Associazione
Cattolici Genovesi

 



















Indice generale
del sito




Collegamenti
a siti consigliati




Home


Mail

 
 
   

 
Christus Vincit


Cattolici Genovesi

Cercare la Verità - Conoscere la Verità - Difendere la Verità


 

Questo sito Internet dal titolo si può rilevare l'intento di affermare nel campo della comunicazione una voce cattolica chiara e forte su ogni argomento che quotidianamente si presenta.
Molti sono i temi che intendiamo affrontare con semplicità e chiarezza in modo da essere compresi da tutti coloro che intendono abitualmente avere contatti.
Noi ci rivolgiamo a tutti e speriamo di fare di questo sito non solo un modo per trasmettere informazioni, idee ma, desideriamo che coloro che troveranno il nostro modo di affrontare gli argomenti di loro gradimento ci facciano conoscere le loro opinioni, ci inviino se credono materiale che in ogni caso verrà esaminato e se ne terrà conto successivamente. Anche per coloro che volessero farci una critica, speriamo garbata, sempre nell'ambito delle nostre possibilità cercheremo di rispondere in qualche modo.
La nostra aspettativa è quella di creare le premesse per favorire la crescita di un punto di riferimento, dando non solo a chi collabora di far conoscere le proprie idee ma anche ad altri a partecipare alla formazione di un centro di opinione. La vastità degli argomenti affrontati ci permettono di dare un'idea precisa della nostra visione delle cose che è e che deve essere sempre cattolica.
Non abbiamo la pretesa di far la predica a nessuno, né pretendiamo di giudicare gli altri migliori o peggiori di noi, la cosa non ci interessa, ma sulle idee, sui comportamenti esprimiamo sempre la nostra valutazione.
Spesse volte nel dire la verità forse qualcuno può esserne dispiaciuto, non è nostra intenzione offendere nessuno, ma ciò che riteniamo giusto non deve essere taciuto.
Chi siamo ? Siamo cattolici senza nessun aggettivo. Le tante classificazioni di cattolici molte volte sono riduttive, spesso devianti ed a volte sicuramente errate, per questo le rifiutiamo.
Apprezziamo i progressi della scienza e della tecnica ma riteniamo che il mondo presente non sia dominato esattamente da una visione cristiana; anzi, dall'esatto contrario. Molte delle cose che ci vengono gabellate come progresso, diritti umani o diritti di libertà siano esattamente il contrario; regresso, licenza e schiavitù. Chi avrà pazienza di seguirci capirà presto a cosa ci stiamo riferendo.
Un'ultima cosa, vogliamo ancora dire, in quanto cattolici noi non abbiamo né complessi di colpa per la storia passata né riteniamo di dover ricorrere ad altre istituzioni civili o religiose per poter essere cattolici. Ricerchiamo la verità ma, i fondamenti li conosciamo già con certezza senza bisogno di rivolgere la nostra attenzione altrove. Siamo fedeli alla Santa Romana Chiesa perché crediamo a tutti i dogmi così come ci sono stati proposti, seguiamo i comandamenti ed i principi morali da sempre stabiliti.

Il sito si articola in vari comparti dove trovano opportuna collocazione i vari argomenti. Chiunque sia interessato a partecipare è invitato a contattare i responsabili dei vari settori.


COME VISITARE IL SITO
la cosa più spiacevole è perdere tempo e farlo perdere agli altri. Pertanto, il modo più veloce per vedere i contenuti è quello di esaminare per primo
L'INDICE GENERALE DEL SITO
Se troverete qualcosa di interessante, potrete poi entrare nei singoli settori.
Grazie per la scelta.
 

Rino Tartaglino           


 
 

___________________________________

(cultura)

Foglio per comunicazione ai soci
___________________________________
- 26/2/21
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________
- 26/2/21
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________
- 27/2/21
(Politica - Economia - Costume)
__________________________________________
- 30/11/17
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________________
- 1/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 2/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 3/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
_____________________________________________

S. MESSA IN LATINO
(rito romano antico)

DOMENICHE E FESTE DI PRECETTO

ORE 9,30

CHIESA DI S. STEFANO
(sopra) Via XX Settembre - GENOVA - Tel. 010.58.71.83

ASS. UNA VOCE - GENOVA

___________________________________
_______________________________
- 15/12/17
(Devozioni e Preghiere)
_______________________________
- 16/12/17
(Devozioni e Preghiere)
___________________________________
- 19/12/17
(Progetto Europa)
___________________________________
- 27/12/17
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 6/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 11/1/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 6/1/18
(una voce)
___________________________________
- 15/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 1/2/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 2/2/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 10/2/18
(Politica - Economia - Costume)
  • USA E RUSSIA: IL RIARMO NUCLEARE
    L'Europa agli europei
  • ___________________________________
    - 15/2/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 20/1/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 10/3/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________
    - 5/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________
    - 15/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 20/7/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 17/3/2018
    (Politica - Economia - Costume)

    ___________________________________

    - 25/4/2020
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 25/1/2020
    (Politica - Economia - Costume)

    ___________________________________
    - 25/1/20
    (cultura scienza fede)
    _________________________________________
    - 14/11/20
    (cultura scienza fede)
    _________________________________________

    -14/11/20
    (Politica - Economia - Costume)

    _________________________________________
    - 10/1/21
    (una voce)
    ___________________________________


    _________________________________________

    28 Febbraio 2021            Informazioni            N° 9
    _________________________________________
          Foglio di comunicazione interna
    www.cattolicigenovesi.org
    _________________________________________
    Colui che parla chiaro ha chiara l’anima sua.

