Associazione
Cattolici Genovesi

 



















Indice generale
del sito




Collegamenti
a siti consigliati




Home


Mail

 
 
   

 
Christus Vincit


Cattolici Genovesi

Cercare la Verità - Conoscere la Verità - Difendere la Verità


 

Questo sito Internet dal titolo si può rilevare l'intento di affermare nel campo della comunicazione una voce cattolica chiara e forte su ogni argomento che quotidianamente si presenta.
Molti sono i temi che intendiamo affrontare con semplicità e chiarezza in modo da essere compresi da tutti coloro che intendono abitualmente avere contatti.
Noi ci rivolgiamo a tutti e speriamo di fare di questo sito non solo un modo per trasmettere informazioni, idee ma, desideriamo che coloro che troveranno il nostro modo di affrontare gli argomenti di loro gradimento ci facciano conoscere le loro opinioni, ci inviino se credono materiale che in ogni caso verrà esaminato e se ne terrà conto successivamente. Anche per coloro che volessero farci una critica, speriamo garbata, sempre nell'ambito delle nostre possibilità cercheremo di rispondere in qualche modo.
La nostra aspettativa è quella di creare le premesse per favorire la crescita di un punto di riferimento, dando non solo a chi collabora di far conoscere le proprie idee ma anche ad altri a partecipare alla formazione di un centro di opinione. La vastità degli argomenti affrontati ci permettono di dare un'idea precisa della nostra visione delle cose che è e che deve essere sempre cattolica.
Non abbiamo la pretesa di far la predica a nessuno, né pretendiamo di giudicare gli altri migliori o peggiori di noi, la cosa non ci interessa, ma sulle idee, sui comportamenti esprimiamo sempre la nostra valutazione.
Spesse volte nel dire la verità forse qualcuno può esserne dispiaciuto, non è nostra intenzione offendere nessuno, ma ciò che riteniamo giusto non deve essere taciuto.
Chi siamo ? Siamo cattolici senza nessun aggettivo. Le tante classificazioni di cattolici molte volte sono riduttive, spesso devianti ed a volte sicuramente errate, per questo le rifiutiamo.
Apprezziamo i progressi della scienza e della tecnica ma riteniamo che il mondo presente non sia dominato esattamente da una visione cristiana; anzi, dall'esatto contrario. Molte delle cose che ci vengono gabellate come progresso, diritti umani o diritti di libertà siano esattamente il contrario; regresso, licenza e schiavitù. Chi avrà pazienza di seguirci capirà presto a cosa ci stiamo riferendo.
Un'ultima cosa, vogliamo ancora dire, in quanto cattolici noi non abbiamo né complessi di colpa per la storia passata né riteniamo di dover ricorrere ad altre istituzioni civili o religiose per poter essere cattolici. Ricerchiamo la verità ma, i fondamenti li conosciamo già con certezza senza bisogno di rivolgere la nostra attenzione altrove. Siamo fedeli alla Santa Romana Chiesa perché crediamo a tutti i dogmi così come ci sono stati proposti, seguiamo i comandamenti ed i principi morali da sempre stabiliti.

Il sito si articola in vari comparti dove trovano opportuna collocazione i vari argomenti. Chiunque sia interessato a partecipare è invitato a contattare i responsabili dei vari settori.


COME VISITARE IL SITO
la cosa più spiacevole è perdere tempo e farlo perdere agli altri. Pertanto, il modo più veloce per vedere i contenuti è quello di esaminare per primo
L'INDICE GENERALE DEL SITO
Se troverete qualcosa di interessante, potrete poi entrare nei singoli settori.
Grazie per la scelta.
 

Rino Tartaglino           


 
 

___________________________________

(cultura)

Foglio per comunicazione ai soci
___________________________________
- 26/2/21
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________
- 26/2/21
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________
- 27/2/21
(Politica - Economia - Costume)
__________________________________________
- 30/11/17
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________________
- 1/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 2/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 3/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
_____________________________________________

S. MESSA IN LATINO
(rito romano antico)

DOMENICHE E FESTE DI PRECETTO

ORE 9,45

CHIESA DI S. STEFANO
(sopra) Via XX Settembre - GENOVA - Tel. 010.58.71.83

ASS. UNA VOCE - GENOVA

___________________________________
_______________________________
- 15/12/17
(Devozioni e Preghiere)
_______________________________
- 16/12/17
(Devozioni e Preghiere)
___________________________________
- 19/12/17
(Progetto Europa)
___________________________________
- 27/12/17
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 6/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 11/1/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 6/1/18
(una voce)
___________________________________
- 15/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 1/2/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 2/2/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 10/2/18
(Politica - Economia - Costume)
  • USA E RUSSIA: IL RIARMO NUCLEARE
    L'Europa agli europei
  • ___________________________________
    - 15/2/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 20/1/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 10/3/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________
    - 5/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________
    - 15/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 20/7/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 17/3/2018
    (Politica - Economia - Costume)

    ___________________________________

    - 25/4/2020
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 25/1/2020
    (Politica - Economia - Costume)

    ___________________________________
    - 25/1/20
    (cultura scienza fede)
    _________________________________________
    - 14/11/20
    (cultura scienza fede)
    _________________________________________

    -14/11/20
    (Politica - Economia - Costume)

    _________________________________________
    - 10/1/21
    (una voce)
    ___________________________________


    _________________________________________

    9 Gennaio 2022            Informazioni            N°2
    _________________________________________
          Foglio di comunicazione interna
    www.cattolicigenovesi.org
    _________________________________________

    "Nihil innovetur, nisi quod traditum est" (che non si cambi nulla, ma che si trasmetta la Tradizione)

    Stefano I Papa

    _________________________________________

    SANTI E BEATI

    San GIOVANNI Nepomuceno Neumann - Festa 5 Gennaio
    Giovanni Nepomuceno Neumann nacque in Boemia nel 1811. Studiò per diventare sacerdote, ma non vi riuscì. Allora nel 1836 emigrò negli Stati Uniti. A Manhattan fu ben accolto dal vescovo John Dubois che aveva solo 36 preti per gli Stati di New York e New Jersey. Due settimane dopo il suo arrivo fu ordinato e inviato a Buffalo, dove ebbe la cura della zona rurale. Per raggiungere tutte le anime a lui affidate, dormiva poco e spesso si nutriva solo di pane e acqua. Aderì all'ordine redentorista e nel 1852 divenne vescovo di Filadelfia dove edificò cinque chiese e iniziò la costruzione della cattedrale. Si dedicò ai giovani. Morì nel 1860 ed è santo dal 1977.
    ____________________________________________

    EDITORIALE
    GOVERNARE CON IL RICATTO E LA PAURA
    Come hai fatto a portare tante anime all’Inferno?
    Con la paura ; strategia eccellente, vecchia ma sempre attuale.

