Associazione
Cattolici Genovesi

 



















Indice generale
del sito




Collegamenti
a siti consigliati




Home


Mail

 
 
   

 
Christus Vincit


Cattolici Genovesi

Cercare la Verità - Conoscere la Verità - Difendere la Verità


 

Questo sito Internet dal titolo si può rilevare l'intento di affermare nel campo della comunicazione una voce cattolica chiara e forte su ogni argomento che quotidianamente si presenta.
Molti sono i temi che intendiamo affrontare con semplicità e chiarezza in modo da essere compresi da tutti coloro che intendono abitualmente avere contatti.
Noi ci rivolgiamo a tutti e speriamo di fare di questo sito non solo un modo per trasmettere informazioni, idee ma, desideriamo che coloro che troveranno il nostro modo di affrontare gli argomenti di loro gradimento ci facciano conoscere le loro opinioni, ci inviino se credono materiale che in ogni caso verrà esaminato e se ne terrà conto successivamente. Anche per coloro che volessero farci una critica, speriamo garbata, sempre nell'ambito delle nostre possibilità cercheremo di rispondere in qualche modo.
La nostra aspettativa è quella di creare le premesse per favorire la crescita di un punto di riferimento, dando non solo a chi collabora di far conoscere le proprie idee ma anche ad altri a partecipare alla formazione di un centro di opinione. La vastità degli argomenti affrontati ci permettono di dare un'idea precisa della nostra visione delle cose che è e che deve essere sempre cattolica.
Non abbiamo la pretesa di far la predica a nessuno, né pretendiamo di giudicare gli altri migliori o peggiori di noi, la cosa non ci interessa, ma sulle idee, sui comportamenti esprimiamo sempre la nostra valutazione.
Spesse volte nel dire la verità forse qualcuno può esserne dispiaciuto, non è nostra intenzione offendere nessuno, ma ciò che riteniamo giusto non deve essere taciuto.
Chi siamo ? Siamo cattolici senza nessun aggettivo. Le tante classificazioni di cattolici molte volte sono riduttive, spesso devianti ed a volte sicuramente errate, per questo le rifiutiamo.
Apprezziamo i progressi della scienza e della tecnica ma riteniamo che il mondo presente non sia dominato esattamente da una visione cristiana; anzi, dall'esatto contrario. Molte delle cose che ci vengono gabellate come progresso, diritti umani o diritti di libertà siano esattamente il contrario; regresso, licenza e schiavitù. Chi avrà pazienza di seguirci capirà presto a cosa ci stiamo riferendo.
Un'ultima cosa, vogliamo ancora dire, in quanto cattolici noi non abbiamo né complessi di colpa per la storia passata né riteniamo di dover ricorrere ad altre istituzioni civili o religiose per poter essere cattolici. Ricerchiamo la verità ma, i fondamenti li conosciamo già con certezza senza bisogno di rivolgere la nostra attenzione altrove. Siamo fedeli alla Santa Romana Chiesa perché crediamo a tutti i dogmi così come ci sono stati proposti, seguiamo i comandamenti ed i principi morali da sempre stabiliti.

Il sito si articola in vari comparti dove trovano opportuna collocazione i vari argomenti. Chiunque sia interessato a partecipare è invitato a contattare i responsabili dei vari settori.


COME VISITARE IL SITO
la cosa più spiacevole è perdere tempo e farlo perdere agli altri. Pertanto, il modo più veloce per vedere i contenuti è quello di esaminare per primo
L'INDICE GENERALE DEL SITO
Se troverete qualcosa di interessante, potrete poi entrare nei singoli settori.
Grazie per la scelta.
 

Rino Tartaglino           


 
 

___________________________________

(cultura)

Foglio per comunicazione ai soci
___________________________________
- 26/2/21
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________
- 26/2/21
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________
- 27/2/21
(Politica - Economia - Costume)
__________________________________________
- 30/11/17
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________________
- 1/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 2/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 3/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
_____________________________________________

S. MESSA IN LATINO
(rito romano antico)

DOMENICHE E FESTE DI PRECETTO

ORE 9,45

CHIESA DI S. STEFANO
(sopra) Via XX Settembre - GENOVA - Tel. 010.58.71.83

ASS. UNA VOCE - GENOVA

___________________________________
_______________________________
- 15/12/17
(Devozioni e Preghiere)
_______________________________
- 16/12/17
(Devozioni e Preghiere)
___________________________________
- 19/12/17
(Progetto Europa)
___________________________________
- 27/12/17
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 6/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 11/1/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 6/1/18
(una voce)
___________________________________
- 15/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 1/2/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 2/2/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 10/2/18
(Politica - Economia - Costume)
  • USA E RUSSIA: IL RIARMO NUCLEARE
    L'Europa agli europei
  • ___________________________________
    - 15/2/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 20/1/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 10/3/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________
    - 5/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________
    - 15/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 20/7/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 17/3/2018
    (Politica - Economia - Costume)

    ___________________________________

    - 25/4/2020
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 25/1/2020
    (Politica - Economia - Costume)

    ___________________________________
    - 25/1/20
    (cultura scienza fede)
    _________________________________________
    - 14/11/20
    (cultura scienza fede)
    _________________________________________

    -14/11/20
    (Politica - Economia - Costume)

    _________________________________________
    - 10/1/21
    (una voce)
    ___________________________________


    _________________________________________

    17 Ottobre 2021            Informazioni            N° 42
    _________________________________________
          Foglio di comunicazione interna
    www.cattolicigenovesi.org
    _________________________________________
    Ricorda che dalle belle azioni del singolo dipende il destino di tutti