    s. Bernardino da Siena

    _________________________________________
    SANTI E BEATI

    Sant'ETELBERTO re del Kent - Festa 24 Febbraio
    Gregorio Magno e Agostino di Canterbury vengono ricordati come gli apostoli degli Angli. Al loro fianco bisogna ricordare anche Etelberto e sua moglie Berta. Nato verso il 552, Etelberto ancora in giovane età divenne il più potente sovrano anglo dell’epoca. Verso il 588 sposò Berta, la figlia cattolica del re franco Cariberto. Dando prova di tolleranza, permise alla sua sposa di continuare a professare la sua fede. Ancora più magnanimo egli si mostrò nel 597 quando accolse la delegazione di monaci inviata da papa Gregorio e guidata da Agostino. Egli ascoltò i missionari e concesse loro la facoltà di predicare e convertire. Lo stesso Etelberto ricevette il battesimo nel 597. Saggio e prudente, non costrinse i sudditi a seguire la sua scelta, ma certo favorì quanti si facevano battezzare. Morì il 24 febbraio del 616 dopo un regno di più di 50 anni e venne sepolto accanto alla moglie Berta, anch’ella venerata come santa.
    _________________________________________
    EDITORIALE
    LA PANDEMIA COME OPPORTUNITA’
    Il governo Draghi che ci è stato imposto da Mattarella con l’autorizzazione da parte di governi e poteri forti stranieri con l’impegno di vincere la pandemia portando avanti con successo le vaccinazioni e di risolvere i problemi economici del Paese da lungo tempo in crisi, che si è ulteriormente accentuata con la pandemia. Mentre dal punto di vista economico probabilmente verrà lasciata da parte l’austerità visto che una popolazione stremata da un lungo periodo di crisi e quasi ammazzata dal blocco di quasi tutte le attività non può essere ulteriormente caricata di tasse, per quanto riguarda la pandemia, anche sotto Draghi, vige il pensiero unico. Tanto che dopo le prime mosse del governo qualcuno ha detto che “questo governo assomiglia al Conte ter” anche se sul piano operativo un po’ più efficiente. Sia nella acquisizioni delle dosi che nell’organizzare le vaccinazioni. Da quanto dicono gli esperti, il Covid-19 è un virus molto contagioso ma relativamente poco letale. Il pensiero unico per combattere il virus è assimilabile in tre punti:
    1) Un serie infinita di restrizioni che vanno dal confinamento totale ad altre limitazioni più blande. In ogni caso molti blocchi di attività hanno creato danni enormi all’economia oltre a provocare, con i compensi pagati ai danneggiati, (ristori) che hanno fatto schizzare verso l’alto il debito pubblico;
    2) La non proposizione di cure a basso costo che possono portare a guarigioni evitando la terapia intensiva. I medici che hanno fatto ricorso a queste terapie hanno agito di loro iniziativa;
    3) Creazione dell’aspettativa del vaccino ritenuto sicuro ed efficace.
    Questa impostazione è dettata dagli interessi delle imprese farmaceutiche, dalle imprese tecnologiche che possono aver fatto e faranno lauti guadagni e dai poteri forti mondialisti che ritengono la pandemia come un occasione per cambiare il modello economico (il Grande Reset).
    I provvedimenti che dovevano essere adottati erano:
    - adottare provvedimenti di cautela prudenziale (distanziamenti, mascherine);
    - individuare con esami di massa chi sono i malati e curarli immediatamente;
    - individuare i contagiosi che vanno curati ed isolati;
    - evitare il più possibile restrizioni inutili per i sani.
    Infine l’ultimo elemento che attiene al pensiero unico è l’introduzione del patentino che qualcuno vorrebbe imporre ai vaccinati in modo da impedire ai non vaccinati di frequentare ambienti della vita comune. Sarebbe un pericoloso precedente che potrebbe essere esteso non solo al campo medico ma anche ad altre attività con lo scopo di costringere la gente a fare cose che non desidera fare.
    Per completare il ragionamento ricordiamo, che come dice il dott. Klaus Schwab del World Economic Forum: “La pandemia ci offre una stretta ma forse unica finestra di opportunità per riflettere, reimmaginare e resettare il nostro mondo”. Il mondo attuale è in crisi e i poteri forti mondialisti si rendono conto che il loro potere sui popoli rischia di andare perduto e allora cambiano le regole del gioco cercando di imporre un nuovo modello di capitalismo per conservare il loro posizione. Tutte quelle restrizioni che vengono dall’Oms per difendersi dal virus in realtà servono ad accentuare la crisi economica e rendere più facile convincere i popoli ad accettare le nuove regole di una economia digitalizzata ed ecologicamente sostenibile. Di conseguenza la disinformazione, serve a non farci conoscere la verità dei fatti, le bugie e l’imposizione del pensiero unico. L’Italia come piccolo Paese a sovranità limitata può fare solo quello che le permettono di fare.

