormai decisioni come le tasse, le pensioni, gli investimenti in istruzione sono guidate da Bruxelles, non dai singoli governi. Peccato che le misure che vengono imposte, sempre le stesse – tagli, austerità, sacrifici – si stiano rivelando pesantemente recessive. E se continua a scivolare nella povertà, presto l'Italia diventerà una colonia del Nord Europa: un Paese sottomesso e in miseria in cui esportare le proprie merci e qualche volta andare in vacanza.
    __________
    LA MIGLIORE DELLA SETTIMANA
    L'UNIONE DEGLI ZINGARETTI






















    Vignetta di Giannelli - Corriere della Sera 11/3/19


    _____________________________________