    Alessandro Magno

    _________________________________________
    SANTI E BEATI

    Sant'EDVIGE Duchessa di Slesia e di Polonia - Festa 16 ottobre
    Nata nel 1174 nell’Alta Baviera, fu duchessa della Slesia, sposa di Enrico I detto il Barbuto. La sua condizione nobile non le vietò di vivere a fondo la propria fede, dando prova di profonda devozione ed esprimendo in diversi modi la carità verso gli ultimi e l’intenzione totale di porre tutta la sua persona a servizio degli altri. Provata da diverse sventure familiari e addolorata dalla rivalità tra i due figli, seppe mostrare sempre la mitezza e la saggezza di chi vive un profondo desiderio di pace. Stile che applicò nella vita di corte e nella politica estera. Quando il marito fu fatto prigioniero di guerra ne ottenne la liberazione. Si adoperò per migliorare le condizioni di vita dei carcerati e usò gran parte delle sue rendite per i poveri. Praticò un’austerità personale volta a una mortificazione offerta come segno concreto per chi viveva chiuso nel peccato e nell’egoismo. Principessa e penitente, sposa fedele e madre dolorosa, sovrana giusta e benefica, Edvige morì nel 1243 e subito venerata come santa, sia dai fedeli germanici che da quelli slavi.
    ______________________________________________________________
    EDITORIALE
    MARIO DARGHI DOVE VA?
    Mario Draghi, uomo dalla carriera brillante in campo nazionale ed internazionale è stato chiamato da Mattarella a formare il governo in sostituzione di un precedente governo poco efficiente e contradditorio. La scelta di incaricare Draghi non è solo di Mattarella ma sicuramente su indicazione da parte di quell’élite economico-finanziaria dalla quale il banchiere Draghi è un eminente rappresentante. Draghi viene subito salutato come salvatore della Patria dai giornali di regime e tutti i partiti escluso Fdi si affollano nella maggioranza. I due compiti che si era assunto il governo Draghi era di risolvere il problema della infezione da coronavirus e avviare la ripresa economica. L’azione politica del governo poteva svilupparsi sempre nell’interesse dell’Italia anche con qualche divergenza da quelle che sono le pretese dell’Unione europea che non sono mai in contrasto con gli interessi dell’Élite economico-finanziaria oppure, attenersi ai programmi esposti a Davos dal World Economic Forum cioè, economia sostenibile e digitalizzazione. Per quanto riguarda la lotta alla pandemia come già il governo precedente ha puntato tutto sul vaccino proprio come nell’interesse delle grandi imprese farmaceutiche. Tenute in ombre le cure domiciliari che pure esistono ma che potrebbero danneggiare la campagna vaccinale. Anzi, sembra che si voglia fare gli apripista per la vaccinazione 100% con il ricatto del green pass. Cosa assai gradita ai fabbricanti di vaccini.
    Della scelta ecologica totalmente accettata senza alcuna critica, per ora abbiamo visto solo aumento dei prezzi, dopo, implicherà chiusure di aziende non compatibili con la svolta ecologica col rischio di aumento della disoccupazione nella illusione di fermare il clima.
    Abbiamo visto che il governo vuole aumentare la tassazione sugli immobili anche se non subito. Questa misura, come al solito ce lo chiede l’Unione europea; ma, ricordiamo che nei programmi di Davos vi è la scomparsa della proprietà. Il dott. Klaus Schwab, il presidente del World Economic Forum ha sentenziato:
    “Non possiederete niente e sarete felici”.
    Infine, la digitalizzazione ne abbiamo un esempio nel green pass, strumento usato per imporre la vaccinazione a coloro che non sono ancora vaccinati. Questa scelta continuerà ad operare anche in altri ambiti. Chi non si allinea alle scelte del governo di qualsiasi argomento politico, religioso o sociale, verrà individuato e discriminato. Il governo Draghi da quanto detto sopra, risulta completamente allineato ai programmi dell’élite economico–finanziaria. La vaccinazione come unico rimedio alla pandemia, senza riconoscere l’importanza delle cure, serve a soddisfare l’affarismo delle imprese farmaceutiche al di là della utilità del vaccino. La scelta ecologista avrà effetti gravi sulla nostra economia in termini di costi e di occupazione. Il digitale oltre ad accelerare certe procedure, abolirà di fatto la riservatezza, limiterà la nostra libertà e potrà essere usato per discriminare i cittadini che non si allineano costringendoli a fare quello che non vogliono fare. In questa lotta contro il mondialismo si distingue solo Fratelli d’Italia ed anche la Lega che pur facendo parte della maggioranza di governo di solito ha un atteggiamento critico. Tutti gli altri partiti hanno sposato la linea Draghi.

    Rino Tartaglino

    _______________________________

    ILLUSTRAZIONE: I poteri forti internazionali controllano i governi che non difendono il popolo; ma fanno l'interesse di queste élites.
    _______________________________