    Rino Tartaglino

    _______________________________


    ILLUSTRAZIONE: I Signori dei poteri forti a livello mondiale stanno venendo; anzi, sono già arrivati.
    _______________________________



    LA CHIESA CHE VERRA’

    Il 9 luglio scorso, il Vescovo della diocesi di Belluno, S. E. Mons. Renato Marangoni aveva preso parte ad un dibattito, organizzato dal forum di Limena, insieme ad Andrea Grillo. Titolo: la Chiesa che verrà. Il titolo richiama un articolo di Ghislain Lafont, monaco benedettino dell’Abbazia Sainte-Marie de la Pierre-qui-Vire l’anno scorso sulla rivista Munera. Il convegno è stato tutta una presentazione delle tesi di Lafont.
    Lafont auspica il passaggio da una Chiesa identificata nel binomio fides et sacramenta, che «corrispondeva a una percezione un po’ “negativa” della Rivelazione», ad una concepita come Evangelium et donum Spiritus Sancti. Lafont ritiene che questa “seconda chiesa” debba sì inglobare la fede e i sacramenti, ma mutandone il significato. La Chiesa, a dir suo, dovrebbe convertirsi, in funzione del lavoro comune per stabilire la fraternità tra gli uomini; «da rimedio per il peccato fondato su un’istituzione forte, opponibile a tutte le altre, dobbiamo passare a una capacità positiva di costruire la fraternità umana. Da un atteggiamento esclusivo e ostile, giungere a un’apertura, a una comunicazione o persino a una collaborazione tra tutte le istituzioni. Passare dal denunciare l’errore (interno o esterno) a un incontro attivo per il bene». I riferimenti “profetici” di questa specie di conversione vengono rintracciati da Lafont nell’incontro interreligioso di Assisi, del 1986 e nell’appello di Abu Dhabi, del 2019. Dal momento che la Chiesa che verrà è chiamata a rinunciare all’esclusività per accettare «di essere un mezzo, con altre Chiese, religioni, istituzioni non confessionali, di questa cultura attiva della fraternità». Il senso del discorso è che non c’è (più) un’umanità da salvare: la salvezza «è già data, poiché il peccato è perdonato». Anche il Concilio Vaticano II dev’essere superato, in quanto esso, nel rapporto con le altre religioni, afferma pur sempre un ordine, «le cui forme sono pensate a partire dalla forma perfetta, quella cattolica». Il passaggio è dunque tra questi due modelli di Chiesa: il primo basato sulla fede e sui 9sacramenti necessari per la salvezza eterna; il secondo su un Vangelo sine glossa, ossia, secondo la spiegazione di Lafont, che vada al di là delle formulazioni dogmatiche e magisteriali, per aprirsi ai doni dello Spirito. Anche Andrea Grillo propone un cambio di paradigma, proponendo di passare da una Chiesa fondata sulle tre “S” (sacrificio, sacerdozio, sacramento), per andare verso l’obiettivo di detronizzare l’Eucaristia, che da fonte e vertice della vita cristiana, viene letteralmente dissolta nel nuovo moralismo del “prendersi cura”. (Da La Nuova Bussola Quotidiana)
    Ammettendo che quelle persone che hanno partecipato al convegno in passato abbiano creduto alla religione cattolica di sempre, possiamo dire che non credono più se accettano le tesi proposte dal monaco Ghislain Lafont. Oppure, se il mondo cambia, cambia anche la religione in senso evolutivo. In ogni caso la religione cattolica è quella di sempre e non può cambiare se invece di andare a piedi andiamo in aereo. Tutti i tentativi di cambiare la dottrina, l'evoluzione diventa un’opera che tende a svuotare la religione dei suoi contenuti. E’ il tentativo di trasformare la religione cattolica in una sorta di generico moralismo dove si ha sempre meno bisogno di Dio. Su questa strada si passa dalla religione cattolica all’accettazione di qualsiasi altra religione, basta averne una perché sono tutte più o meno uguali. Infine, l’ultimo passaggio sarà che la religione è inutile, basta non fare del male e tutto va bene.
    ____________________________
    ILLUSTRAZIONE: Ghislain Lafont, il monaco dalle idee moderniste.
    ________________________________

    22/2 - IL COGNOME DEL PADRE: Il cognome paterno è un retaggio patriarcale. Ne è convinta la Corte Costituzionale che, con una specifica ordinanza in replica al Tribunale di Bolzano, ha adombrato l'idea che il solo cognome paterno dato ai figli costituisca, appunto, il retaggio di una concezione della famiglia patriarcale. Nello specifico, la Consulta è intervenuta in risposta al tribunale altoatesino, che chiedeva lumi sulla costituzionalità della norma - l'articolo 262 del Codice civile - nella parte in cui non prevede, dato l'accordo tra i genitori, la possibilità di dare al figlio il cognome della madre invece di quello paterno. Conseguentemente, l'attuale sistema di attribuzione del cognome paterno ai figli è stato giudicato essere il «retaggio di una concezione patriarcale della famiglia», e di «una tramontata potestà maritale, non più coerente con i principi dell'ordinamento e con il valore costituzionale dell'uguaglianza tra uomo e donna».
    A partire dagli anni ’60 è cominciata una guerra all’autorità in particolarmodo paterna. Di conseguenza in un rapporto a due nessuno ha la maggioranza. Se la donna si comporta come un sindacato che in ogni circostanza può contestare il diritto di decidere al marito invece di collaborare a formulare la decisione, mette in crisi la famiglia. In famiglia, la funzione rispetto all’educazione dei figli quella della donna è diversa da quella dell’uomo. La creazione di un ambiente conflittuale porta solo alla crisi della famiglia . L’introduzione del divorzio è la conseguenza dell’aver voluto sul piano giuridico creare un situazione di rivendicazione di diritti. Lasciamo perdere i casi patologici dove il marito uccide la moglie dovuto a situazioni inammissibili, uomini che spesso hanno alle spalle fallimenti precedenti anche in conseguenza di mancanza di principi morali che non hanno niente a che fare con la concezione patriarcale della famiglia. La distruzione della autorità del padre è all’origine di tutta una normativa che avrà come conseguenza la distruzione della famiglia.
    ________________________________