    (Lettere di Berlicche – Clive Staples Lewis)

    Con l’ultimo Consiglio dei ministri è stata approvata l’obbligatorietà della vaccinazione per coloro che hanno da 50 anni in su, comprese sanzioni per chi non si vaccina e con tutta una serie di restrizioni per i non vaccinati, in pratica come dice il presidente Macron per i francesi, “rendere impossibile la vita ai non vaccinati”. Questi provvedimenti non hanno una importanza sanitaria ma sono derivate da scelte politiche. Noi sappiamo che il primo obbligo del sistema sanitario è quello di curare i malati con sollecitudine, per evitare l’aggravamento della malattia ed arrivare alla guarigione. Se questo è un obbligo del sistema sanitario è anche una pretesa, un diritto del paziente di essere curato. Il vaccino se è efficace, e l’epidemia è dilagante può essere preso in considerazione per l’immunizzazione di soggetti a rischio. In Italia si è proceduto al contrario, messo sotto silenzio le cure per rendere indispensabili i vaccini, proposti come unica soluzione per combattere la pandemia. “Se non ti vaccini muori e fai morire” ha detto Mario Draghi in un suo intervento; quindi, creando un clima di paura sono riusciti a fare accettare la vaccinazione come unica soluzione. Provvedimenti di chiusura che hanno arrecato danni all’economia e vaccinazioni, sono diventati strumenti messi in campo per combattere la pndemia. Tutto questo in obbedienza ai desideri delle imprese farmaceutiche i cui interessi sono ben gestiti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). Poiché questi vaccini se così possiamo chiamarli, non sono risolutivi, occorre ripetere la vaccinazione varie volte. La pandemia va avanti lo stesso nonostante i tanti vaccinati. Il governo per poter continuare nella sua linea vaccinista trova dei colpevoli su cui scaricare tutte le colpe di questi insuccessi. I colpevoli sono i non vaccinati che sarebbero i moderni untori che vengono taglieggiati in ogni modo possibile e visto che sono meno del 10% tutti questi provvedimenti contro di loro sono senza effetto dal punto di vista sanitario e dal punto di vista politico, dei ricatti, delle autentiche carognate.
    Al popolo si può chiedere qualsiasi cosa se si è in grado di dimostrare che si opera per il suo bene; ma questi signori che obbediscono ossequienti ad ordini, ad interessi della luciferina setta mondialista meritano solo di essere spazzati via dalla scena politica. Sperando che questo avvenga presto.

    Rino Tartaglino

    _______________________________

    ILLUSTRAZIONE: Il primo ministro Mario Draghi secondo alcuni quotidiani tedeschi.
    _______________________________

    MONS. VIGANO’ INVITA ALLA CROCIATA MONDIALE DEL ROSARIO

    Dopo due anni di menzogne e inganni, l’umanità soggiogata dall’oligarchia globalista assiste agli ultimi colpi di coda del Leviatano; e mentre da più parti la verità viene alla luce, svelando la frode e il tradimento di molti, esso sembra volersi scatenare imponendo leggi sempre più assurde, con le quali costringerci alla schiavitù in nome di un’emergenza sanitaria che vuole legittimare la limitazione delle libertà fondamentali, la segregazione di chi non cede al ricatto, la criminalizzazione dei dissenzienti. Abbiamo compreso la dimensione spirituale di questa battaglia, in cui un virus prodotto in laboratorio avrebbe dovuto consentire la realizzazione di quel Great Reset che il Nuovo Ordine Mondiale aveva da tempo progettato nei minimi dettagli, per cancellare ogni traccia della nostra identità di Cristiani, e con essa quel che rimane della civiltà e della cultura che la Religione ha ispirato nella società. Dinanzi ad una battaglia spirituale, occorrono armi spirituali. Invito tutti ad una Crociata Mondiale del Rosario, per ottenere mediante la potente intercessione della Vergine Santissima, l’intervento e la vittoria di Dio sullo scatenamento delle forze del Male. Alla supplica di tutti voi si unisce anche la mia, nella recita delle tre Corone. In tutte le Nazioni, in tutte le città del mondo si levi fiducioso e forte il grido della nostra preghiera. Come figli stretti dalla tribolazione ci gettiamo ai piedi della nostra Madre, invocandoLa con la certezza di ottenere ascolto. Facciamo nostre le parole di San Bernardo: Ricordati, o piissima Vergine Maria, che non si è mai udito al mondo che alcuno sia ricorso alla tua protezione, abbia implorato il tuo aiuto, abbia chiesto il tuo soccorso, e sia stato abbandonato. Inginocchiamoci a pregare nelle nostre case, nelle chiese, nelle vie e nelle piazze delle nostre città. Nel riconoscerci tutti bisognosi dell’aiuto della Vergine del Santo Rosario, onoriamo l’ordine divino contro il caos infernale, ponendo ogni nostra speranza in Colei che ai piedi della Croce ci è stata data come Madre, e che come Madre ci ama e ci soccorre, come sempre ha fatto nel corso della Storia.
    ____________________________

    ILLUSTRAZIONE: Blasone ecclesiastico di mons. C. M. Vigano'
    ________________________________