    I CATTOLICI E LA POLITICA

    A partire dagli anni ’60 la società si è sempre più laicizzata ed i cattolici si sentono sempre meno rappresentati. È difficile vivere da cattolico in una società dominata da uno spirito laicista che è anti cattolico. Il mondo che si prospetta in termini non lontani dove trionfa il pensiero unico della società della sorveglianza guidata da una élite economico-finanziaria si stampo settario e sicuramente nemico del cattolicesimo quale via dobbiamo prendere? Chiudersi nelle catacombe nell’attesa che il mondo dell’Anticristo crolli magari a seguito di un evento catastrofico oppure, partecipare attivamente alla vita politica per evitare il peggio. È nostro dovere partecipare alla vita politica con i nostri principi che hanno contribuito a formare la più grande civiltà che la storia abbia realizzato. Sul sito del La Bussola Quotidiana sono apparsi due articoli che riportano la posizione dei cattolici in politica. Il confronto si riferisce solamente a come deve essere il cattolico in politica senza fare alcun riferimento ad organizzazioni di tipo partitico organizzativo. Su la Bussola quotidiana viene messa a confronto la tesi esposta nella lezione tenuta dall’arcivescovo Giampaolo Crepaldi, per l’inaugurazione della Scuola di Dottrina sociale della Chiesa dedicata a «Ricominciare dalla politica, ricominciare dal basso», e l’articolo apparso sul quotidiano “Il Foglio” scritto da Eugenia Roccella ex parlamentare. Roccella dice: se il mondo diventerà post umano, allora sarà anche post cristiano. Crepaldi dice: se il mondo diventerà post-cristiano, allora sarà anche post-umano. Roccella dice ai cattolici che “bisogna inserirsi nei guasti della nuova antropologia” e non creare “sette spaventate” e “circoli chiusi e asfittici”. Crepaldi, invece, dice che bisogna tirarsi fuori dall’attuale sistema, creare una nuova società civile cattolica non per chiudersi nel piccolo perimetro ma per ricominciare a parlare di politica a partire dalla fede, ossia per esprimere politici cattolici e non cattolici politici. Roccella mette al centro la questione antropologica, come questione di ragione, e da lì vuole risalire alla questione teologica, come questione di fede. Crepaldi mette al centro la questione teologica e da lì vuole scendere alla questione antropologica. Per dirla con Augusto Del Noce: “il processo deve andare dalla fede alla ragione”, perché, come scriveva Gilson: “la ragione non basta alla ragione”. Il cattolico deve sempre presentarsi come tale. Va ricostruito una unità di fede e, soprattutto, dopo essersi chiariti che cos’è la fede cattolica potrà produrre razionalità politica. La Democrazia Cristiana è caduta per questioni giudiziarie non certo per la sua coerenza alla fede cattolica che era venuta meno. Se avesse agito sempre coerente con la sua fede sarebbe ancora in Parlamento. I cattolici per esistere devono fare i cattolici e non venire a compromessi con il mondo.
    ____________________________

    ILLUSTRAZIONE: Un manifesto della Democrazia Cristiana di quando era cristiana.
    _______________________________________________
    11/10 - TASSARE LE MANCE: La Cassazione ha stabilito che sulle mance si pagano le imposte sui redditi come se fossero parte della retribuzione.
    A forza di raschiare sul fondo del barile, sembra che si sia arrivati all'accattonaggio fiscale.

    11/10 - LA MARCIA DELLA SINISTRA: Dopo la manifestazione di sabato dove vi è stato l'assalto alla sede della Cgil di Roma, la sinistra ed il sindacato hanno indetto per sabato 16 ottobre una manifestazione in piazza San Giovanni contro il fascismo.
    La sinistra sempre a corto di argomenti, va a caccia di fantasmi, specialmente sotto le elezioni.
    _______________________________________________

    11/10 - LE SOFFERENZE DEI CATTOLICI: Cifre alla mano, sembra non avere freni la riduzione del numero dei sacerdoti nel nostro Paese. Nel 2019 il numero dei sacerdoti è di 39.804 unità, solo dieci anni fa vi erano quasi 10.000 sacerdoti in più. I sacerdoti, risultano essere mediamente più anziani rispetto alle statistiche precedenti. Questo fatto è dovuto al passare del tempo ed al calo delle vocazioni. L’età media dei sacerdoti dioceani è passata da 57 anni del 1990 a 61 anni del 2019. La carenza di sacerdoti costringe molti di loro a seguire più parrocchie. Un caso limite di don Renzo Casarotti al quale sono affidate 17 parrocchie. Per carenza di vocazioni vi sono seminari costretti a chiudere. Le vocazioni resistono ancora in alcune Regioni del Sud. Vi sono circa 4.000 diaconi che sono diventati fondamentali e sopperiscono quanto possono ma non possono essere sostitutivi. Si registrano inoltre, un calo di presenze dei fedeli e di conseguenza anche delle donazioni che sono sotto i 10 milioni.
    Le difficoltà della Chiesa sono conosciute da tempo. Una delle cause è la laicizzazione della società. La propaganda laicista ha fatto passare il nichilismo come modernità e quindi normalità. Questo ha contribuito ad allontanare i giovani dalla Chiesa. Le leggi anti sociali come l'aborto, il divorzio, le coppie di fatto, ecc... hanno allontanato i fedeli dalla Chiesa. Poi i fedeli non hanno agito con sufficiente fermezza nel difendere i principi morali della religione cattolica. Infine, la Chiesa che ha cercato di avvicinarsi al mondo con lo scopo di cristianizzarlo ma questa tecnica di dialogo che mette tutto sullo stesso piano non ha avvantaggiato la Chiesa ma l'ha danneggiata. Il dialogo col mondo ha trasformato le certezze della fede in elementi probabilistici, Così invece di avvicinare il mondo alla Chiesa la gente a percepito un messaggio contrario. La Chiesa per aggiornarsi ha preso il messaggio del mondo facendolo proprio. Almeno, questa è la percezione di quanti hanno abbandonato la religione perché ritenuta una delle tante.
    ________________________________
    12/10 - GREEN CARD: Il certificato vaccinale è il mezzo per obbligare chi non ce l'ha cioé i non vaccinati a farsi vaccinare; ma, siccome questo documento continuerà ad esistere anche dopo la pandemia diventerà uno scopo per mezzo del quale servirà ad erogare diritti solo a chi lo possiede. La tessera ci trasformerà in utenti virtuali e un'apposita norma consente lo scambio di dati senza consenso. Così sarà usata per altri fini, dal fisco alle multe ed anche per l'euro digitale.
    Sarà il certificato di buona condotta. Chi non sta in riga viene sanzionato, in base ad un algoritmo il messaggio arriverà direttamente sul tuo smartphone.