    22/2 - IL MONDO NUOVO DI BILL GATES: Il miliardario Bill Gates ha scritto un libro dove prospetta come dovrebbe essere la vita futura. Tutte le macchine devono essere elettriche perché non inquinano, Si mangia la carne sintetica perchè non produce gas serra. Pochi figli perché inquinano. Per il bene del clima saremo tutti vegetariani o vegani.
    Bill Gates ci prospetta un mondo che è meglio non conoscere. Per accettarlo bisogna trasformare i popoli in masse sterminate di zombi. Si vede che crede di riuscirci magari con l'aiuto dei vaccini.

    22/2 - LEGGI A KG: Ogni tanto spunta in Parlamento qualcuno che vuole semplificare e adesso il grido di guerra è addirittura "digitalizzare". In un anno del governo Conte sono state prodotte leggi, regolamenti e disposizioni per un totale di 80 kg.
    In un Paese ben governato le leggi devono esere poche, chiare e comprensibili. dove ogni cittadino sa sempre quello che può fare e quello che non può fare. Questi governi deboli che per semplificare una norma ne aggiungono un'altra, ben difficilmente cambieranno qualcosa.
    ________________________________

    23/2 - LA CRISI DEL VENEZUELA: “In Venezuela non c'è la dollarizzazione dell'economia, perché la valuta ufficiale non è e non sarà mai il dollaro o qualsiasi altra valuta estera”, ha detto l'8 dicembre il dittatore Nicolás Maduro, mentre è un dato di fatto che i venezuelani sopravvivono alla dollarizzazione subita dall'economia venezuelana che, secondo la società Ecoanalítica, ha raggiunto il 65% delle transazioni del paese nel 2020. il Venezuela è l'unico Paese al mondo in cui anche il dollaro soffre la svalutazione. Un venditore di cibo di strada, si lamenta della scarsità di contanti e afferma che i prezzi in dollari aumentano sempre, “non scendono mai”, perché è anche difficile ottenere dollari in contanti. “Si usa soprattutto la banconota da un dollaro, anche da 5, 10 e 20. Ma non ci sono centesimi”, ha detto. “Se al mattino presto il dollaro costa 1 milione e 100mila bolivar, alle 9 del mattino è già salito a 1 milione e 200mila, e devi far modificare i prezzi velocemente, perché il prodotto lo dobbiamo pagare al fornitore in dollari”. I venezuelani sopravvivono all’inflazione da novembre 2017, e così sono diventati il Paese con l’iperinflazione più alta e di maggior durata al mondo. “Associato all'iperinflazione, si trova il deprezzamento del bolivar e questo movimento costante di aumento dei prezzi e deprezzamento della valuta non sembra avere una soluzione immediata, perché il governo non ha fonti di finanziamento reali”, ha detto l'economista José Guerra. Se invece si devono utilizzare i mezzi pubblici o andare al supermercato la Via Crucis è ancora più pesante. Bisogna pagare in bolivar “Il bancomat ti permette di prelevare solo 200 bolivar ogni 24 ore”, Di fronte a questa realtà, l'economista José Guerra ha assicurato che “il bolivar è irrecuperabile, perché il pubblico ha perso fiducia in questa moneta. Nel frattempo, la dollarizzazione ha causato più esclusione sociale e ha evidenziato maggiormente la disuguaglianza, come non si era mai visto in Venezuela”. Ecco le conseguenze del Socialismo del XXI Secolo.
    La crisi del Venezuela è dovuta in parte alle strategie economiche degli ultimi governi e per la maggior parte alle sanzioni che sono imposte dagli Usa.
    _______________________________

    23/2 - CONGO: UCCISO AMBASCIATORE: In un agguato a Kibumba, muoiono l'ambasciatore Luca Attanasio, un carabiniere e un autista locale. I tre viaggiavano in un convoglio delle Nazioni Unite. Le misure di sicurezza erano inesistenti. In quella zona operano diversi gruppi armati. Probabilmente l'intenzione dei ribelli era quella di rapire il diplomatico italiano per ottenere un riscatto; ma, l'arrivo de una pattuglia dell'esercito ha determinato uno scontro a fuoco dove sono morti l'ambasciatore, il carabiniere e l'autista congolese.
    Nella zona dove è avvenuto l'agguato è infestata da ribelli Hutu e da islamisti congolesi, era indispensabile una scorta armata per evitare rischi.

    23/2 - LA LOTTERIA DEGLI SCONTRINI: Sorpresa per chi vuole concorrere al gioco di Stato degli scontrini. Al momento degli acquisti si deve scegliere se tentare la sorte nella speranza di vincere il monte premi o meno in palio dallo Stato di 5 milioni o rinunciare alle detrazioni spettanti sul 730.
    La finta lotta all'evasione si arricchisce di una fregatura.
    ________________________________
    24/2 - SBARCHI, +77%: Nuovo picco di arrivi di migranti dopo l'abolizione dei decreti sicurezza. Sbarchi sono aumentati del 77% rispetto al 2020. Inoltre, un migrante su cinque ha il Covid.
    Se questi sono i risultati, i decreti sicurezza voluti da Salvini servivano.