    3/1 - DRAGHI TRA ELOGI E REALTA’: Draghi – ci flautano i media – è il salvatore dell’Italia ; perché non solo gode di insuperabile prestigio “in Europa”, che grazie a lui ci darà 200 e passa miliardi; ma è il più competente ed onnisciente economista, un tecnico eccezionale per conoscenza e carattere, sa come gestire l’economia. Diamo la parola ad un giornalista economico assolutamente “governista”, sì-vax e nemico dell’opposizione: Oscar Giannino. Ebbene, come giudica le azioni di governo di Draghi? Purtroppo: tra finanziaria accontenta-partiti, conferenza stampa all-in, sempre più convulsi decreti su almanaccate misure non risolutive [anzi] di stress ulteriore a lavoro-imprese colpiti da rincari energetici e contagi di massa, governo Draghi aggiunge altra fragilità a quella dei partiti Insomma, anche Giannino, che da competente vede oltre l’alone mediatico delle adulazioni, è deluso. Draghi non sta governando l’economia. Non la sa governare, non sa da che parte cominciare, si rivela un grande incompetente che ha fatto una finanziaria “senza visione” Draghi è sì incompetente, ma non è stato messo al potere per far rifiorire l’economia nazionale; è stato messo lì per attuare il Grand Reset di Davos, il programma “2030 non possiederai nulla e sarai felice”, che comprende la trasformazione della società in un paradiso per l’ oligarchia mondiale per i miliardari: loro soltanto andranno al Danieli, mentre milioni di piccolo-borghesi, privati del lavoro onesto dalla distruzione dell’economia “del benessere”, vivranno del reddito universale di base elargita dal FMI – e ricordiamo per l’ennesima volta che ciò è stato scritto nero su bianco. Persino Massimo D’Alema dichiara: “L’idea che il presidente del Consiglio si auto elegge capo dello Stato e nomina un altro funzionario del ministero del Tesoro al suo posto mi sembra una prospettiva non adeguata per un grande Paese democratico come l’Italia, con rispetto per le persone”. Un giudizio del presidente Cossiga: “Vile affarista, il liquidatore dell’industria pubblica nazionale”, va dunque solo completato da quella di Danilo Quinto: ha già completato la distruzione del turismo, sta già svendendone i più rari gioielli a Bill Gates, e – sacralizzato e reso intoccabile al Quirinale – ormai immune da critiche politiche e persino da rivolte, consegnerà l’oro italiano alla ditta privata MES e completerà il Grand Reset.
    Draghi al Colle o al governo ci attende il destino segnato dal Grande Reset dove il domani è peggio dell'oggi. Speriamo presto di poter fare a meno di Draghi.
    _______________________________________________
    3/1 - VARIANTE OMICRON: Con la variante Omicron, ora dilagante, si rileva una maggiore contagiosità ma con effetti meno gravi. Quindi, possiamo pensare che il Covid si stia indebolendo. Nonostante questo Paesi come Germania ed Austria hanno varato nuove restrizioni. Anche in Italia verranno varate nuove disposizioni per punire i non vaccinati.
    Spesse volte ci assale il dubbio che i nostri governanti siano preoccupati della fine della pandemia perché quel giorno perderanno il potere. In questo senso cercano di farla durare.

    3/1 - CON BERLUSCONI NIENTE ELEZIONI: Per farsi pubblicità verso i grillini, Berlusconi se viene eletto alla presidenza promette che non ci saranno elezioni e nel caso fosse letto Draghi, Forza Italia uscirebbe dalla maggioranza.
    Più chiaro di così, è un invito a votare Berlusconi inviato ai grillini come garanzia che non perderebbero il vitalizio.
    ________________________________

    4/1 - MEDIA CATTOLICI PAGATI DA SOROS E BILL GATES: Una ben documentata inchiesta del sito americano Church Militant rivela come Google, Soros e Bill Gates finanziano i media cattolici pro-vax per contrastare chi nella Chiesa non è allineato al verbo vaccinista. E si scopre che a guidare il consorzio di media cattolici che si autonominano fact-checkers (cioè che controllano la veridicità delle notizie, in questo caso sui vaccini anti-Covid) è il sito Aleteia, testata pubblicata in sette lingue, che gode di una stretta collaborazione con il Dicastero vaticano per la Comunicazione oltre che con il Pontificio Consiglio per la Nuova evangelizzazione. Il consorzio, che comprende una trentina di testate. Insomma, Google è preoccupata di chi mette in dubbio la narrazione secondo cui il vaccino è la sola salvezza dell’umanità e mette in campo tutta la sua potenza per contrastare capillarmente il nemico. Già questo, essendo Google il principale motore di ricerca nel mondo, dovrebbe sollevare qualche preoccupazione. Preoccupazione che dovrebbe diventare inquietudine venendo a conoscenza che dal 2019 il “fratello” di Google (emanazione della stessa compagnia Alphabet), Verily, che si occupa di sanità, ha una «alleanza strategica» con grandi compagnie farmaceutiche, tra cui Pfizer, nello studio della sicurezza a lungo termine dei vaccini per il Covid. A nessuno curiosamente viene il sospetto che ci sia qualche conflitto di interesse. Per quanto riguarda i cattolici, poi, dovrebbe far venire qualche scrupolo il fatto che Google promuova apertamente i diritti riproduttivi (contraccezione e aborto) e l’agenda Lgbtq. Del resto Aleteia ha dal 2013 un rapporto consolidato di collaborazione con Google. Ma non solo: per accreditarsi allo scopo di beneficiare dei fondi della Google News . Milioni di dollari dalla Fondazione Bill e Melinda Gates e 150mila dollari dalla Fondazione Open Society di George Soros, secondo quanto ricostruito da Church Militant. Oltre ad avere interessi diretti nella campagna di vaccinazione (soprattutto Gates), dice Church Militant. Ma c’è un altro aspetto a dir poco inquietante: nel Comitato scientifico approntato da Catholicfactchecking troviamo ben tre membri della Pontificia Accademia per la Vita, tra cui il suo cancelliere, monsignor Renzo Pegoraro. Gli altri due sono Rodrigo Guerra Lopez e padre Alberto Carrara. Il giornalista del National Catholic Register Edward Pentin, che aveva scritto un articolo criticando l’aperto sostegno della Pontificia Accademia per la Vita alla vaccinazione dei bambini malgrado i comprovati rischi; e per dimostrarlo aveva pubblicato la lista dettagliata di 48 casi di bambini americani morti dopo essere stati inoculati con il vaccino Pfizer, è stato messo tra le false notizie. Ricapitolando: c’è una cordata di media cattolici, legati alla Santa Sede, che sono parte di un progetto per silenziare i giornalisti cattolici non allineati, finanziato da grosse lobby internazionali contro la vita e la famiglia, in combutta con le grandi compagnie farmaceutiche che producono i vaccini.
    Se non altro questo ci fa capire perché i media cattolici ufficiali, e soprattutto la Pontificia Accademia per la Vita, siano così accaniti nel sostenere la vaccinazione di massa e pretendano di far credere che la Chiesa si sia pronunciata per i vaccini senza se e senza ma, quando il documento pubblicato dalla Congregazione per la Dottrina della Fede un anno fa diceva cose ben diverse.
    ________________________________
    4/1 - ASSURDITA': In Austria sei libero di ammazzarti ma non di rifiutare la vaccinazione. Approvata a larga maggioranza la legge sul suicidio assistito nello stesso Paese che renderà obbligatoria la puntura anti Covid. Da un lato esalta l'autodeterminazione, dall'altro la si nega. La Chiesa si oppone.
    Anche per suicidarsi bisogna prima essere vaccinati. Bisogna suicidarsi in buona salute.