    12/10 - SUPERMAN JR E' BISESSUALE: Attenzione la DC Comics lancia il nuovo Superman Jon - ovvero il figlio di Ken Clark e di Lois Lane - e lo disegna secondo le linee guida dettate dal politicamente corretto. Superman Jon combatte tutte le ingiustizie come al solito ma, soprattutto comincia una relazione amorosa con un amico.
    Tutto in linea con la stupidità dei tempi attuali.
    ________________________________

    12/10 - DRAGHI INDEBOLISCE LA SANITA’ Come prescritto dal Grand Reset di Davos – tagliando ancora più fondi alla Sanità: verso la privatizzazione della salute, solo chi potrà pagarsela si farà curare. Ma gli italiani non se ne accorgono perché la TV non glielo sta dicendo.
    A Draghi frega così tanto della vostra salute (che, secondo voi, intenderebbe tutelare a botte di sieri genici ) che taglia ulteriori miliardi proprio alla Sanità! Ma a voi che ve frega? Tanto adesso siete “immunizzati” (giusto?), quindi in ospedale non ci andrete mai potrete raggiungere la vita eterna seduta stante! La pandemia cambia tutto tranne il liberismo. Il governo Draghi è pronto ad indebolire ulteriormente la sanità con quasi 6 miliardi di tagli: è quanto emerge dalla Nota di aggiornamento di economia e finanza.

    Dopo tutti i dibattiti sui vaccini a difesa della nostra salute, addirittura la costrizione a vaccinarsi con l'introduzione del green pass per essere tutti obbligatoriamente immunizzati scopriamo che la politica attuale ricalca le stesse linee percorse dai governi precedenti le cui carenze sanitarie sono poi venute alla luce quando è arrivata la pandemia.
    ________________________________

    13/10 - LA SCUOLA CATTOLICA (FILM ): La notizia, è questa. Al festival di Venezia è stato proiettato un film fuori concorso intitolato La scuola cattolica, tratto dall'omonimo romanzo di Edoardo Albinati. La tesi conclamata dai due Tg è che l'orribile delitto del Circeo (tre giovani criminali massacrarono una ragazza), di cui le cronache si sono occupate per molto tempo, è stato commesso da quei tre ragazzi a causa dell'educazione ricevuta in una scuola cattolica. Repressi da quella educazione e quindi terribili assassini: questa la tesi insinuata dai due Tg, pagati da noi. Tesi evidentemente strumentale per descrivere nel peggiore dei modi l'educazione data dalle istituzioni cattoliche. Infatti, potrebbe anche essere che i tre criminali, usando male della loro libertà e dei loro istinti, abbiano commesso l'orribile delitto "malgrado" l'educazione ricevuta nella loro scuola. Chi può dirlo? Basterebbe questo dubbio per impedire ai due Tg pubblici di far girare una notizia assolutamente tendenziosa.
    E' impossibile che nelle scuole italiane di qualunque genere si sia insegnato comportamenti criminali è perversioni. I tre delinquenti hanno compiuto il crimine per sola responsabilità loro. Il comportamento successivo al delitto dove morì una ragazza e un'altra si salvò per caso, cercarono di sfuggire alla giustizia senza mostrare il minimo pentimento, evidenza peronalità miserabili che non potevano certo apprendere qualcosa da qualcuno. erano delinquenti fatti da sé.
    ________________________________
    13/10 - 15/10, IL GIORNO DEL GREEN PASS: Il governo è preoccupato per la minaccia del blocco dei porti annunciato dai portuali di Trieste. Il Viminale invita le aziende a fare i tamponi gratis ai camalli. Questi rifiutano i tamponi e chiedono che venga abolito il certificato. Il ministro Orlando tira dritto: "Nessun favore a chi non si vaccina"
    Questo documento obbligatorio per lavorare è un green pass(ticcio).

    13/10 - TEXAS, VIETATO IMPORRE LA PUNTURA: Il governatore Greg Abbot ha emanato un provvedimento che indica il divieto anche per le aziende private di imporre la vaccinazione Covid-19 a qualsiasi individuo. Il provvedimento con molta probabilità verrà impugnato in tribunale come è avvenuto per l'altro provvedimento che faceva divieto di obbligo di indossare la mascherina.
    Il Governatore Greg Abbot va in controtendenza rispetto al governo federale. Il Texas è lo Stato dove si pagano meno tasse e vi sono più libertà.
    ________________________________

    14/10 - LAMORGESE AMMETTE: Alla fine è arrivata la confessione durante il tempo dei quesiti alla Camera. Il ministro Luciana Lamorgese ha ammesso che l'attacco alla sede della Cgil, a Roma, ad opera di Forza Nuova, è stata tollerata per non rischiare ulteriori disordini di piazza con un intervento repressivo. A questa giustificazione Giorgia Meloni ha accusato la ministra di utilizzare la strategia della tensione.
    L'invasione e la devastazione della sede della Cgil si poteva evitare con una massiccia presenza di forze della polizia. e non si è fatto, i casi sono due: per incapacità oppure lasciare che abbia corso questa aggressione per impedire le manifestazioni successive.