    24/2 - SPUTNIK A SAN MARINO: Visto che dall'Ue non arriva niente, la piccola Repubblica di San Marino ha stipulato un accordo con la Russia per una fornitura di vaccini. Ieri sono stati consegnati i primi 7.500 dosi di Sputnik V. E' previsto l'arrivo di altre spedizioni per l'immunizzazione dei 40.000 abitanti della Repubblica.
    La repubblica del Monte Titano ha pensato bene di agire subito senza attendere il via libera dell'Ema che è sempre in ritardo.
    ____________________________

    24/2 - EGITTO: CHIESE CRISTIANE: I musulmani in Egitto potranno collaborare con i cristiani nella costruzione di chiese, venendo impiegati come “lavoratori salariati” a tutti gli effetti. Una svolta radicale, in una nazione a larga maggioranza islamica in cui spesso, in passato, questa scelta era considerata un tabù e ai fedeli di Maometto era proibito contribuire alla edificazione di luoghi di culto cristiani. In seguito al via libera ufficiale, i musulmani potranno contribuire nella realizzazione di ciascuna delle 44 chiese oggi in fase di costruzione in Egitto. L’approvazione del governo si collega alla fatwa emessa il 24 gennaio scorso dal gran muftì dell’Egitto Shawki Allam, con la quale concedeva ai musulmani la possibilità di “lavorare o prendere parte alla costruzione di chiese, in cambio di uno stipendio”. Una decisione accolta con favore da attivisti e associazioni pro diritti umani, cristiane e non, ma che ha scatenato reazioni indignate di parte dei fedeli islamici. L’attivista cristiano Tom Doyle, di Uncharted Ministries, che parla di “grande passo” perché in questo caso “è il governo a dare il via libera” e per questo “vogliamo ringrazialo. Negli ultimi anni, sotto la presidenza al-Sisi, le autorità hanno legalizzato centinaia di chiese, già realizzate o in fase di costruzione. Ciononostante, vi sono ancora migliaia di luoghi di culto ed edifici in attesa dei permessi. Fra il 2016 e il 2017 il Paese ha registrato una serie di attentati sanguinosi, che hanno coinvolto la stessa comunità cristiana. In relazione agli attacchi, un tribunale militare ha condannato a morte 17 persone; tuttavia, il pugno di ferro delle autorità non è però servito a fermare le violenze.
    In Egitto dove vige un regime autoritario i cristiani, dal punto di vista legale sono più tutelati che in altri paesi dove vi è più democrazia come in Pakistan ma il regime è sotto il ricatto dei fondamentalisti islamici.
    ________________________________
    25/2 - REGOLARIZZATE I RIDER: Ieri la Procura di Milano è intervenuta in modo clamoroso sull'annosa questione dell'inquadramento lavorativo dei cosiddetti rider, imponendo l'assunzione di 60.000 di questi fattorini che fanno consegne del cibo a domicilio. Ha inoltre previsto una serie di reati contravvenzionali per 771 milioni di euro.
    Una decisione giusta presa dai giudici per evitare lo sfruttamento di questi fattorini. Il problema doveva essere risolto prima con una norma del Parlamento e non con un atto di supplenza del tribunale.

    25/2 - NUOVI PROVVEDIMENTI: "Non ci sono le condizioni per allentare le misure", avverte in Aula il ministro Speranza. Per questo il nuovo Dpcm che sostituirà quello in scadenza il 5 marzo, prorogherà le restrizioni fino a dopo Pasqua arrivando al 6 aprile.
    Restrizioni in molti casi discutibili. Quella di chiudere tutto anche il giorno di Pasqua sembra più un dispetto escogitato perché dobbiamo prendere sul serio il governo
    ______________________________

    25/2 - USA: NUOVE SANZIONI ANTI-PUTIN: “Stiamo lavorando attivamente a queste sanzioni; aspettatevele nel prossimo futuro”, ha detto il Segretario al Tesoro Usa Steven Mnuchin al Comitato Finanze del Senato degli Stati Uniti. Si tratta della conseguenza della cosiddetta “Lista del Cremlino”, emanate a gennaio dal governo USA, che colpisce 114 politici russi, fra cui lo stesso Lavrov, e 96 uomini d’affari. Benché Putin ci abbia scherzato sopra, questa lista è un insulto allo stesso Putin per la sua stessa mancanza di risposta alle provocazioni; e una minaccia ai 96 uomini d’affari con molte relazioni economiche in Usa, “a cui Washington sta dicendo: togliete il vostro appoggio a Putin”, altrimenti può sequestrare i loro attivi in Occidente e impedire loro gli affari anche con gli europei, dato il servilismo di questi. “Washington vuole interferire con le elezioni presidenziali in Russia” in questo modo. Le sanzioni, sono una strada senza sbocco che porta tutti, compresi i promotori di tale politica, a mancati profitti e perdite dirette”. Il vice primo ministro russo Arkady Dvorkovich ha dunque annunciato che le banche russe si sono preparate a sopravvivere senza l’accesso a SWIFT (Società Mondiale per le Telecomunicazioni Finanziarie Interbancarie: la rete globale di pagamento interbancario basata sul dollaro) se gli Stati Uniti e l’Unione europea dovessero dar seguito alle loro minacce di interruzione.
    La strategia politica Usa mira alla demolizione della Russia. Quindi le sanzioni non hanno certo lo scopo di democratizzare il Paese euroasiatico ma solo metterlo in crisi sperando che sia la premessa per disordini e disgregazione. Solo la viltà e la stupidità degli europei può assecondare questa linea politica di Washington. Noi non abbiamo nessun interesse che la Russia sia indebolita o frantumata come prevede il piano Kivunim. Continuando su questa linea, il rischio di uno scontro con la Russia potrebbe essere inevitabile. Allora, ci dovremo chiedere: chi ha voluto che l'irreparabile accadesse?
    ________________________________
    26/2 - MANIFESTAZIONE CONTRO IL LOCKDOWN: Domani si manifesterà a Milano contro la segregazione forzata (lockdown) che non previene, ma favorisce la malattia, perché distrugge la salute. Intanto, anche nella Chiesa, il segretario dei rapporti con gli Stati, Paul Gallagher, critica all'Onu i lockdown: "Violano i diritti umani e penalizzano i più vulnerabili".
    Il lockdown che viene consigliato come mezzo per combattere il virus - chiudere tutti in casa prevalentemente i sani, non serve a niente - nella realtà è stato adottato dall'Oms secondo le direttive delle sette mondialiste, con lo scopo di demolire l'economia e permettere il passaggio al modello di economia ecosostenibile.