    4/1 - GAS DALLA RUSSIA: Tutti i lamentano dell'aumento del prezzo del gas e non sapendo con chi prendersela indicano la Russia che ha ridotto l'invio del gas ai clienti europei. In realtà la Russia che ha bisogno di soldi non ha ridotto l'invio di gas. E' la Germania che blocca la distribuzione. Gasprom, il colosso russo degli idrocarburi nel 2021 ha avuto un record di vendite.
    La scelta ecologica dell'energia pulita e la politica energetica sbagliata di acquisti sul mercato libero invece di stipulare contratti a lungo termine per la fornitura del gas hanno determinato un incremento spropositato dell'ammotare delle bollette.
    ________________________________
    5/1 - CRESCITA RECORD?: La crescita del Pil del 2021 è stata valutata del 6,5% e per il prossimo 2022 un po' più contenuta ma pur sempre del 4%. Quindi, una crescita soddisfacente; ma, nel mondo reale non esiste. Chiudono aziende, cessano molte piccole attività, il 20% delle entrate delle famiglie è assorbito dal caro prezzi e dal caro energia.
    In pratica, la gente comune può aver recuperato in parte quello che ha perduto nel 2020. Quindi non ha avuto alcun vantaggio. Se vi è stato un incremento del Pil questo è dovuto nel mondo della Borsa e dall'incremento della produzione dovuta all'aumento dei prezzi a parità di beni e servizi realizzati. Infatti la gente comune continua ad essere pessimista sul futuro.

    5/1 - SI VOTA IL 24 GENNAIO: Per l'elezione del Presidente della Repubblica la prima votazione avverrà il 24/1. A stabilire la data è il presidente della Camera Roberto Fico. Il Pd lancia l'idea di Draghi al Colle e a dirigere il governo un uomo del Pd (Letta o Franceschini) mandando la Lega all'opposizione.
    Se nella realtà dovesse prevalere l'iniziativa del Pd l'unica cosa certa si avrebbe un aumento delle imposizioni fiscali.
    ________________________________

    5/1 - OBBLIGO DEL VACCINO SOPRA I 50 ANNI: Dal Consiglio dei ministri esce un nuovo decreto che impone obbligo vaccinale a tutti dai 50 anni in su. Per accedere al lavoro occorre il green pass rafforzato. Se sprovvisti si considerano assenti ingiustificati. Anche per fare i disoccupati se sopra i 50 devono vaccinarsi. In pratica per fare quasi tutto occorre il green pass, compreso accedere agli uffici pubblici, la posta e le banche. Per gentile concessione per comperare il cibo per non morire di fame si può andare nei negozi senza il green pass. Multa una tantum di 100 euro per chi non si vaccina. Multe salate per il lavoratore sorpreso sul lavoro senza il green pass. In pratica, il governo ha deciso di fare una guerra feroce ai no vax. Dopo la riunione del consiglio dei ministri, Draghi non ha fatto una conferenza stampa per dare conto dei provvedimenti. Ad illustrare brevemente le decisioni contenute nel decreto hanno provveduto il Ministro della sanità Roberto Speranza ed il ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta che con particolare soddisfazione ha elencato tutte le angherie a danno dei non vaccinati contenute nel decreto. Dalle parole di Brunetta abbiamo avuto la sensazione di vivere in un Paese governato da sociopatici e indemoniati dove il piccolo demone incarnato. mentre parla di Green Pass: gode perché si nutre della sofferenza di milioni di persone! Esseri svuotati della coscienza. Qua non servono magistrati o carabinieri, ma esorcisti!
    Il problema del governo è quello di scaricare tutte le colpe della pandemia e della sua cattiva gestione sui non vaccinati sperando di farla franca. Questi signori che ci governano dimostrano di avere la stessa mentalità dei giudici milanesi che all'epoca della peste cercavano di far confessare a cittadini la colpa di essere untori. Allora si usava anche la tortura adesso più modernamente c'è il green pass.
    ________________________________
    6/1 - MACRON COME DRAGHI: Durante un suo intervento in una conferenza stampa, il presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, ha indicato la sua linea di condotta contro la pandemia che fa numerose vittime anche in Francia: "Voglio rovinare la vita a chi rifiuta il siero".
    Anche Macron è alla ricerca di colpevoli che si assumano la responsabilità della gestione fallimentare della pandemia da parte del suo governo.