    14/10 - CURE DOMICILIARI: Medici che hanno dato corso a cure domiciliari con buoni risultati sono numerosi. Lo studio del Prof. Giuseppe Remuzzi dell'Istituto Mario Negri di Milano ha dato ufficialmente notizia di una cura che rende possibile il trattamento domiciliare nelle prime fasi dell'infezione con l'utilizzo di antiinfiammatori, cortisonici e antibiotici o eparina. Notizia già in circolazione da mesi ma il ministero non si è mai impegnato a promuovere.
    Le cure domiciliari possono abbattere i ricoveri ospedalieri ma il ministero della Salute forse teme che queste cure potrebbero fermare la campagna vaccinale e per questo non ha fatto niente per farle adottare col rischio di morti in più che si potevano evitare.
    ________________________________

    14/10 - LA MESSA IN RITO ROMANO: Il Papa ha detto che la Messa in Latino può essere causa di divisione tra i fedeli anche a motivazione del rifiuto del Concilio Vaticano II. Padre Paul-Joseph, Superiore del Distretto francese della Fraternità San Pietro. In un’intervista a Famille Chretienne, ha affermato che “la Fraternità San Pietro non ha mai rifiutato il Concilio Vaticano II. Per noi non presenta difficoltà di fondo, ma solo richieste di chiarimenti su alcuni punti che interpretiamo alla luce della tradizione della Chiesa, come raccomandato da Benedetto XVI”. Per quanto riguarda alcuni aspetti che non erano parte dell’insegnamenti dei Papi precedenti che possono apparire in discontinuità rispetto alla dottrina cattolica di sempre. Ad esempio la libertà religiosa, l’ecumenismo, la collegialità, per citare solo le più importanti. La Fraternità San Pietro riduce tutto questo a un problema di interpretazione e di dettaglio.
    Essendo un abituale fedele della Messa di San Pio V devo dire che il Vaticano II non è mai stato argomento di discussione o di controversie tra i frequentatori. Benedetto XVI ha detto che è nella continuità. La libertà religiosa riguarda il rapporto con altri e non certo che non si debba convertire i non credenti. L'ecumenismo può essere accettato se ha lo scopo di convertire gli altri. la collegialità riguarda l'aspetto organizzativo e non è certo una verità di fede. Quindi il Vaticani II non è argomento che può essere accampato per escludere la Messa di San Pio V.
    ________________________________

    15/10 - L’EUTANASIA LEGALE: Il giornalista di Avvenire, Salvatore Mazza ha scritto un articolo apparso su Korazym.org in merito alle falsità che vengono propalate per spingere avanti un progetto di legge sull’eutanasia. Riportiamo di seguito alcune sue considerazioni. Condivido di seguito un commento sull’«inganno mascherato del diritto di morire» («Si vuole il referendum per arrivare a decidere della vita altrui, degli scarti sociali, a cominciare dagli anziani. E poi gli handicappati e chi non viva una vita “dignitosa” secondo criteri dettati da altri, nel nome di un’affermazione dei diritti individuali come regolatori della convivenza civile al posto dei diritti personali»). Un testo da inquadrare e da mettere al muro, preferibilmente nel salotto e da ricordarsi quando si andrà a votare per il referendum inganno su Eutanasia Legale (ovvero l’eugenetica resa legge). Il testo è scritto da Salvatore Mazza, che ha la Sclerosi laterale amiotrofica (Sla)… e soprattutto ha occhi per scrivere ancora, pubblicato su Avvenire online. Dietro ogni slogan, generalmente, c’è una bugia. Nel caso di quello radicale per il referendum pro eutanasia – «Liberi di scegliere, fino alla fine» – la bugia è colossale. Perché non cambierebbe nulla. Io, tanto per fare un esempio, ho la Sla, gran brutta malattia che mi ha costretto a letto, non mi posso muovere, non parlo, non mangio e non respiro in modo autonomo, non potrò mai guarire ma solo peggiorare. Quando dovessi aggravarmi, o non farcela più, potrei rifiutare quello che nel mio caso è solo accanimento terapeutico. Lasciamo da parte la Dottrina, sulla quale non dovrebbero esserci più dubbi dopo tutte le precisazioni dei Papi da Pio XII in poi. Come spiega il Catechismo, «non si vuole così procurare la morte: si accetta di non poterla impedire». Sulla legge, l’articolo 32 della Costituzione afferma che nessuno può essere costretto a subire cure non volute. E la sentenza della Corte costituzionale, che ha parzialmente depenalizzato il concorso al suicidio, ha messo paletti ben precisi: non è perseguibile chi agevoli l’esecuzione del proposito di suicidio, liberamente formatosi, di una persona tenuta in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetta da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche o psicologiche che reputi intollerabili, ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli, sempre che tali condizioni e le modalità di esecuzione siano state verificate da una struttura pubblica del servizio sanitario nazionale, previo parere del comitato etico territoriale. Passasse il referendum, non si semplificherebbe l’iter per passare dalla decisione del soggetto all’atto. E per allargare i paletti della Consulta serviranno comunque nuove leggi che estendano i casi in cui il suicidio assistito è applicabile. Il discorso qui si fa molto ambiguo, perché si scivolerebbe verso l’eutanasia attiva, dove un altro sarebbe autorizzato a decidere in mia vece. È questa la vera posta in palio con il referendum. Non quello che si vuole far credere. Una grande, enorme bugia, dunque. Si vuole il referendum per arrivare a decidere della vita altrui, degli scarti sociali, a cominciare dagli anziani. E poi gli handicappati e chi non viva una vita “dignitosa” secondo criteri dettati da altri, nel nome di un’affermazione dei diritti individuali come regolatori della convivenza civile al posto dei diritti personali. È davvero questa la società che vogliamo?
    L'eutanasia è un suicidio e spesso un aiuto a compire un suicidio. L'eutanasia è un omicidio di sè stesso. I sostenitori dell'eutanasia indicano come un atto di libertà Ma noi sappiamo che tutto ha un limite. Dostojewski fa dire a Raskolnikov per dimostrare di essere assolutamente libero bisogna commettere un delitto. ma alla fine non sei libero. Nei Paesi dove già eistono leggi simili si ha una evoluzione prima si dice che devi essere libero di suicidarti poi man mano che passa il tempo si scopre che si applica l'eutanasia ad altri come i bambini che non posono scegliere fino ad arrivare ad imporre l'eutanasia come dovere sociale perché sei un peso insostenibile.
    ________________________________