    26/2 - CONTRATTI UE PER I VACCINI: I Paesi dell'Unione europea non ricevono i quantitativi di vaccini stabiliti nei contratti con le imprese farmaceutiche. Le imprese farmaceutiche rinviano le consegne accampando varie motivazioni; ma, è più facile che dirottino le consegne di vaccini su clienti che pagano di più. Veniamo a sapere che ha firmare i contratti per conto della Ue vi è una funzionaria italiana, Sandra Gallina. Si vede che è poco esperta nelle trattative commerciali altrimenti nei contratti sarebbe dovuto apparire che per le inadempienze vi sarebbero state delle penali.
    ________________________________

    26/2 - MISSILI USA CONTRO GLI SCIITI: Biden “apre le ostilità” per la prima volta dall’inizio del suo mandato con un raid aereo sulla Siria. Nella notte tra il 25 e il 26 febbraio jet, missili e forse elicotteri statunitensi hanno bombardato la base delle milizie sciite filo-iraniane Imam Ali, nei pressi della cittadina siriana di Albu Kamal, sul confine con l'Iraq. Il Pentagono ha fatto sapere di aver preventivamente consultato gli alleati motivando il raid con l'attacco compiuto con razzi lo scorso 15 febbraio contro la base delle forze della Coalizione di Erbil, nel Kurdistan iracheno, in cui ha perso la vita un contractor civile mentre militari statunitensi e di altre forze della coalizione sono rimasti feriti. Almeno 22 i miliziani sono rimasti uccisi nel raid ad Abu Kamal secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani (Ondus), ong con sede in Gran Bretagna legata alle opposizioni al regime di Bashar Assad. I missili americani avrebbero colpito tre veicoli carichi di munizioni arrivate dall’Iraq alle milizie sciite Kaitaib Hezbollah e Hashd al-Shaabi. Dal punto di vista militare gli Usa hanno colpito le milizie sciite già da tempo bersaglio dei raid israeliani sul territorio siriano, mentre sul piano politico non mancano le contraddizioni in un raid che colpisce le milizie sciite in Siria per punire attacchi compiuti forse da altre milizie in territorio iracheno.

    Biden vorrebbe che l’Iran rinunciasse al nucleare e per questo vorrebbe riaprire i colloqui interrotti da Trump. L’iran non accetta i colloqui se non vengono tolte le sanzioni. Adesso abbiamo visto che gli americani hanno bombardato una base in Siria per dei missili lanciati da altre milizie sul territorio iracheno contro base Usa. Un atteggiamento di Biden più aggressivo di quello di Trump che non lascia ben sperare.
    ______________________________
    27/2 - COL NUOVO DPCM: In base alla bozza del nuovo Dpcm, sono declassate a zona arancione Lombardia, Piemonte e Marche. La Liguria ritorna in zona gialla. Provincia di Bolzano, Molise e Basilicata sono zona rossa.
    Per adesso, sui colori delle zone esiste continuità col governo precedente. Non cambia nulla anche perché il ministro della Salute è sempre Speranza.

    27/2 - VACCINI E PASSAPORTI: Mentre nell'Ue, e in particolare in Italia, la somministrazione dei vaccini procede col contagocce, anche perché mancano le dosi, a Bruxelles si studia il lasciapassare sanitario sotto la spinta dell'Austria e della Grecia che spera così di assicurarsi i turisti estivi.
    Se verranno introdotti i lasciapassare sanitari si crea un pericoloso precedente, queste autorizzazioni potranno essere estese anche per altre situazioni col rischio di sopprimere le nostre libertà di pensiero e di comportamento. Per il turismo basta effettuare due tamponi
    ________________________________
    CONTE GUIDA I CINQUE STELLE
    RACCONTANDO ALTRE STORIELLE


