Associazione
Cattolici Genovesi

 



















Indice generale
del sito




Collegamenti
a siti consigliati




Home


Mail

 
 
   

 
Christus Vincit


Cattolici Genovesi

Cercare la Verità - Conoscere la Verità - Difendere la Verità


 

Questo sito Internet dal titolo si può rilevare l'intento di affermare nel campo della comunicazione una voce cattolica chiara e forte su ogni argomento che quotidianamente si presenta.
Molti sono i temi che intendiamo affrontare con semplicità e chiarezza in modo da essere compresi da tutti coloro che intendono abitualmente avere contatti.
Noi ci rivolgiamo a tutti e speriamo di fare di questo sito non solo un modo per trasmettere informazioni, idee ma, desideriamo che coloro che troveranno il nostro modo di affrontare gli argomenti di loro gradimento ci facciano conoscere le loro opinioni, ci inviino se credono materiale che in ogni caso verrà esaminato e se ne terrà conto successivamente. Anche per coloro che volessero farci una critica, speriamo garbata, sempre nell'ambito delle nostre possibilità cercheremo di rispondere in qualche modo.
La nostra aspettativa è quella di creare le premesse per favorire la crescita di un punto di riferimento, dando non solo a chi collabora di far conoscere le proprie idee ma anche ad altri a partecipare alla formazione di un centro di opinione. La vastità degli argomenti affrontati ci permettono di dare un'idea precisa della nostra visione delle cose che è e che deve essere sempre cattolica.
Non abbiamo la pretesa di far la predica a nessuno, né pretendiamo di giudicare gli altri migliori o peggiori di noi, la cosa non ci interessa, ma sulle idee, sui comportamenti esprimiamo sempre la nostra valutazione.
Spesse volte nel dire la verità forse qualcuno può esserne dispiaciuto, non è nostra intenzione offendere nessuno, ma ciò che riteniamo giusto non deve essere taciuto.
Chi siamo ? Siamo cattolici senza nessun aggettivo. Le tante classificazioni di cattolici molte volte sono riduttive, spesso devianti ed a volte sicuramente errate, per questo le rifiutiamo.
Apprezziamo i progressi della scienza e della tecnica ma riteniamo che il mondo presente non sia dominato esattamente da una visione cristiana; anzi, dall'esatto contrario. Molte delle cose che ci vengono gabellate come progresso, diritti umani o diritti di libertà siano esattamente il contrario; regresso, licenza e schiavitù. Chi avrà pazienza di seguirci capirà presto a cosa ci stiamo riferendo.
Un'ultima cosa, vogliamo ancora dire, in quanto cattolici noi non abbiamo né complessi di colpa per la storia passata né riteniamo di dover ricorrere ad altre istituzioni civili o religiose per poter essere cattolici. Ricerchiamo la verità ma, i fondamenti li conosciamo già con certezza senza bisogno di rivolgere la nostra attenzione altrove. Siamo fedeli alla Santa Romana Chiesa perché crediamo a tutti i dogmi così come ci sono stati proposti, seguiamo i comandamenti ed i principi morali da sempre stabiliti.

Il sito si articola in vari comparti dove trovano opportuna collocazione i vari argomenti. Chiunque sia interessato a partecipare è invitato a contattare i responsabili dei vari settori.


COME VISITARE IL SITO
la cosa più spiacevole è perdere tempo e farlo perdere agli altri. Pertanto, il modo più veloce per vedere i contenuti è quello di esaminare per primo
L'INDICE GENERALE DEL SITO
Se troverete qualcosa di interessante, potrete poi entrare nei singoli settori.
Grazie per la scelta.
 

Rino Tartaglino           


 
 

___________________________________

(cultura)

Foglio per comunicazione ai soci
___________________________________
_____________________________________________________________


ULTIMI INSERIMENTI
- 1/5/2004
(cultura - scienza - fede)
LA PASSIONE DI CRISTO - Così come è avvenuta

_____________________________________________________________
- 31/10/2004
(Difesa della vita)
ARE THE DEAD REALLY DEPARTED WHEN WE REMOVE THEIR ORGANS ? - On a subject concerning the end of life, and that is particularly the matter of the removal of organs from corpses

_____________________________________________________________
- 31/12/2004
(Europa)
LA FINE DELL'UNIONE EUROPEA - L'ingresso della Turchia in Europa

_____________________________________________________________
- 7/1/2005
(Difesa della vita)
QUESTIONI MORTALI - L'attuale dibattito sulla morte cerebrale e il problema dei trapianti di R. BARCARO e P. BECCHI- Introduzione

_____________________________________________________________
- 20/5/2005
(Difesa della Vita)
I CATTOLICI SI ASTENGONO SUL VOTO DEL REFERENDUM - Volantino

____________________________________________
- 31/5/2005
(Progetto Europa)
L'EUROPA E LA GEOPOLITICA AMERICANA - Chi domina il blocco eurasiatico-africano domina il mondo

____________________________________________

- 30/9/2005
(Una voce)
TORNIAMO ALLA MESSA IN LATINO - A seguito della Messa in "zeneize" una lettera di Francesca Poluzzi

____________________________________________

- 15/4/2006
(Difesa della vita)
DONARE GLI ORGANI E MORTE CEREBRALE
Le cose da sapere di Carlo Barbieri
_____________________________________________