    15/10 - ANTIFASCISMO: L'aggressione di sabato alla sede della Cgil non ha fatto altro che accentuare le accuse della sinistra contro i fascisti. Se adesso il bersaglio sambrano essere i militanti di Forza Nuova, nella realtà si vuole colpire Giorgia Meloni e Fdi e indirettamente anche Salvini e la Lega.
    La sinistra prferice lottare contro i fantasmi del passato che contro i nemici del presente. Chi vuole caricarci di tasse, chi può ricattarci con lo spread, chi vuole imporci la disastrosa scelta ecologista che farà aumentare i costi e la disoccupazione. Non certo i fantami del passato che ritornano sotto le sembianze dei militanti di Forza Nuova o di Casa Pound che non contano nulla e al massimo sono un problema di polizia ma, alcuni signori di Bruxelles o certi speculatori di Wall Street che possono farci molto male.
    ________________________________
    IL GRANDE BERLUSCONE
    PENSA D'ESSER NAPOLEONE

    Il cavalier Berlusca
    scende a prima vista,
    anche se poi le busca
    ritorna sempre in pista.
    E' un abile costruttore
    aiutato dalla politica,
    diventa imprenditore,
    della tivù più mitica.
    Finita la Democrazia
    per via giudiziaria
    con la sua valentia,
    manda il Pci all’aria.
    Poiché è sceso in campo,
    lui non ha più scampo.
    Cento processi preparati
    son dai giudici impegnati,
    ogni cosa che ha fatto
    è prova di un misfatto.

    Un po’ è vincente,
    poi all’opposizione,
    fa il bene della gente
    ma in contraddizione,
    ai magnati della finanza
    che riuniti in una stanza
    per l’Italia mandar giù
    lo spread fan salir su.
    Berlusconi è minacciato,
    il governo ha poi lasciato.
    Una cosa ora ha capito,
    ai banchieri così piace
    va al centro rinsavito,
    viene lasciato in pace.
    Vuol fare il federatore
    di questo centrodestra
    lo fa senza clamore
    di tutta la nuova destra.
    E con tanta abilità
    al centro la porterà.
    Ha un sogno impellente
    fare ancora il presidente.
    La cosa è assai bella
    sostituire Mattarella.
    Per lui sarà vera gloria,
    già nei libri di storia.
    Ma se visto da vicino,
    per noi resta piccino.
    ________________________________
    15/10 - IN VIGORE IL GREEN PASS: Da oggi chi non esibisce il certificato vaccinale non può andare a lavorare. Questa forma restrittiva che non esiste da nessuna parte crea dei problemi che non sempre possono essere risolti. Giornali esteri commentano in maniera preoccupata per questa restrizione che rischia di bloccare l'economia.
    Tenuto conto che gli asintomatici non sono contagiosi e sono la maggioranza di quelli con il tampone positivo al virus, si poteva benissimo non introdurre questo certificato per accedere al lavoro, bastava prendere qualche precauzione come mascherina e distanziamento e prendere la tamperatura corporea e lasciare libero il lavoro da altri obblighi. Nella realtà questo obbligo non è stato introdotto come misura sanitaria ma solo per decisione politica per costringere i non vaccinati a vaccinarsi.
    ________________________________


    16/10 - GRANDE MANIFESTAZIONE: Oggi a Roma si è svolta la manifestazione antifascista organizzata dai sindacati, in prima linea dalla Cgil a seguire hanno aderito la Cisl e la Uil e componenti dei partiti di sinistra. Questa voleva essere la risposta all'aggressione alla sede della Cgil di sabato scorso.
    I partiti di centrodestra non hanno aderito perché la manifestazione è stata ritenuta strumentale e propagandistica visto che si è svolta nel periodo di silenzio elettorale.

    16/10 - ALTRA TASSA: Il sottosegretario alla transizione ecologica, Roberto Cingolani, ha dato l'annuncio di una tassa sul diesel. La tassa consisterebbe nel taglio agli aiuti dannosi. In pratica si toglierebbero le agevolazioni. Vi è stata subito una levata di scudi per impedirne la introduzione.
    Per adesso l'unica cosa ecologica che abbiamo visto è data dall'aumento delle tasse e del prezzo dell'energia. Domani, se la linea ecologica continuerà rischiamo di pagare di più l'energia con la probabilità di rimanere anche al buio. Il clima, come al solito non segue l'ecologia inventata dai governanti.
    ________________________________

    16/10 - LA LETTERA DEL CARD. BURKE: Papa Francesco in un suo intervento a mo di rimprovero per chi non si vaccina ha ricordato che anche tra prelati uno è addirittura in ospedale. In molti hanno individuato in questo prelato, il cardinale Raymond Burke. Dopo quel periodo di difficoltà per la sua salute passato in ospedale dal card. Burke, adesso sta meglio e come dice può già celebrare la S.Messa. Molti fedeli si sono premurati a pregare per la guarigione di Burke e questi in una lettera ha colto l’occasione per ringraziare ed ha fornito indicazioni sul suo stato di salute. Nella sua parte iniziale, il cardinale Burke rivolgendosi a fedeli che gli sono stati vicino nella difficile prova con queste parole: “Con sentita gratitudine a tutti coloro che hanno pregato per la mia guarigione, vi scrivo per informarvi che, dalla mia precedente lettera, la fisioterapia ha aiutato così tanto la mia riabilitazione che ora sono in grado di offrire quotidianamente la Santa Messa. Le parole non possono esprimere adeguatamente la mia gioia per questo dono della grazia di Dio nella mia vita. Come sacerdote, Vescovo e Cardinale, il ritorno all’offerta quotidiana della Santa Messa, la principale opera quotidiana di ogni sacerdote, mi unisce più pienamente a voi nel nostro legame spirituale come membri del Corpo Mistico di Cristo (cfr. Gv 15, 5-8; Ef 4, 4-13). Allo stesso tempo, la mia guarigione continua a procedere intensamente. La Divina Provvidenza determinerà il momento del mio ritorno alle mie abituali attività pastorali. Nel frattempo, vi prego di aiutarmi a prepararmi, nel miglior modo possibile, per quel momento con le vostre preghiere”. Infine il cardinale Burke conclude con l’invito per i fedeli di pregare quotidianamente il Rosario, così ci avviciniamo alla Madre del Nostro Salvatore con lei partecipiamo al Trionfo della Croce.
    Il ringraziamento del cardinale Burke ai fedeli in Cristo che hanno pregato per la sua guarigione, contiene il riconoscimento del grande potere della preghiera.
    ______________________________