    6/1 - IDEOLOGIA DA GABINETTO: Il sito Usa "The Federalist" pubblica le bozze di un ordine esecutivo con cui l'Amministrazione Biden si mostra intenzionata a rendere possibile la collocazione dei detenuti in carcere in base non più al sesso biologico ma all'identità di genere. Se un uomo si sente donna andrebbe in un carcere femminile.
    E' l'applicazione della teoria del gender al gabinetto.
    ______________________________

    6/1 - VESCOVI TRA GREEN PASS E SACRAMENTI: Mons. Beschi, vescovo di Bergamo, anticipando persino la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’ultimo diktat del Governo Draghi, si affretta ad incarnare il verbo governativo, quasi fosse un funzionario di Stato, emanando nuove indicazione per le parrocchie. A Bergamo, è divieto di distribuire la comunione per i preti non vaccinati Oltre a tutta una serie di limitazioni per la vita parrocchiale a chi è privo del green pass. Scendendo le diocesi dello Stivale, si fanno scoperte ancora più gravi. Mons. Andrea Bellandi, arcivescovo della diocesi di Salerno – Campagna – Acerno, dopo aver richiamato quanti non hanno ancora ricevuto la vaccinazione a “domandarsi in coscienza se una tale scelta sia coerente, stabilisce: “Esigo espressamente che l’Eucaristia, durante le celebrazioni, NON VENGA DISTRIBUITA dai sacerdoti, diaconi o ministri straordinari non vaccinati. In caso di assoluta necessità, autorizzo che, per la distribuzione, venga scelta ad actum una persona di fiducia (religiosa o catechista) dotata di avvenuta vaccinazione” (maiuscolo e sottolineatura nel testo). Sulla stessa linea d’onda il suo confratello nell’episcopato, nonché vicino di casa, mons. Giacomo Cirulli, vescovo di Teano-Calvi e Alife-Caiazzo, il quale proibisce “la distribuzione dell’Eucaristia da parte di sacerdoti, Diaconi, religiosi e laici non vaccinati”. Inoltre: “Per quanto riguarda la visita agli anziani e agli ammalati, si abbia molta cautela, valutando i singoli casi e chiedendo l’esplicito consenso dei familiari. In ogni caso è fatto assolutamente divieto di compiere tali visite a coloro che non sono in possesso del green pass rafforzato”. Norme maniacali a parte, indice comunque di una sottomissione irriflessa e supina al potere di turno, la diocesi di Bergamo inaugura ufficialmente lo spostamento dell’asse morale della vaccinazione: da moralmente possibile in alcune circostanze ben precise (Congregazione per la Dottrina della fede), a raccomandata come atto d’amore (Papa Francesco), ed infine ad obbligo morale (un altro Francesco, questa volta Beschi). Questo è il risultato di quando i vescovi danno più credito al telegiornale che alla parola di Dio, obbediscono più docilmente al Governo che al Padre eterno, e confidano maggiormente nei sieri miracolosi che non nei sacramenti e nella preghiera.
    I sacerdoti sono tenuti a disattendere queste norme dei loro vescovi, che appaiono del tutto in contrasto con l’ordine sacro che solo li costituisce “ministri sacri” e li abilita “a pascere il popolo di Dio, adempiendo nella persona di Cristo Capo, ciascuno nel suo grado, le funzioni di insegnare, santificare e governare” (can. 1008). Siamo passati da epoche in cui vescovi, sacerdoti e religiosi si distinguevano per l’eroicità con cui assistevano sacramentalmente gli appestati, i lebbrosi o gli affetti da qualsiasi genere di malattia, esponendosi al rischio di ammalarsi e morire, a quello in cui il prete modello è quello che se ne frega delle anime non vaccinate ed esercita il suo ministero solo se inoculato con un siero.
    ________________________________

    7/1 - STABILITA’ STRATEGICA TRA USA E RUSSIA: La prossima settimana a Ginevra, con il Dialogo sulla stabilità strategica, fra Usa e Russia, si apre una sezione di negoziati, che proseguirà con il Consiglio Nato-Russia a Bruxelles e con il vertice Osce a Vienna. L’incontro ginevrino parte con le peggiori premesse. La Russia ha già annunciato di essere poco incline ai compromessi. Gli Stati Uniti, almeno ufficialmente, dichiarano di non voler fare alcun passo indietro sullo schieramento delle forze Nato in Europa orientale. Parrebbe un dialogo fra sordi.
    Le proposte di Mosca, avanzate il 17 dicembre e oggetto del colloquio telefonico fra Biden e Putin del 30 dicembre, sono estremamente dure e ultimative: impegno formale e legalmente vincolante della Nato a non accettare nuovi membri ad Est della sua attuale frontiera (dunque niente Ucraina e Georgia); fine della rotazione dei contingenti Nato nei “Paesi ex sovietici” suoi membri, dunque nei Paesi Baltici; fine delle esercitazioni congiunte con Paesi ex sovietici; cessazione di tutti gli aiuti all’Ucraina; impegno a non schierare nuove basi missilistiche a tiro di Mosca.
    La presenza di oltre 100mila uomini dell’esercito russo ai confini orientali ucraini, con armi ed equipaggiamento completi, fanno pensare che, in caso di mancata accettazione di queste condizioni, Putin non garantisca più di “tenere i suoi”. Una guerra aperta fra Russia e Ucraina potrebbe anche scoppiare.
    I vertici della Nato, comprensibilmente, considerano queste condizioni come “inaccettabili”. La Russia, oltre che negare a Paesi indipendenti a tutti gli effetti il diritto di chiedere l’adesione all’Alleanza Atlantica, si spingerebbe in questo modo a dettare regole anche ai Paesi che ne fanno già parte da un quindicennio (i Paesi Baltici). La Russia si presenta a Ginevra, oggi, con un facile successo militare in tasca: il rapidissimo intervento di 3mila paracadutisti in Kazakistan. L’azione militare, chiesta poche ore prima dal presidente Tokaiev, per ripristinare l’ordine nel Paese in rivolta, Putin ha ottenuto, sostanzialmente quel che desiderava: ha puntellato, almeno per ora, un regime “satellite” del Kazakistan e soprattutto ha ottenuto anche il plauso di Pechino. Il discorso di Xi Jinping sulla crisi kazaka, infatti, sposa in pieno la narrazione di Mosca, secondo cui la ribellione è solo frutto di una cospirazione occidentale e l’intransigenza militare è la risposta appropriata. Putin punta ad una spartizione, di fatto, delle nuove sfere di influenza. Ma dal punto di vista occidentale, sarà come una nuova Jalta (1945)? O una nuova Monaco (1938)? La fine di un conflitto, o il preludio di uno nuovo?