S. MESSA IN LATINO
(rito romano antico)

DOMENICHE E FESTE DI PRECETTO

ORE 9,30

CHIESA DI S. STEFANO
(sopra) Via XX Settembre - GENOVA - Tel. 010.58.71.83

ASS. UNA VOCE - GENOVA

___________________________________
_______________________________


- 30/1/2008
(vita)
WELBY E IL PENSIERO CATTOLICO
Condanna dell'eutanasia di Carlo Barbieri
___________________________________

- 30/1/2008
(vita)
WELBY: RIFIUTO DI CURE O EUTANASIA? (parte I)
Considerazioni giuridiche sul caso Welby del prof. Paolo Becchi
___________________________________


- 3/4/2008
(vita)
MORTE CEREBRALE E TRAPIANTO DI ORGANI
Libro del Prof. Paolo Becchi - recensione del Dott Carlo Barbieri
___________________________________

- 3/4/2008
(vita)
LA MORTE CEREBRALE E' LA FINE DELLA VITA?
relazione della Dott. Rosangela Barcaro
___________________________________

- 8/7/2008
(vita)
INFORMAZIONE
La disinformazione sui problemi dei trapianti può essere colmata da alcune letture - consigli del Dott Carlo Barbieri
___________________________________

- 20/11/2008
(vita)
Il nuovo regolamento sulle modalità per l'accertamento e la certificazione della morte. Primi rilievi critici.
del Prof. Paolo Becchi
___________________________________

- 1/10/2009
(vita)
La biopolitica non ammette la libertà di coscienza
Prof. Paolo Becchi
___________________________________
- 30/10/2009
(Archivio)
CATTOLICI GENOVESI - N° 2 novembre 2009

___________________________________

- 30/10/2009
(Incontro)
CATTOLICI GENOVESI - N° 2 novembre 2009

___________________________________

- 10/1/2012
(vita)

___________________________________

- 20/1/2012
(voce)

___________________________________

- 20/1/2012
(Politica - costume - società)

___________________________________

- 19/2/2012
(Cultura)

___________________________________

- 1/1/2013
(una voce)
___________________________________

- 7/1/2013
(vita)

___________________________________

- 7/1/2013
(voce)

___________________________________

- 17/3/2013
(Politica - costume - società)

___________________________________

- 17/5/2013
(voce)
___________________________________

- 21/12/2014
(Cultura)

___________________________________

- 23/6/2015
(Vita)
_________________________________________

_________________________________________
8 Ottobre 2017            Informazioni            N° 41
_________________________________________
      Foglio di comunicazione interna
www.cattolicigenovesi.org
_________________________________________
La vita deve essere vissuta con lo sguardo rivolto in avanti, ma può essere capita solo guardando indietro.

Soren Kierkegaard

_________________________________________
SANTI E BEATI

Beata Vergine Maria del Rosario – Festa 7 ottobre
Questa memoria Mariana di origine devozionale si collega con la vittoria di Lepanto (1571), che arrestò la grande espansione dell'impero ottomano. San Pio V attribuì quello storico evento alla preghiera che il popolo cristiano aveva indirizzato alla Vergine nella forma del Rosario. Martirologio Romano: Memoria della beata Maria Vergine del Rosario: in questo giorno con la preghiera del Rosario o corona mariana si invoca la protezione della santa Madre di Dio per meditare sui misteri di Cristo, sotto la guida di lei, che fu associata in modo tutto speciale all’incarnazione, passione e risurrezione del Figlio di Dio.
__________________________________________________________________________
EDITORIALE
LUTERO ALLO SPECCHIO