    17/10 - MONS. VIGANO’ SUL GRANDE RESET: Mons. Richard Williamson ha elogiato il lavoro svolto dal cardinale Carlo Maria Viganò volto a proteggere e nutrire non solo il gregge cattolico ma tutta l’umanità. In particolare Williamson fa riferimento alle sue splendide dichiarazioni di fine Agosto di quest’anno, ampiamente riassunta qui di seguito.
    Avremmo dovuto comprendere che il piano del Great Reset non era il frutto dei farneticamenti di qualche “complottista”, ma la cruda evidenza di un disegno criminale, ideato da decenni e volto all’instaurazione di una dittatura universale in cui una minoranza di persone incommensurabilmente ricche e potenti intende schiavizzare e sottomettere l’intera umanità all’ideologia globalista. Gli Stati Uniti d’Europa, l’immigrazione incontrollata, la riduzione dei salari, la cancellazione delle garanzie sindacali, la rinuncia alla sovranità nazionale, la moneta unica, il controllo dei cittadini col pretesto di una “pandemia”, la riduzione della popolazione tramite l’uso di vaccini con nuove tecnologie, non sono invenzioni recenti, ma frutto di un’azione pianificata, organizzata, coordinata. Un’azione che si mostra in tutta evidenza perfettamente aderente ad un unico copione sotto un’unica regia. Dobbiamo anche avere l’onestà di riconoscere la criminalità degli autori di questo piano. Quanto avviene da un anno e mezzo era stato ampiamente annunciato, fin nei minimi dettagli, dagli stessi artefici del Great Reset. Nel 1991 David Rockefeller scriveva: «il mondo è pronto per raggiungere un governo mondiale. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è la “giusta” crisi globale e le nazioni accetteranno il Nuovo Ordine Mondiale». Possiamo affermare, oggi, che questa «“giusta” crisi» coincida con l’emergenza pandemica e con il programma delineato sin dal 2010 dal documento della Fondazione Rockefeller, “Scenari per il futuro della tecnologia e dello sviluppo internazionale”, in cui si anticipavano tutti gli eventi a cui stiamo assistendo. Questa impresa criminale volta a sottomettere l’intera umanità è perpetrata dai burattinai dei governi pubblici, il “Deep State”, infiltrato e nascosto all’interno degli apparati statali e che forma il vero governo delle nazioni. (..) Nella guerra universale vi sono due schieramenti, quello di Dio e quello di Satana. Non è possibile scendere a patti con il nemico di Dio, né si possono servire due padroni. Dove regna Cristo, regna la pace, la concordia, la giustizia; dove non regna Cristo, Satana è tiranno.
    ______________________________
    17/10 - ODIO ANTI CATTOLICO IN USA: L'allarme dei vescovi, oltre 100 episodi di vandalismo negli ultimi mesi. Chiese distrutte e date alle fiamme. Questi fatti riguardano ben 29 Stati e secondo il National Catholic Register - comprendono "graffiti spruzzati sui muri delle chiese, statue cattoliche decapitate o distrutte, lapidi profanate con svastiche ed incendi dolosi a luoghi di culto. Di tutto questo il presidente non dice nulla.
    La persecuzione che prima avveniva presso i Paesi del terzo mondo dove i persecutori erano i sostenitori di altre religioni con atteggiamento fanatico. Adesso, anche nel civile mondo Occidentale avvengono questi episodi di intolleranza e di odio dettato da qualche fanatico religioso ma principalmente da anarchici, atei e satanisti

    17/10 ATTENTATO IN UNA CHIESA INGLESE: Un terrorista somalo di famiglia benestante è entrato in una chiesa Metodista dove si teneva una riunione politica ed ha pugnalato a morte il deputato conservatore David Amess. Il deputato Amess era cattolico e spesso interveniva a favore della comunità islamica.
    La Gran Bretagna è un Paese dove vi è una certa frequenza di attentati di matrice islamica. Dato il grande numero di cittadini di fede islamica vi è il rischio di una rottura sociale col pericolo di disordini da guerra civile.
    _______________________________