    Se parla, dice scemenze
    per i fan sono sentenze.
    Il guru del movimento,
    è addetto al pensamento.
    Il suo nome è Casaleggio,
    ma dal blog esce il peggio.
    Il pensiero volgarizzato,
    vien da Grillo propalato.
    Con facezie e volgarità,
    in un contesto d'ilarità.
    La proposta più infelice
    è la decrescita felice.
    Dove regna la povertà,
    che adesso abbiamo già.
    Gli eletti incompetenti,
    scelti con modi evidenti,
    essi non devono pensare
    ma limitarsi a votare.
    Con la destra han governato
    poi a sinistra hanno svoltato.
    Se Il potere è conservato
    il consenso è dimezzato.
    Viene poi il governo Draghi
    dove la crisi poi la paghi
    loro non amano i banchieri
    pensan siano filibustieri.
    Si uniscono al consesso
    Draghi votano lo stesso.
    Chi da poltrona confortato
    lui grillino è confermato.
    Chi l’incarico non ha avuto
    a Beppe Grillo fa il saluto,
    per formare altro partito
    con l’ideale rinverdito.
    Poi qual è la conclusione
    per evitare la sparizione?
    Giuseppe Conte è investito
    della guida del partito,
    così dirà altre storielle
    per salvare i Cinque Stelle.
    ________________________________

    27/2 - LA HOUSE OF ONE DI BERLINO: A Berlino il 27 maggio saranno poste le fondamenta della House of One, un edificio di culto del costo di 47 milioni di euro, che si stima sarà ultimato in quattro anni. Secondo quanto riporta "The Guardian" nell'edificio vi sarà una chiesa, una moschea ed una sinagoga collegate ad uno spazio centrale per le riunioni.
    Tutto questo per favorire l'unione di Cristiani, Mussulmani ed Ebrei. Unione che la massoneria sta promuovendo ormai da tanto tempo per realizzare una religione unica mondiale. Queste iniziative stanno sempre più palesando quali siano i piani della massoneria e rendono scoperto a tutti coloro che nelle chiese approvano e difendono la massoneria oppure tacciono nella totale indifferenza.

    La massoneria è una organizzazione divisa in molte logge il cui fine è il potere. Il sincretismo religioso o semplicemente la manipolazione delle religioni permetterebbe di assumerne la guida e diventa occasione per ampliare il potere della massoneria.
    ________________________________

    28/2 - IL PAPA IN IRAQ: Papa Francesco parte, la prossima settimana, per il viaggio più difficile e importante del suo pontificato: per la vicinanza ai cristiani, il sostegno alla ricostruzione del Paese devastato da guerre e terrorismo e mano tesa ai musulmani. Si realizza il sogno di Giovanni Paolo II. I cristiani iracheni attendevano il Papa da ventidue anni. Era il 1999 quando san Giovanni Paolo II progettò un breve ma significativo pellegrinaggio a Ur dei Caldei, prima tappa del cammino giubilare nei luoghi della salvezza. Voleva partire da Abramo, dal padre comune riconosciuto da ebrei, cristiani e musulmani. In tanti sconsigliarono l’anziano pontefice polacco, chiedendogli di non compiere un viaggio che avrebbe potuto correre il rischio di rafforzare Saddam Hussein ancora al potere dopo la prima guerra del Golfo. Papa Wojtyla tirò dritto per la sua strada, nonostante i tentativi di dissuaderlo, compiuti in particolare dagli Stati Uniti. Ma all’ultimo quel viaggio lampo di natura squisitamente religiosa non venne realizzato per la contrarietà del presidente iracheno. Molti cristiani in questi ultimi anni sono stati costretti ad abbandonare le loro case per cercare rifugio all’estero. In una terra di prima evangelizzazione, la cui Chiesa antichissima ha origini risalenti alla predicazione apostolica, oggi i cristiani attendono la visita di Francesco come una boccata d’ossigeno. Il Papa da tempo aveva annunciato la sua volontà di recarsi in Iraq per confortarli, seguendo l’unica “geopolitica” che lo muove, cioè quella di manifestare prossimità a chi soffre e di favorire, con la sua presenza, processi di riconciliazione, di ricostruzione e di pace.
    Per i cristiani iracheni il viaggio del Papa ha un valore religioso; mentre per i musulmani ed ebrei la visita del Papa è una occasione per ricreare un clima di pacifica convivenza.
    _______________________________
    28/2 - PRIORITA': Secondo la vulgata degli esperti la vccinazione deve cominciare dalle persone più fragili quindi dagli ultra ottantenni e poi via scendendo per età. I questi giorni si sono svegliati i giudici che esercitano una attività essenziale per il funzionamento della giustizia ed inoltre sono più a rischio per i loro contatti col pubblico, chiedono sia riconosciuta loro la priorità nella vaccinazione.
    I giudici sono persone come gli altri, quando possono cercano di vedere riconosciuto qualche privilegio.

    28/2 - PROROGA PER LE CARTELLE: Verrà spostata la scadenza del 1° marzo per i 50 milioni di cartelle. La motivazione che vi sarebbe l'ipotesi di cancellazione delle cartelle fino a 5.000 euro e per la rottamazione delle altre. Questo sarebbe il primo passo per la pace fiscale, necessaria per introdurre una nuova tassazione.
    Quando si vuole introdurre una nuova tassazione è necessario sistemare le pendenze precedenti altrimenti il vecchio si sovrappone al nuovo ed aumenta la confusione.
    _______________________________