Riteniamo che il migliore interprete del luteranesimo sia il suo fondatore; cioè Lutero stesso. Diceva sant’Agostino: “Dimmi chi è il fondatore della tua religione e ti dirò che religione è la sua”. Diciamo adesso alcune cose per introdurre alla conoscenza del soggetto per poi lasciar parlare Martin Lutero. L'ambiente in cui crebbe Lutero era cattolico e severo, ma anche rozzo e volgare, al punto che nella fede dei genitori entrava una componente di superstizione popolare, attinta soprattutto al paganesimo germanico. Egli non vive la crisi della religiosità tradizionale, tipica di una cultura rinascimentale che non gli appartiene, è un uomo del passato, vive la fede come i suoi antenati. Lutero entrò in convento per non cadere sotto gravi sanzioni giuridiche per aver ferito a morte, durante un duello, Jérom Buntz, un suo collega di studi. La decisione di questa scelta avvenne su consiglio del suo protettore e amico Johannes Braun, vicario collegiale a Eisenach, per evitare un processo giudiziario, Il padre di Lutero non era molto contento della scelta ritenendo che non avesse una vera vocazione. Nel 1510 fu inviato a Roma (in rappresentanza del suo convento, per questioni interne all'Ordine) dove, a differenza di quanto riportato da diverse fonti, non rimase affatto scandalizzato per la condotta del clero, risultando invece entusiasta per il fervore artistico e culturale che in quegli anni investiva il centro della cristianità. Una leggenda dice che, entrando in piazza del Popolo, sia caduto in ginocchio esclamando: «Salve Roma santa, città di martiri, santificata dal sangue che essi vi hanno sparso». Il distacco dalla Chiesa cattolica avvenne come vuole la tradizione il 31 ottobre 1517 che Lutero (o più probabilmente i suoi studenti, addirittura all'insaputa del maestro) abbiano affisso sulla porta della chiesa di Wittenberg, le 95 tesi in latino riguardanti il valore e l'efficacia delle indulgenze. Il testo era indirizzato proprio all'arcivescovo Alberto, a cui Lutero intendeva mostrare il pessimo comportamento del suo incaricato Tetzel. Vediamo adesso dalle parole di Lutero chi era questo personaggio.
Prima di me non si è conosciuto nulla. Sono certe che né Sant’Agostino, né Sant’Ambrogio, che pure in queste materie sono grandissimi, mi stano alla pari. Sono superbo in Dio sopra ogni misura, né la cedo di un dito agli Angeli del Cielo, né a Pietro né a Paolo, né a cento imperatori, né a mille Papi, né a tutto quanto il mondo. Ecco il mio motto: non cedo a nessuno”.
Soggetto presuntuoso e pieno di boria
“Io non posso più pregare senza maledire!” “Maledetto ! sia dannato il nome del papista!”
“Maledetto! Che sia dannato e annientato il papismo! “Maledetto! Che siano dannati i piani dei papisti ! Ecco la mia preghiera”.
Espressione di odio verso la Chiesa
“La Messa non è un Sacrificio, o l’azione del sacrificatore. Dobbiamo considerarla un sacramento o un testamento. Chiamiamola benedizione, eucarestia, mensa del Signore, memoriale del Signore. Le si dia qualunque altro nome, purché non la si macchi col nome di ‘Sacrificio’”.
La negazione della Messa come Sacrificio
Quando la Messa sarà stata rovesciata, io sono convinto che avremo rovesciato con essa il papismo. (..) Io dichiaro che tutti i postriboli, gli omicidi, i furti, gli assassini e gli adulteri sono meno malvagi di quella abominazione che è la Messa dei papi.
Pur odiando la Messa la riconosce come fondamento del cattolicesimo
“Il motivo per cui bevo tanto più forte, parlo tanto più licenziosamente, gozzoviglio tanto più frequentemente è quello di pigliare in giro il diavolo che voleva canzonarmi”
Stupidamente crede di ingannare il diavolo facendo il male
“Papa, da vivo ero la tua peste, da morto sarò la tua morte.
Spera di fare del male alla Chiesa cattolica e al papa anche da morto
“Se la moglie trascura il suo dovere (coniugale) l’autorità temporale ve la deve costringere oppure metterla a morte”.
Severo con gli altri non con sé stesso
“Questi idioti di asini (cattolici) non conoscono che le tentazioni della carne (…) In realtà a queste tentazioni il rimedio è facile: vi sono ancora donne e giovanette”.
Il peccato non è un freno
Io sono stato un grande mascalzone e omicida.
Un momento di sincerità in un uomo con tanti dubbi
Lutero rispondendo a sua madre che gli chiedeva se doveva anche lei cambiare religione, disse: “No, restate cattolica, perché non voglio né ingannare né tradire mia madre!”
Documento conservato nella Biblioteca del convento domenicano di Santa Maria della Minerva a Roma.
Non ha remore per nessuno ma almeno non mente a sua madre

Vi sono molte testimonianze sia protestanti che cattoliche su quale fu l’ultimo e insano gesto disperato di Lutero. La testimonianza del suo servo personale, Ambrogio Kuntzell. Egli, conferma la fine orribile del suo padrone,
“Martin Lutero, la sera prima della sua morte, si lasciò vincere dalla sua abituale intemperanza e con tale eccesso che noi fummo obbligati a portarlo via del tutto ubriaco e coricarlo nel suo letto. Poi, ci ritirammo nella nostra camera, senza presagire nulla di spiacevole. All’indomani, noi ritornammo presso il nostro padrone per aiutarlo a vestirsi come d’uso. Allora – oh, quale dolore! - noi vedemmo il nostro padrone Martino appeso al letto e strangolato miseramente. Aveva la bocca contorta, la parte destra del volto nera, il collo rosso e deforme… Costoro (prìncipi suoi convitati) colpiti dal terrore come noi, ci impegnarono subito, con mille promesse, e coi più solenni giuramenti, ad osservare il massimo silenzio in quanto nulla fosse fatto trapelare.”
Questo fu il racconto del suo servo Kuntzell (o Kudtfeld) pubblicato ad Aversa nel 1606, dallo storico Henricus Sèdulius (1549-1621). Quindi Lutero non morì di morte naturale come i protestanti hanno scritto falsamente sui loro libri, ma morì suicida e Maritain, inoltre, elenca una serie di nomi relativi ad amici e suoi primi discepoli che si suicidarono anche loro.

CONCLUSIONE: Dalle sue parole abbiamo capito che da salvare di Lutero c’è ben poco. Per la sua ribellione alla Chiesa cattolica è considerato padre della modernità. Con la sua ribellione è stata la conseguenza del moltiplicarsi di sette eretiche ed ha favorito lo nascita e sviluppo delle ideologie settarie e laiciste con tutti i loro errori. Fino alla società attuale dove il progresso è contro la legge di Dio. Da cristiani auguriamo a Lutero di non essere dannato in eterno ma, nessun elogio per la sua persona né per la sua riforma. Con Papa Felice III diciamo: “È già approvare l’errore il non resistervi, è già un soffocare la verità il non difenderla.

Rino Tartaglino

_______________________________

ILLUSTRAZIONI: Lo stemma di Martin Lutero è quello dei Rosacroce.
_______________________________

LA SANTA MESSA
È nell’Eucarestia che incontri Gesù nella realtà della sua umanità e della sua divinità. Ti invito, caro amico, a fare della Santa Messa il centro della tua vita e possibilmente della tua giornata. Nella celebrazione eucaristica incontri Gesù nella sua parola, ma soprattutto partecipi al suo sacrificio redentore e lo ricevi vivo nel tuo cuore nella Santa Comunione. Non vi è nulla più importante e più santo della Santa Messa. Attraverso di essa ti unisci a Gesù e ti trasformi in lui. Senti spesso le sue parole e incidile a caratteri indelebili nel tuo cuore. “Io sono il pane vivo disceso dal Cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me e io in lui. Come il Padre, che dà la vita, ha mandato me, e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia di me vivrà per me”.