    Non abbiamo biogno di guerre in Europa che porterebbero solo distruzioni e morte. Quindi, la cosa migliore è che si stabilisca un equilibrio strategico tra Russia e Usa. Se nessuno dei contendenti è sicuro di vincere e comunque subirebbe distruzioni e morti per milioni di cittadini, difficilmente inizierebbe operazioni belliche contro il nemico.
    ________________________________
    7/1 - ALGORITMO CONTRO GLI EVASORI: Da sempre ci raccontano che l'evasione fiscale in Italia è molto elevata e tutti i governi continuano a minacciare di volerla sconfiggere. Adesso siamo ad una svolta, l'Agenzia delle Entrate potrà utilizzare un algoritmo applicato su dei dati raccolti un po' dovunque e definire chi è oppure no, l'evasore.
    Gli evasori veri possono stare tranquilli; un po' meno i cittadini onesti che dichiarano tutto perché, l'algoritmo potrebbe interpretare male certi dati e provocare danni collaterali.

    7/1 - INCHIESTA GEDI SI ALLARGA: Dopo l'inchiesta sul gruppo editoriale Gedi e verifiche su Cassa integrazione guadagni straordinaria (Cigs) e sui prepensionamenti con sospetta truffa ai danni dello Stato, nel mirino degli ispettori dell'Inps sono finiti altri gruppi editoriali: Rcs e Sole 24 Ore. Gli ispettori dovranno esaminare scritture contabili e documenti per verificare l'esistenza di eventuali irregolarità.
    Poiché la normativa sulle pensioni cambia ogni anno, chi vuole essere onesto a volte può sbagliare e chi vuole imbrogliare è facilitato dalla confusione normativa.
    ________________________________
    8/1 - RIAPRIRE LE SCUOLE: Molti presidi chiedono di rinviare la riapertura delle scuole, Vincenzo De Luca, governatore della Campania ha emesso una ordinanza che rinvia l'apertura delle scuole della sua Regione al giorno 29/1. Draghi è contrario alle chiusure perché rappresenterebbero un fallimento della sua politica vaccinale.
    La gente non ne può più di tutte queste limitazioni. Draghi l'ha capito ma per non ammettere il fallimento della gestione della pandemia non vuole chiudere niente, né scuole e neppure altre attività.

    8/1 - LE CHIUSURE NON SERVONO: La Svezia che non ha mai imposto chiusure né coprifuoco ha registrato lo stesso andamento della pandemia dell'Italia chiusurista. Inoltre, le statistiche dimostrano che il green pass non è stata una spinta alla vaccinazione : in sei mesi ha convinto appena il 2% degli scettici.
    Invece di curare con sollecitudine i malati, i nostri governi inginocchiati di fronte al potere della setta mondialista ha accettato il principio che l'unico rimedio per combattere la pandemia è il vaccino che poi non immunizza del tutto, di conseguenza si è intrapresa una strada liberticida fatta di restrizioni e vaccinazioni ripetute senza che si sappia quando la storia finirà.
    ________________________________
    NEL PAESE DI DRAGHISTAN
    IL VACCINO NON VA PIAN

    Con un tono assai pacato
    Mario Draghi è arrivato.
    Per fermare la pandemia
    poi salvare l’economia.
    Così gli affidano il governo
    che va oltre anche l’inverno.
    Con Brunetta e Speranza
    tocca Draghi aprir la danza.
    Lui accolto da salvatore
    piace tanto alla finanza
    che l’apprezza con calore
    già s’attende la pietanza
    dal distinto signore,
    e lui fa senza rumore.
    In ginocchio da Bigfarma
    dove il vaccino è il karma.
    Se il malato non è curato,
    al vaccino viene obbligato.
    Sono affari per milioni
    che fan ricchi i marpioni.

    Ma non cessa la pandemia
    un colpevole vuol che ci sia.
    Il colpevole è solo il no vax
    chiuso in casa e paga la tax.
    Gioisce tosto il Brunetta
    per un'angheria perfetta.
    L’economia è da salvare
    ma a voi, cosa vi pare?
    Con l’agenda di Davoss
    l’Italia va in un foss.
    Senza risparmi né proprietà,
    sarà dunque la gran novità.
    Al popolo il comunismo,
    a lors signori il liberismo.
    Vende l’italia già domani,
    svende anche gli italiani.
    Quando il popolo capirà,
    Mario Draghi licenzierà.
    ______________________________
    9/1 - GLI ANTICRISTO: Il tribunale amministrativo di Nantes ha ordinato la rimozione della statua di San Michele Arcangelo, simbolo delle tradizioni cristiane. La sentenza ha fatto seguito a una richiesta dell'Associazione del libero pensiero che chiedeva la rimozione della statua dal luogo pubblico in quanto oggetto religioso contrario alla tradizione laica del Paese. Il candidato alle presidenziali Eric Zemmour ha detto: "Rimuovere la statua è oggetto dell'idiota punizione di laici obsoleti che non rispettano le trdizioni e la storia". Il 4 gennaio scorso è stata danneggiata la chiesa di Saint Denis dove riposano le spoglie mortali dei re di Francia.
    Questi nemici della cultura sono i degni discepoli di quelli che durante la Rivoluzione, proprio a Nantes fecero strage di cristiani della Vandea. Questi moderni iconoclasti possono solo tentare di distruggere i monumenti le tradizioni ma non sono in grado di eprimere una cultura, sono cultori del nulla.