    ANNOTAZIONE
    SE IL PAPA SI DIMETTE

    Il giornalista e medico argentino Nelson Castro ha intervistato il Papa nel 2019. L'intervista è stata riportata nel libro dal titolo “La salute dei papi. Medicina, complotti e fede. Da Leone XIII fino a Francesco”. Il giornalista ha chiesto al Papa se pensa alla morte. “Sì”, ha risposto . E ha sottolineato di non aver paura. “Come immagina la sua morte ?”, incalza Castro. Risposta: “Come Papa in carica oppure emerito. E qui in Roma. In Argentina non torno”.
    Quando Benedetto XVI diede le dimissioni dal suo incarico, molti fedeli rimasero spiazzati da questo gesto. Il Papa è il Vicario di Cristo non un impiegato delle Poste che per raggiunti limiti di incarico va in pensione contentissimo d’esserci arrivato. Già quelle dimissioni motivate da condizioni di salute non erano convincenti e per questo furono fatte diverse ipotesi alcune delle quali se fossero vere renderebbero invalida la decisione di dimettersi. Come nel caso che il Papa fosse costretto a dare le dimissioni da pressioni interne o esterne. La missione del Papa è tanto obbligante per l’immagine e per la sua funzione che non può interrotta o cancellata con un tratto di penna. Può darsi che vi siano casi estremi che possano decidere il Papa a dare le dimissioni come nel caso che aveva previsto Pio XII, qualora fosse finito prigioniero di Hitler. Oppure malattie talmente invalidanti che neppure il Papa può manifestare la sua volontà. Ma in questo caso non può neppure dare le dimissioni. L’affermazione del Papa attuale indica una scelta possibile senza una vera motivazione. In ogni caso le dimissioni di un Pontefice se non per motivazioni estreme agli occhi del popolo rappresenta sempre una diminuzione dell’istituzione.
    _____________________________________

    ULTIMA ORA: Il presidente dela Parlamento europeo, l'italiano David Sassoli durante un discorso di apertura della settimana europea ha dichiarato con un certo grado di sicurezza "che la pandemia non dipende dal capitalismo".
    Forse perché il virus viene dalla Cina dove là sono ancora tutti comunisti.
    _____________________________________

    IL LIBRO DELLA SETTIMANA

    L'ITALIA DOPO L'ITALIA
    Verso la III Repubblica

    di Perry Andeson
    Ed. Castelvecchi - € 17,50
    Dopo mezzo secolo, il bilancio economico dell’Europa unita è fallimentare: solo un incremento del 5% dalla metà degli anni ‘50, secondo i dati raccolti da Andrea Boltho e Barry Eichengreen nel 2008, cioè prima dello scoppio della crisi finanziaria. Da allora al 2013, dopo cinque anni di recessione, il Pil dell’Eurozona non ha ancora recuperato il livello del 2007, segnala Perry Anderson. Quasi un quarto dei giovani europei sono disoccupati, in Spagna e in Grecia i dati sono catastrofici: 57 e 58%. E persino in Germania, il paese che spaccia come un successo l’aver accumulato surplus commerciale grazie al super-export, gli investimenti sono stati tra i più bassi delle economie del G7. Sempre in Germania, la percentuale di lavoratori a basso salario (quelli che guadagno meno di due terzi del reddito medio) è la più alta di ogni altro Stato dell’Europa occidentale. «Queste sono le più recenti letture dell’unione monetaria», sintetizza Anderson: «I medicastri dell’austerità hanno salassato il paziente, non l’hanno riportato alla salute». In questo scenario, il nostro paese è considerato il malato più grave. «Dall’introduzione della moneta unica – scrive Anderson – l’Italia ha segnato il dato economico peggiore di ogni altro stato dell’Unione: vent’anni di stagnazione virtualmente ininterrotta a un tasso di crescita ben inferiore a quello di Grecia o Spagna». Il debito pubblico italiano è superiore al 130% del Pil. E l’Italia non è certo un paese periferico: è uno dei sei membri fondatori, negli anni ‘80 membro del G7 e quinta potenza industriale del mondo. Tuttora, l’Italia è seconda in Europa – dopo la Germania – per industria manifatturiera ed esportazioni. Le emissioni del Tesoro italiano costituiscono il terzo maggiore mercato di titoli sovrani del mondo. Attenzione: quasi metà del debito pubblico italiano è detenuto all’estero: il dato paragonabile del Giappone è inferiore al 10%. «Nella sua combinazione di peso e di fragilità, l’Italia è il vero anello debole della Ue, dove questa potrebbe teoricamente spezzarsi». Proprio per evitare il tracollo finale dell’Italia – che metterebbe fine alla stessa Unione Europea – secondo Anderson è possibile che Draghi abbia qualche chance: Bruxelles potrebbe concedere qualche sconto sul rapporto deficit-Pil in cambio delle “riforme” neoliberiste promesse, che – tra flessibilità sul lavoro, nuova legge elettorale e nuova ondata di privatizzazioni – assottigliano ulteriormente il già esile margine di residua sovranità nazionale. «L’Italia non è un membro ordinario dell’Unione – conclude Anderson – ma non è neppure deviante da qualsiasi standard cui potrebbe essere riferito. C’è un’espressione consacrata per descrivere la sua posizione, molto usata dentro e fuori dal paese, ma è sbagliata. L’Italia non è un’anomalia in Europa. E’ molto più prossima a esserne un concentrato». Il problema è come uscire da questa situazione. L’unica cosa possibile è cercare di recuperare la propria sovranità economica e finanziaria.
    _______________________________

    LA MIGLIORE DELLA SETTIMANA
    LA SQUADRA ROSSA CHE SPERA DI ESSERE PROMOSSA ARANCIONE



















    Vignetta di Giannelli - Corriere della Sera 22/2/21