(Giovanni 6/51, 56-57)

“Dal modo col quale partecipi alla Santa Messa e ti prepari a ricevere la Comunione dipende molto dal tuo cammino di santità. Infatti è in quel momento che si realizza la più profonda unione con Gesù”.

(P. Livio Fanzaga – “Fa posto a Dio. Lettere di direzione spirituale” Ed. Sugarco)

Mi perdoni Padre Livio se scrivo Messa con la m maiuscola, per il resto non ho nulla da aggiungere al suo annuncio tanto vitale, quanto essenziale. La Messa di valore infinito, è un bene che più grande di esso è impossibile trovare. La partecipazione alla divina liturgia con indifferenza, distratti, annoiati, non è qualcosa di assurdo, di inspiegabile? Il conduttore di Radio Maria ci parla di santificazione. Chi ne parla più? Io stesso sovente dimentico di questo obiettivo sono scontento e mi crogiolo nelle mie mediocrità. Questo non accada a chi mi legge.

Renzo Mattei

_______________________________
2/10 - TERRORE A MARSIGLIA: Un nordafricano colpisce ed uccide due ragazze al grido "Allah è grande". La polizia interviene ed uccide il terrorista.
Se ci domandiamo quanti sono i fondamentalisti islamici e quanti i loro simpatizzanti, ci rendiamo conto che nel medio periodo rischiamo la guerra civile.

2/10 - CATALOGNA: Il referendum per l'indipendenza si è svolto nel caos con scontri e violenze. In ogni caso a votare sono riusciti il 47% degli aventi diritto. Schiacciante maggioranza degli indipendentisti.
Se dal punto di vista nazionale i catalani avrebbero fatto meglio a non chiedere l'indipendenza; purtroppo se vogliamo una Europa diversa da quella attuale i separatismi come quello catalano possono servire a far capire che sovranismi, populismi e secessionisti sono la conseguenza del malgoverno a livello europeo.
_______________________________

2/10 - AVVENIRE IMBARCA IL MANGIAPRETI STAINO: Da ieri il quotidiano dei vescovi, ha un nuovo collaboratore: il vignettista Staino. Il curriculum di Staino è notevole: comprende la direzione del giornale comunista l'Unità ed è anche presidente dell'Unione atei e agnostici razionalisti. Quindi ateo dichiarato. Staino si cimenterà ogni domenica, giorno del Signore, con una serie di vignette dal titolo "Hello Jesus". I giornali di destra polemizzano.
E' come se Guareschi ad un certo punto fosse stato invitato a pubblicare le sue vignette sull'Unità. Qualcuno pensa che i lettori dell'Avvenire potrebbero aversela male. Noi riteniamo che i suoi lettori si siano abituati. Hanno sopportato di peggio.
________________________________
3/10 - PIANO ANTI-FUMO: Il ministro Lorenzin chiede l'aumento del prezzo delle sigarette ed una parte di tale aumento andrebbe al Ministero della Salute.
Bisogna pagare le imprese farmaceutiche per tutti quei vaccini e allora, l'unica soluzione è aumentare le tasse.

3/10 - LA CASA: La Fondazione Cariplo spiega come 1,4 milioni di anziani non abbiano un reddito sufficiente per mantenere l'immobile e aiutare gli eredi. Il suggerimento è il vitalizio ipotecario. In pratica un prestito con ipoteca su una quota di immobile. Al decesso, gli eredi possono riscattare la quota ceduta a garanzia del prestito.
Le imposte sugli immobili o riferite agli immobili sono onerose e molti non riescono neppure a stare a casa propria. L'obiettivo a lungo periodo è di rendere insostenibile la proprietà degli immobili alla gente comune; così questi immobili diventeranno di proprietà di banche. Allora le tasse come per incanto si ridurranno notevolmente.
____________________________

3/10 - PAOLINE E LUTERO: Nell'ultimo numero di "La Domenica" che viene distribuito tra i presenti alla Messa vi è l'elogio al protestantesimo. I fedeli si sono imbattuti in una chiara apologia di Martin Lutero, l'artefice dello scissma protestante. Così si legge: "A mezzo millennio dall'affissione sul portone della chiesa di Wittemberg delle 95 tesi di Lutero contro le indulgenze , le due Chiese ", si legge nel contributo a firma di Vittorio Prisciandaro, "esprimono gratitudine per i doni spirituali e teologici della Riforma protestante e mettono al centro della loro testimonianza la riconciliazione, il superamento delle fratture storiche, il riconoscimento degli errori e l'accoglienza dello straniero.
Fare l'apologia di Lutero vuol dire falsare la storia e negare la realtà di chi era questo eretico. Parlando dei teologi come forse si picca di essere Prisciandaro Lutero li apostrofa: asini grossolani, scrofe maledette, sacchi di bestemmie, porci epicurei, brodaglia maledetta dell'inferno, ecc...Lutero nutriva un odio speciale per il Papa come predicava l'odio contro gli ebrei. Come risulta dal suo testo "Su gli ebrei e le loro menzogne". Tanto che per Hitler, Lutero era "Hercules germanicus" e "propheta Germaniae". Nelle zone della Germania protestante il consenso a Hitler era dell'80% mentre nelle zone cattoliche come la Baviera era solo del 20%.
____________________________
4/10 - CANCELLATO GESU' : Nelle scuole dell'Est Sussex (Inghilterra) in una circolare mandata ai presidi, si invita gli insegnanti a cancellare le indicazioni Avanti Cristo e Dopo Cristo per non offendere i musulmani.
Considero la faccenda un atto di servilismo di quegli inglesi che fanno simili proposte. Non hanno neppure rispetto per la loro identità.