    ANNOTAZIONE
    GIANFRANCO CHITI FORSE BEATO
    Il monaco guerriero che stava con la RSI
    La vita di Gianfranco Chiti è stata avventurosa e paragonabile a quella di tanti soldati dell’antica Roma che affrontarono pericoli di ogni genere e non rinunciarono mai alla loro fede. Gianfranco Chiti era nato nel 1921, 100 anni fa. Era figlio di un grande violinista che girava il mondo così visse un periodo in Inghilterra. A 15 anni è in Italia dove si iscrive all’Accademia Militare di Modena. Chiti amava la vita militare ed era un fervente cristiano proprio come un soldato di Cristo. Diventò ufficiale del Regio esercito, combatté in Slovenia e Croazia e fu decorato con la croce di guerra al valore militare. Con il 32° battaglione granatieri partecipò alla campagna di Russia e fu uno dei pochi a tornare vivo. Si prodigò in tutti i modi per salvare i suoi soldati. In qualche occasione aiutò anche la popolazione. Salvò la vita a una ventina di prigionieri russi che i tedeschi gli avevano affidato ma lui li fece fuggire. Per il freddo subì un congelamento ma rifiutò di farsi amputare il piede che poi lentamente riprese la sua funzionalità. Tornò dalla Russia e poi aderì alla Repubblica sociale, combattè con lealtà la sua guerra contro i partigiani sul fronte slavo. Risparmiò la vita a molti di loro e salvò la vita ad alcuni ebrei tra i quali il torinese Giulio Segre e suo padre. Poi Chiti finì internato in un campo di concentramento. Quando fu processato, fu assolto anche per le testimonianze a suo favore di partigiani ebrei e sacerdoti. Fu epurato dall’esercito. Si trasferì in Puglia dove insegnò matematica in una scuola dei Padri Scolopi. Riabilitato, riprese la carriera militare e diventò generale di Brigata e andò ad occupare incarichi importanti. In ultimo fece parte di una misione di pace in Somalia. Nel 1078 si congedò dall’esercito e nello stesso anno si fece frate cappuccino. Ordinato acerdote nel 1982. Chiti non ripudiò mai la sua vita precedente. Per lui spiegò, si era trattato di un servizio: dedizione alla patria, agli uomini e a Dio. Da frate continuò a dispensare aiuti economici ai suoi ex soldati e bisognosi. Poi scelse di fare l’eremita e da solo e avvalendosi dell’aiuto dei ex soldati, restaurò un convento a Orvieto sottraendolo a prostitute e spacciatori. Chiti aveva fatto issare un pennone per fare ogni giorno l’alzabadiera. Gianfranco Chiti morì nel 2004 all’eta di 83 anni e la sua salma è tumulata a Pesaro. Vestita con gli abiti militari sotto il saio. Il vescovo di Orvieto-Todi, Benedetto Tuzia ha avviato il processo di beatificazione che si è concluso felicemente due anni fa. Dunque il processo di beatificazione si è concluso due anni fa ma il Papa non lo proclama beato per via della Repubblica sociale. L’Associazione nazionale allievi di Padre Chiti ha spiegato il suo segretario Agostino Cascelli: “Cosa molto importante che ha sempre creato molti problemi alla causa di beatificazione di padre Chiti è il continuo sottolineare la sua adesione alla Rsi che non fu per convinzioni politiche ma, perché in quel momento era l’unica rappresentanza della patria che lui rispettava. Non basta essere santi per essere procclamati santi ci vuole Il green pass dell’Anpi.
    _____________________________________

    ULTIMA ORA: Continuano le proteste dei contrari al green pass. I ballottaggi per le amministrative procedono a rilento con un consistente calo del numero di votanti.
    _____________________________________

    IL LIBRO DELLA SETTIMANA
    ALLE ORIGINI DI UNA
    STRANA REPUBBLICA
    Perché la cultura politica è di
    sinistra e il Paese è di destra


    di Roberto Chiarini
    Ed. Marsilio - € 19,50

    È un libro che spiega i mali che affliggono l'Italia, risalendo alla formazione della democrazia a partire dalla caduta del fascismo. I tratti originari della nostra Repubblica hanno reso operante la democrazia ma, alla distanza, l'hanno anche anchilosata. L'antifascismo ha comportato l'operatività di una precisa sanzione costrittiva del gioco democratico, sanzione controbilanciata presto sul fronte opposto da una opposta e simmetrica, l'anticomunismo. Destra e sinistra si sono trovate in tal modo, invece che protagoniste - come altrove è «normale» - della dialettica democratica, solo comprimarie, stabilmente impedite da una pesante delegittimazione ad avanzare una candidatura in proprio per la guida del paese. Da ultimo, la configurazione di un «paese legale» connotato da una pregiudiziale antifascista e di un «paese reale» animato da un prevalente orientamento anticomunista ha comportato una palese, stridente asimmetria tra una società politica orientata a sinistra in termini sia di specifico peso elettorale che di obiettivi proposti e un'opinione pubblica molto larga - una maggioranza silenziosa? - per nulla disposta a permettere svolte politiche di segno progressista. L'emersione nel 1994, grazie al passaggio a un sistema tendenzialmente bipolare, della «destra occulta» rimasta per un cinquantennio senza rappresentanza politica diretta ha risolto solo a metà il problema. È rimasta l'impossibilità per una forza politica mantenuta - e tenutasi - nel ghetto per mezzo secolo di esprimere di colpo una cultura, un disegno strategico, una classe dirigente all'altezza del ruolo di comprimaria della sinistra. Al deficit di maturità democratica ha aggiunto, peraltro, un'inclinazione a secondare posizioni vuoi etno-regionaliste (se non dichiaratamente separatiste) inconciliabili con l'ambizione di costruire una forza politica di respiro nazionale. A pagarne le conseguenze continuano a essere non solo destra e sinistra, ma anche le istituzioni democratiche, ingessate come sono in un confronto polarizzato che ha finito con il comprometterne la capacità operativa, soprattutto sul fronte delle importanti riforme di cui il Paese ha un disperato bisogno. Lo scontento e la disaffezione insorti per reazione non potevano non ridare nuova linfa a una disposizione stabilmente coltivata dall'opinione pubblica italiana, conformata a un radicato pregiudizio sfavorevole alla politica. La situazione di crisi e l'inefficienza della politica hanno alimentato l'antipolitica. Questo spiega il successo del movimento di Grillo con tutte le conseguenze sull'instabilità di un regime che non riesce ad uscire da una situazione di crisi prima ancora che economica, politica ed istituzionale.
    _______________________________





    LA MIGLIORE DELLA SETTIMANA
    I CAMALLI SFIDANO DRAGHI. CHI VINCERA'?

















    Vignetta di Krancic - Il Giornale - 13/10/21