    9/1 - ABORTI NEL MONDO: L’aborto è la principale causa mondiale di morte a livello globale nel 2021 con con quasi 43 milioni di vittime, bambini non ancora nati uccisi nel grembo materno, secondo i dati forniti da Worldometer. Nel 2021 ci sono stati 42,6 milioni di aborti eseguiti in totale, ha rivelato Worldometer, mentre 8,2 milioni di persone sono morte di cancro, 5 milioni di fumo, 1,7 milioni di HIV / AIDS, 1,3 milioni di morti per traffico e 1 milione di suicidio.
    Probabilmente vi sono anche altri aborti non conteggiati che vanno ad aggravare il fenomeno. Questo mi fa pensare a quella visione dell'Apocalisse nella quale i numerosi martiri chiedono a Dio di fare giustizia. Non possiamo aspettarci altro che qualche tremendo castigo.
    ______________________________

    9/1 - LA RIBELLIONE IN KAZAKISTAN: Quali sono state le cause della ribellione in Kazakistan? Lo spiega benissimo l’autore del sito di geostrategia Moon of Alabama Blog. Titolo originale: I segreti della ribellione fallita in Kazakistan È ancora un mistero quali siano esattamente le forze dietro la ribellione in Kazakistan . Sebbene si pensa che fosse un’operazione della CIA e potrebbe essere stata esternalizzata all’MI6 britannico. Ci sono anche altre possibilità. L’azione vista negli ultimi giorni odorava fortemente di una rivoluzione colorata come tipicamente istigata dagli Stati Uniti. Le bande che hanno attaccato le forze di polizia, dato fuoco agli edifici e preso d’assalto i luoghi in cui erano immagazzinate le armi sembravano molto ben addestrate. Lavoravano in formazioni ed erano ovviamente sotto il comando di qualcuno. Alcuni di loro sembravano essere stati cecchini addestrati poiché alcuni colpi hanno colpito i poliziotti a distanze importanti. Tre dei poliziotti uccisi sono stati decapitati, il che indica alcuni elementi jihadisti. Si dice anche che alcuni fossero stranieri e la dimensione della forza totale è stata stimata fino a un massimo di 20.000. Ciò ha portato a ipotizzare che queste persone provenissero dalla Turchia, dove il presidente Erdogan ha utilizzato i jihadisti siriani per i suoi scopi di politica estera. Ma a beneficio di chi lo farebbe in Kazakistan? Quando gli Stati Uniti sono fuggiti dall’Afghanistan, hanno cercato di ottenere nuove basi in Asia centrale, ma tutti i governi dell’area le hanno negate. Un cambio di regime in Kazakistan potrebbe mettere al vertice qualcuno che consentirebbe un avamposto statunitense. Alla ribellione avrebbero partecipato elementi esterni jihadisti provenienti dalla Siria, soggetti dei clan contrari al regime guidato da Tokayev, con la complicità di componenti dell’amministrazione della polizia e dei sevizi di sicurezza. I ribelli godevano del sostegno di una opposizione interna guidata dal cleptocrate Ablyazov e dal mafioso Wild Arman. Coinvolta anche la persona che gestiva gli affari quotidiani del comitato di sicurezza Karim Masimov, un fedele alleato di Nazarbayev e un amico d’affari di Joe & Hunter Biden. La ribellione è suggerita dagli Occidentali come ha indicato un ex ministro che ora è un leader dell’opposizione kazaka alla Reuters: “L’Occidente deve ritirare il Kazakistan dall’orbita di Mosca o il presidente russo Vladimir Putin attirerà lo stato dell’Asia centrale in “una struttura come l’Unione Sovietica”. Mukhtar Ablyazov, ex banchiere e ministro del governo che è leader di un movimento di opposizione chiamato Scelta democratica del Kazakistan, ha affermato che l’Occidente deve entrare nella mischia. “In caso contrario, il Kazakistan si trasformerà in Bielorussia e (il presidente russo Vladimir) Putin imporrà metodicamente il suo programma: la ricostruzione di una struttura come l’Unione Sovietica”. L’intervento della Russia e suoi alleati in pochi giorni a posto fine alla ribellione. La Cia e M16 britannico sapevano che la ribellione sarebbe fallita ma aveva senso perché si trattava di un tentativo di distogliere l’attenzione della Russia dalla minaccia “occidentale” in Ucraina.
    La ribellione in Kazakistan è una delle tante aggressioni messe in atto con la complicità degli occidentali per ridimenzionare il potere della Russia.
    _______________________________

    ANNOTAZIONE
    VACCINI E LINEE CELLULARI FETALI

    Sul sito di Aldo Maria Valli è reperibile l’intervento di Demetrio Shlomo Yisrael Serraglia, ebreo praticante a proposito dei vaccini ormai resi obbligatori. Riportiamo di seguito le sue osservazioni.
    Sono anch’io uno dei tanti lavoratori colpiti dal sostanziale obbligo vaccinale contro il Covid-19, previsto dalle varie normative che si sono susseguite durante questa “emergenza”. Poiché la notizia era nell’aria da tempo, in pratica da aprile, avendo problemi di allergia a diversi farmaci ho subito iniziato a informarmi rispetto a questi cosiddetti “vaccini”, consapevole del fatto che, essendo sperimentali, mal si conciliano con l’obbligo. Studiando la composizione di questi “vaccini”, per capire se potessero causare reazioni allergiche, ho scoperto che prima di tutto dovevo interrogarmi sulla modalità attraverso la quale vengono prodotti, ovvero sull’utilizzo, per lo sviluppo e la realizzazione, di linee cellulari fetali umane provenienti da aborti. Non essendo mai stato attratto da teorie cospirazioniste e da visioni complottistiche della realtà, ho cercato fonti attendibili, e non è stato difficile trovare conferma dell’uso delle linee cellulari di cui sopra. Tra i molti testi, cito l’interessante studio di Pamela Acker Vaccinazioni: una prospettiva cattolica (Fede & Cultura). I bambini – perché di bambini si tratta – una volta presi prematuramente dal corpo della madre vengono tenuti in vita forzatamente per estrarre materiale fetale quanto più “puro” possibile, e non viene applicata anestesia perché ciò “sporcherebbe” le linee cellulari da utilizzare. Questo è ciò che avviene. Non è un film horror, è “cannibalismo” medico, come affermato correttamente da cinque vescovi. Non vedo dunque nessuna differenza rispetto a quanto venne praticato nei campi di sterminio nazisti : tali procedure sono “normali” quanto lo erano quelle del dottor Mengele. Ricordiamo che, per la realizzazione di tutti i “vaccini” anti Covid fin qui approvati dall’Ema, almeno in una delle fasi di sviluppo vengono utilizzate linee cellulari provenienti da bambini abortiti. I vaccini a m-RNA utilizzano linee cellulari fetali per la progettazione e lo sviluppo e per i successivi test sui lotti (batch testing). Quindi non c’è differenza tra i vaccini attualmente autorizzati dall’Aifa: sono tutti, a mio parere, ugualmente immorali. Credo sia necessario che chi è realmente contro l’aborto pretenda che per lo sviluppo dei farmaci non vengano utilizzati bambini abortiti. Specifico chi è realmente contro l’aborto perché ciò che stupisce, o forse no, è che nel nostro Paese poche voci si sono levate contro questa pratica. Sembra quasi che un certo anti-abortismo sia più ideologicamente contro la donna che a tutela e difesa della vita.
    Riteniamo immorale l'utilizzo delle cellule fetali per la preparazione dei vaccini. Questo problema va sollevato ; ma, gli istituti di ricerca che hanno scopo di lucro continueranno con questo metodo di preparazione anche dopo magari negando di usare questa pratica, è necessario che lo Stato italiano crei un istituto senza finalità di lucro che sia in grado di produrre medicine e vaccini senza fare ricorso a procedure illecite. In questo caso si avrebbe altro vantaggio: di non sottostare alle segnalazioni pseudo scientifiche dei mercanti di vaccini e si mette al riparo il Paese dalle esose richieste degli speculatori.
    _____________________________________