4/10 - BUONI AFFARI: Vi sono imprese che allevano insetti che danno un buon risultato perché utilizzati in agricolture come antiparassitari naturali. Servono per uccidere altri parassiti che danneggiano le coltivazioni. Altri allevamenti di insetti, bruchi, larve come alimento per la nutrizione animale. Ma, l'obiettivo finale che porterebbe queste aziende a conseguire utili giganteschi è arrivare a far mangiare questi insetti agli italiani. Si stanno facendo pubblicità agli insetti come il nostro cibo del futuro.
Ci hanno gabellato tanti imbrogli come verità assolute. Che esiste la democrazia solo perché si vota, che il mercato è dominato dalla libera concorrenza. che il popolo è sovrano, ecc... Però l'idea di mangiare vermi ed insetti vari rappresenti un progresso ho molti dubbi, decisamente non ci credo.
____________________________

4/10 - OSTAGGI: Sul treno passeggeri nella tratta Venezia - Bassano si sono vissuti momenti di paura. Un gruppo di una decina di ragazzi di colore hanno terrorizzato i passeggeri. Probabilmente alla rimostranza di qualche passeggero per il comportamento maleducato di qualche ragazzo, sono volati schiaffi, sputi, spintoni a qualche passeggero e minacce a chi azzardava uno scatto col cellulare. Sono trascorsi 40 minuti di autentico terrore, poi il treno si è fermato a Castello di Godego (Treviso) all'apertura delle porte i delinquenti scappano. Trenitalia ha acquisito le immagini del sistema di sorveglianza interno al treno. L'indagine va avanti, nella convinzione che i ragazzi saranno presto individuati perché della zona.
Sicuramente saranno individuati ma non siamo sicuri che saranno puniti. Per questo potranno continuare a fare i delinquenti visto che non succede niente. L'Italia è amministrata da incapaci che non sanno mantenere l'ordine con una giusta severità
_____________________________________

5/10 - IL DICORSO DEL RE: Si inaspriscono i rapporti tra la Spagna e la Catalogna. Il re Filippo VI (foto) interviene e accusa i catalani di slealtà. Con il suo discorso ha fatto il miracolo. L'intera Catalogna ora è repubblicana. Il capo della polizia catalana, Josep Trapero non ha voluto utilizzare la forza per sgomberare i seggi delle votazioni e per questo è stato convocato per rispondere del suo comportamento. Intanto la guardia civil cerca di impedire il voto di domenica sequestrando le schede elettorali. Il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy dichiara che il referendum è illegale, e non intende trattare sottolineando la possibilità di ricorrere all'applicazione dell'art. 155 della Costituzione che sospenderebbe di fatto l'autonomia del governo catalano. Puigdemont, presidente del governo catalano dice che lunedì proclamerà l'indipendenza.
Probabilmente, se il Re avesse chiesto a tutti di andare a votare facendo presente che dalla secessione i catalani avrebbero avuto ben pochi vantaggi, sicuramente i sì all'indipendenza sarebbero stati una minoranza. Così voteranno in pochi e vinceranno i sì.
_____________________________________
5/10 - FETO SENTE DOLORE: Alla Camera di Washington è stata approvata una "legge per la protezione del bambino non nato capace di provare dolore". Questa norma prevede che non si possa abortire dopo le 20 settimane. Ora la legge deve passare al Senato dove i rapporti di forza sono più incerti.
Il bambino soffre anche prima della ventesima settimana; ma, almeno questa norma comincia a riconoscere che il bambino soffre e non è un animale ma un essere umano. Nell'aborto, il feto viene letteralmente fatto a pezzi senza alcuna anestesia.

5/10 - GAY CONTRO GAY: L'aggressione a Sebastiano Riso provoca un cortocircuito ideologico. Anziché catenare l ire degli omofobi, suo film viene lodato dalle associazioni che difendono la famiglia perché è un inno contro l'utero in affitto. Il regista è stato aggredito nell'androne del palazzo dove vive a Roma. L'hanno brutalmente picchiato provocandogli un trauma alla parete toracica, una ferita allo zigomo con edema alla cornea. Dieci giorni di prognosi. Gli aggressori mentre picchiavano, insultavano con riferimento alle tematiche del uo ultimo film. La Cirinnà, la senatrice Pd, quelle delle unioni civili considera il film negativo.
Il regista nel suo film "Una Famiglia" ha dato una rappresentazione della realtà e delle sue miserie. La gestazione per altri o utero in affitto è una cosa da non fare. Gli aggressori volevano cancellare la realtà senza riuscirci.
_____________________________________
6/10 - PROFUGHI: Nella scuola assunti come bidelli i profughi, verranno scavalcati i 20.000 precari italiani che da anni aspettano in graduatoria di trovare una sistemazione.
Questa è l'ennesima dimostrazione che dei migranti non sappiamo proprio cosa fare. Per evitare che gironzolino senza meta per le strade magari vivendo di espedienti, diamo loro un lavoro a scapito degli italiani. Quindi si commette una vera ingiustizia. Se i migranti fossero pochi pazienza, ma, sono troppi ed è sempre meno gradita la loro presenza. 6/10 - RE SALMAN: Il sovrano dell'Arabia Saudita, Salman bin Abdulaziz è in visita in Russia, Paese alleato dell'Iran sciita, nemico mortale di Riad. Gli argomenti della visita sono l'energia e la difesa.
Nonostante le divergenze tra Russia ed Arabia saudita sulla Siria, il ministro degli esteri Lavrov ha detto che vi è ampio consenso. Si vede che il Re Salman ritiene di avvicinarsi alla Russia possa essere più conveniente che aiutare i suoi nemici ribelli siriani che forse verranno abbandonati.
_____________________________________

6/10 - IUS SOLI: Il capo dei vescovi italiani, il cardinale Gualtiero Bassetti, smentisce l'Avvenire che uno scatenato Tarquinio vuole approvato a tutti i costi. Il cardinale dice che "la nascita non basta, serve gradualità per concedere la cittadinanza". Intanto nel campo del Pd, il ministro dei Lavori Pubblici, Graziano Delrio ha deciso di fare lo sciopero della fame per spingere all'approvazione dello ius soli. Secondo lui anche il figlio di un extracomunitario pur non essendo nato in Italia, basta che abbi frequentato per cinque ann la scuola ha diritto alla cittadinanza italiana.
Il governo ed il Pd hanno già accantonato lo ius soli per la prossima legislatura visto che mancano i numeri. A tener vivo questa norma è la sinistra per creare imbarazzo al Pd. Adesso Delrio, uomo piuttosto sbiadito tira fuori questo argomento forse sperando di acquisire un po' di notorietà. La cosa alla quale credo meno è che faccia il digiuno. forse salta solo la colazione. I compagni sono più esperti a mangiare che a digiunare.
_______________________________
IL MINISTRO SALTAPASTI
PREPARA ALTRI GUASTI

Nel partito vuol contare
qualche cosa lui può fare.
Trasformare piccoli africani
in tanti giovani italiani.
Per commuovere la gente:
dice di non mangiar niente.
Ma è tutta una finzione
salta solo colazione.
La sinistra imbarazzata
al digiuno è preparata.
E per questo non vede l’ora
che il piddì vada in malora.
Dice il ministro alfano,
con l’accento siciliano:
"Senza numeri al Senato,
lo ius soli sarà bocciato".
Così, Gentiloni è sorridente
lieto di non fare niente.
E continua a governare
senza niente da rischiare.
Poi Delrio, deve imparare,
che non basta digiunare.
Se vuol fare il presidente
deve essere intraprendente.
_____________________________________

7/10 - SAN NICOLA: I resti di San Nicola sono cutoditi da 930 anni nella cripta della basilica a lui intitolata. Da quando 62 marinai baresi si imbarcarono alla volta di Myra in Turchia, per prenderli e portarli in Puglia. Da allora, ogni anno migliaia di pellegrini raggiungono la città di Bari per rendere omaggio al Santo sia cattolici che ortodossi. Adesso però la geografia potrebbe cambiare per sempre. Un gruppo di archeologi turchi avrebbe infatti coperto che le ossa del Santo non avrebbe mai lasciato la città di Demre come i chiama adesso l'antica Myra e le sue ossa sarebbero sepolte nella chiesa a lui dedicata.
Continueremo a pregare San Nicola ma, per questioni di campanile continuiamo a tifare per Bari.
_____________________________________
7/10 - STORIA VERA: Una bambina data in adozione ad uno scapolo. I giornaloni della casta hanno raccontato il fatto con enfasi. La storia comincia col rifiuto di sette famiglie di adottare questa bambina affetta da sindrome di Down e allora si è deciso di assegnarla in adozione ad una persona sola. Tenera presente che sono state ignorate migliaia di famiglie disposte ad adottare. La motivazione è che l'adozione è stata fatta per "necessità", come sostiene Maria Elena Boschi.
La vera motivazione è che si vuole rendere possibili le adozioni da parte di persone singole e di coppie gay. Giudici progressisti e politici di sinistra spingono in questa direzione.

7/10 - SINDACO DI RIACE: Domenico Lucano, sindaco di Riace preso a modello per il suo modello di accoglienza dei profughi tanto da essere riconosciuto a livello nazionale ed internazionale come un campione di solidarietà è finito indagato per truffa, concussione ed abuso d'ufficio. Il sindaco Lucano è un eroe per la presidente della Camera Laura Boldrini, è stato additato dal Papa come modello di accoglienza. La rivista Fortune lo ha collocato tra i 50 uomini più influenti del pianeta e la Rai per non essere da meno gli ha dedicato uno sceneggiato dove Beppe Fiorello indossa i suoi panni.
Che i migranti siano una risorsa per chi fa il benefattore di mestiere è cosa nota. In questo caso i bronzi di Riace diventano tre.
_____________________________________