    ULTIMA ORA: L'Oms fa la profezia che prossimamente metà della popolazione europea sarà contagiata dalla variante Omicron. Abbiamo capito che ci vogliono rifilare un nuovo vaccino. E i gonzi che ci governano sono avvertiti: correre a prenotare milioni di dosi.
    _____________________________________

    IL LIBRO DELLA SETTIMANA
    NASCITA DELL’ERESIA

    di Tadeusz Manteuffel
    Libreria Sansoni -€14

    L’eresia è verità parziale , che, come tale diventa un errore se si prende per una verità totale. (Mons. Marie Dominique Chenu teologo)
    Questo libro pubblicato da Sansoni nel 1975 si propone di mostrare come il problema della povertà sia di capitale importanza per comprendere le trasformazioni subite dal Cristianesimo lungo il Medioevo. L’impatto dell’economia monetaria e dello sviluppo urbano sulla mentalità e gli atteggiamenti degli uomini, sulle dottrine e le istituzioni ecclesiali, provoca lacerazioni psicologiche ed inquietudini ideologiche che trovano espressioni nell’insegnamento della Chiesa ed in prese di coscienza collettive. L’autore nella sua analisi prende in considerazione la società italiana e francese. A partire dall’XI° secolo si rileva nella società un certo sviluppo economico che vede un certo arricchimento di nobili e mercanti ma, come spesso accade, lascia indietro molti individui che non beneficiano di questa crescita ecomico-sociale. La Chiesa vive momenti difficili sia per le interferenze del potere civile che pretende di condizionare la gerarchia, sia anche per una non ben definita direzione del clero. All’epoca vi erano dei sacerdoti che avevano moglie ed altri che convivevano con grave scandalo. L’elemento religioso allora era totalizzante; così sorgono gruppi che volendo riformare la Chiesa si riferiscono al modello della Chiesa primitiva. Questi gruppi propongono come modello il pauperismo. La predicazione della scelta della povertà come valore individuale era apprezzata dalla Chiesa; del resto, Gesù invita il giovane ricco a dare tutto ai poveri, come modo per raggiungere la perfezione. Il problema si fa serio se da individuale diventa collettivo. Un qualcosa che si intende imporre agli altri. Cambiare la Chiesa ed anche la società civile. Come succede ai patarini del milanese con le loro pretese pauperiste hanno subito uno scontro con le autorità civili e vengono emarginati dal punto di vista sociale. Sorgono altri gruppi che predicano la povertà come modello di vita sociale e religiosa. La predicazione di questi personaggi itineranti che in un primo tempo vogliono la riforma della Chiesa e della società. In molti casi finiscono per negare l’autorità civile ma, anche convinti di una superiorità morale negano l’autorità della Chiesa e nel fare questo respingono anche parte della dottrina diventando così degli eretici. Il libro ci ricorda l’azione di predicatori itineranti come Roberto d’Abrissel, di Enrico di Losanna, di fra Dolcino e di Arnaldo da Brescia; tanto per citarne alcuni. Lo stesso percorso è quello dei valdesi che da cattolici volevano avere il diritto di predicare finiscono per diventare acerrimi nemici della Chiesa. Molti di questi gruppi pretendevano di purificare la Chiesa, correggere le forme esteriori del clero per riportarla alle origini, finiscono per contestare in nome del pauperismo la stessa dottrina della Chiesa in nome di una loro superiorità morale finendo così nell’eresia. Il libro riporta anche notizie sulla setta gnostica degli albigesi ed infine, si chiude con l’intervento sulla scena di S. Francesco che vede la sua regola approvata dal Papa dove tende a riportare nell’ambito della Chiesa il principio della povertà evangelica nel rispetto totale della dottrina della Chiesa. Il problema del pauperismo continua ancora dopo la morte di S. Francesco. Anche nell’ambito del suo ordine. Vi sono frati intransigenti che vogliono una regola più severa ed altri per una regola più attenuata. L’argomento ideologico del pauperismo dura ancora a lungo fino alla soglia di quell’altro riformatore che con la pretesa di correggere al Chiesa cerca di distruggerla. Il soggetto era Martin Lutero.
    _______________________________


    LA MIGLIORE DELLA SETTIMANA
    L'OROSCOPO DICE DRAGHI: SPERIAMO DI NO!























    Vignetta di Giannelli - Corriere della Sera 3/1/22