8/10 - LA CRISI DI STATO: Dal 2008 i lavoratori autonomi sono calati di 500.000 unità. Se negli anni '90 il popolo delle fatture era simbolo di velocità e di dinamismo, oggi di fame e di abusi fiscali. Questo andazzo continua a perpetrarsi. La perdita di questo patrimonio trasformerà per sempre l'Italia. Prima si diceva che l'Italia era arretrata rispetto agli altri Paesi più avanzati perché la grande distribuzione era limitata. Contrordine, adesso ogni 50 0 cento metri vi sono supermercati per non dire centri commerciali ed in zone decentrate outlet. Conclusione si sono chiusi quasi tutti i negozi anche perché sono diminuite le vendite mentre gli oneri fiscali e più ancora contributivi sono rimasti gli stessi se non aumentati rendendo le piccole attività commerciali non redditizie. Le altre attività artigianali o sono scomparse perché mancano quelli che possono sostituire quelli che cessano l'attività e vanno in pensione oppure tante attività di manutenzione e riparazione sono svolte da imprese più grandi. Non si chiama più l'idraulico o l'elettricista ma un'azienda specializzata. Anche le professioni vengono sempre più proletarizzate, quindi impoverite allora si creano studi associati dove il professionista ha una retribuzione di dipendente. Il risultato è che questo modello portato alle estreme conseguenze fa aumentare la disoccupazione. Dalla crisi così non si riesce ad uscire.
Questo modello volto a tutelare solo gli interessi del grande capitale e delle banche non funziona, se non i pongono dei correttivi continueremo a lamentarci ma non usciremo dalla crisi.
_____________________________________
8/10 - CESARE BATTISTI: Il Brasile starebbe per estradare in Italia Cesare Battisti, assassino colpevole di quattro omicidi e condannato a due ergastoli. Con l'aiuto di complici Battisti era riuscito ad evadere ed a rifugiarsi in Francia dove ha trovato protezione dai soliti intellettuali di sinistra. Quando il governo francese non era più disposta a dargli protezione, Battisti è fuggito in Brasile dove fa lo scrittore e fa bella vita. Ultimamente, non sentendosi più al sicuro ha tentato di andare in Bolivia ma è stato fermato dalla polizia. L'Italia ne chiede l'estradizione e sembra che il governo brasiliano sia disposto ad estradarlo.
La storia comincia quando Battisti è riuscito ad evadere. Possibile che pericolosi assassini possano evadere? Già questo dimostra che il sistema penitenziario come la giustizia è poco efficiente. Qui siamo di fronte ad un criminale assassino ed è inammissibile che Stati esteri lo proteggano. Al di fuori di accordi internazionali se uno Stato non è un'istituzione criminale l'estradizione di un assassino deve essere concessa.

8/10 - NEOLINGUA: Nel romanzo di Orwell, "1984" il regime al potere aveva inventato la neolingua dove le parole avevano un significato diverso da quello solito e spesse volte opposto. Lo scopo era quello di cambiare la mentalità delle persone per obbligarle ad accettare il modo di governare del regime al potere. In Italia si sta preparando leggi che obbligano il cittadino ad accettare pena severe sanzioni delle verità di tipo ideologico come la legge proposta dal Piddino Emanuele Fiano. Nell'introdurre certe leggi si usano parole dal significato non definito oppure diverso. All'Onu la delegazione danese ha chiesto che venga abolita la parola "incinta" perché potrebbe essere offensiva per i trans.
Si sta preparando il Nuovo Ordine Mondiale dove tutto deve cambiare cominciando dal linguaggio, così delle nostre disgrazie preparate dall'alto diventeremo pronti ad accettarle.
_____________________________________
ULTIMA ORA: REFERENDUM IN CATALOGNA: Dopo varie incursioni della guardia civil spagnola con scontri e feriti vicino ai seggi, in Catalogna sono comunque riusciti a votare ed avrebbero vinto i sostenitori dell'indipendenza. Adesso vediamo cosa succederà?
_____________________________________

ANNOTAZIONE
SAN FRANCESCO NELLA STORIA
Lo studioso medievalista Franco Cardini parlando di San Francesco ha osservato come nessuno più di lui sia stato al tempo stesso più onorato e più tradito. Il nostro Papa che ha preso il nome di Francesco in suo onore, in una omelia del 2013 ha sentito il bisogno di precisare: “la pace francescana non è un sentimento sdolcinato. Per favore: questo San Francesco non esiste! E neppure è una specie di armonia panteistica con le energie del cosmo….Anche questo non è francescano ! Anche questo non è francescano , ma un’idea che alcuni hanno costruito! La pace di San Francesco è quella di Cristo, e la trova chi prende su di sé il suo giogo”. Dopo un primo tempo di vita spensierata con la meglio gioventù di Assisi, Francesco partecipò ad un fatto d’arme nella guerra tra Assisi e Perugia dove finì prigioniero. Liberato visse per qualche tempo in luogo appartato dove cominciò ad avere i primi ripensamenti sulla vita mondana precedente. In seguito volle partecipare alla spedizione in Terrasanta guidata da Gualtieri di Brienne ma giunto in Puglia si ammalò e tornò ad Assisi. Così inizia l sua conversione alla povertà. Incaricato dal padre, ricco mercante di vendere delle stoffe, prende il ricavato e lo distribuisce ai poveri. In una seconda operazione mercantile, con i soldi ricavati li offre a priore di S. Damiano perché faccia riparare la chiesa ma questi non accetta il denaro conoscendo il padre di Francesco. Il padre lo denuncia alle autorità nell’intento di farlo desistere dal suo comportamento ma Francesco abbandona tutto compreso gli abiti e comincia a vivere senza fissa dimora scegliendo di predicare e vivere in povertà. Poi intorno si forma un gruppo di seguaci che vogliono vivere in povertà. Trova chi gli dà un edificio dove vivere ed in pochi anni si ha una espansione notevole del francescanesimo perfettamente integrato nella chiesa. San Francesco vuole vivere il Vangelo, la povertà e l’amore del prossimo sono gli strumenti per realizzarlo. All’epoca vi erano movimenti pauperisti che spesse volte per presunzione finivano per essere eretici e in qualche caso avvenivano scontri con le autorità civili. Francesco fu sempre fedelissimo alla Chiesa e volle che la sua regola fosse approvata dal Papa. Molte volte ci fanno credere che Francesco fosse un ecologista nel senso moderno della parola. Francesco amava la natura in quanto opera di Dio e non di più. Amava il prossimo fino ad abbracciare i lebbrosi, il senso di pietà verso il prossimo lo portava a donare tutto ai poveri. Ma il suo amore del prossimo non si spingeva solo all’aiuto materiale ma ciò che è importante, la salvezza delle anime. Come religioso nel 1217 andò a Damietta a seguito dei crociati partecipando. Chiese il permesso di andare presso il sultano per predicare la religione cattolica a rischio della sua vita. La storia dice che il sultano gli mise davanti un tappeto decorato di tante croci invitando Francesco ad avvicinarsi. Se Francesco calpesterà il tappeto farà oltraggio al suo credo ma se non si avvicinerà mancherà di rispetto al monarca. Francesco stupì tutti, si avvicinò ad Al Kamil il sultano motivando così la sua scelta: “Noi possediamo la vera croce del Signore e l’adoriamo, a voi sono state lasciate le croci dei due ladroni. Arrivò a spedire alcuni frati in Marocco per diffondere la parola di Gesù tra i musulmani.

_____________________________________

IL LIBRO DELLA SETTIMANA
LE 10 MAPPE CHE
SPIEGANO IL MONDO

di Tim Marshall
Ed. Garzanti - € 19
Pianeta Terra. Ieri oggi domani. Da sempre l’ambiente fisico e il contesto geografico condizionano scelte e sentimenti, le dinamiche storiche individuali e collettive. Fiumi e montagne, deserti e mari, ciclo delle acque e clima hanno influenzato vicenda politica e sviluppo sociale dei popoli, guerre e poteri del passato e del presente. Tutto ciò è noto come “geopolitica”, il rapporto tra fattori geografici e relazioni internazionali. Eppure spesso i confini degli Stati non sono stati tracciati tenendone conto, sia per la violenza esterna di singoli invasori “a prescindere” sia per l’artificiosità di linee imposte da potenze coloniali oltretutto “ignoranti”. La geografia e la storia dello sviluppo delle nazioni risultano cruciali per capire il mondo come è oggi e come potrebbe configurarsi in futuro. Partiamo da dieci mappe, interconnesse, il cui insieme fa l’atlante globale (o quasi): Russia, Cina, Stati Uniti, Europa occidentale, Africa, Medio Oriente, India e Pakistan, Corea e Giappone, America latina, Artide. Si comincia dal paese più grande (oltre 17 milioni di chilometri quadrati, 11 fusi orari) la cui profondità strategica senza montagne a occidente (una pianura dalla Francia agli Urali ha reso possibili svariate invasioni) e senza porti su acque temperate (la mancanza di accesso alle rotte commerciali più importanti ha imposto costi e compromessi) ha inevitabilmente finito per prevalere sull’ideologia di chi ha guidato il paese, zarista o comunista o neocapitalista. La geografia è sempre stata una “prigione” da cui gruppi umani e leader istituzionali hanno spesso faticato a evadere. Tutti i problemi e i conflitti quotidiani non ne prescindono. Per ora è inutile illudersi troppo sui diritti umani e sui valori occidentali. Il bravissimo colto giornalista e analista inglese Tim Marshall (1959) ha scritto un libro prezioso per orientarsi fra le “notizie” internazionali di questi anni con lungimiranza sana e spirito critico, verso quanto è già accaduto, quanto leggiamo e vediamo di giorno in giorno e quanto probabilmente accadrà. Il volume contiene oltre una 15ina di mappe in bianco e nero che combinano barriere fisiche e statuali, all’inizio dei capitoli e qualche volta anche dentro, oltre a una finale discreta bibliografia essenziale. La narrazione è accurata, piena di spunti (pure terminologici e culturali), briosa e competente, con riferimenti trasversali in ognuno dei dieci capitoli a caratteristiche geografiche (e abitabilità degli spazi), storia moderna e contemporanea, confini sui quattro lati, demografie e migrazioni antiche recenti prevedibili. Si arriva infine al Mar Glaciale Artico (14 milioni di chilometri quadrati), scosso da cambiamenti climatici che lo renderanno crocevia migratorio per nuove rotte e patrimonio energetico pericolosamente sfruttabile, forse in modo più condiviso. L’autore ci induce a riflettere meglio sulla discutibile presunzione d’onnipotenza (anche tecnologica) degli umani sapienti ed è cosa buona e giusta: gli ecosistemi sono variabili indipendenti e permanenti. Marshall raggiunge il suo obiettivo, pur se non tutte le scienze sono tenute in debito conto: di biologia e fisica poco si parla, si allude solo vagamente all’evoluzionismo e ad alcuni importanti aspetti dell’ecologia (le relazioni fra specie, i relativi equilibrio e resilienza, i limiti planetari ora raggiunti o sfiorati), sono rari i cenni alla storia prima dell’imporsi delle potenze navali, le mappe sono funzionali ma “povere” e non all’altezza della trattazione scritta. Da leggere e meditare.
_____________________________________


LA MIGLIORE DELLA SETTIMANA

I RISULTATI DELLA BUONA SCUOLA

















Vignetta di Sergio Manni - la Verità 3/10/17