Associazione
Cattolici Genovesi

 



















Indice generale
del sito




Collegamenti
a siti consigliati




Home


Mail

 
 
   

 
Christus Vincit


Cattolici Genovesi

Cercare la Verità - Conoscere la Verità - Difendere la Verità


 

Questo sito Internet dal titolo si può rilevare l'intento di affermare nel campo della comunicazione una voce cattolica chiara e forte su ogni argomento che quotidianamente si presenta.
Molti sono i temi che intendiamo affrontare con semplicità e chiarezza in modo da essere compresi da tutti coloro che intendono abitualmente avere contatti.
Noi ci rivolgiamo a tutti e speriamo di fare di questo sito non solo un modo per trasmettere informazioni, idee ma, desideriamo che coloro che troveranno il nostro modo di affrontare gli argomenti di loro gradimento ci facciano conoscere le loro opinioni, ci inviino se credono materiale che in ogni caso verrà esaminato e se ne terrà conto successivamente. Anche per coloro che volessero farci una critica, speriamo garbata, sempre nell'ambito delle nostre possibilità cercheremo di rispondere in qualche modo.
La nostra aspettativa è quella di creare le premesse per favorire la crescita di un punto di riferimento, dando non solo a chi collabora di far conoscere le proprie idee ma anche ad altri a partecipare alla formazione di un centro di opinione. La vastità degli argomenti affrontati ci permettono di dare un'idea precisa della nostra visione delle cose che è e che deve essere sempre cattolica.
Non abbiamo la pretesa di far la predica a nessuno, né pretendiamo di giudicare gli altri migliori o peggiori di noi, la cosa non ci interessa, ma sulle idee, sui comportamenti esprimiamo sempre la nostra valutazione.
Spesse volte nel dire la verità forse qualcuno può esserne dispiaciuto, non è nostra intenzione offendere nessuno, ma ciò che riteniamo giusto non deve essere taciuto.
Chi siamo ? Siamo cattolici senza nessun aggettivo. Le tante classificazioni di cattolici molte volte sono riduttive, spesso devianti ed a volte sicuramente errate, per questo le rifiutiamo.
Apprezziamo i progressi della scienza e della tecnica ma riteniamo che il mondo presente non sia dominato esattamente da una visione cristiana; anzi, dall'esatto contrario. Molte delle cose che ci vengono gabellate come progresso, diritti umani o diritti di libertà siano esattamente il contrario; regresso, licenza e schiavitù. Chi avrà pazienza di seguirci capirà presto a cosa ci stiamo riferendo.
Un'ultima cosa, vogliamo ancora dire, in quanto cattolici noi non abbiamo né complessi di colpa per la storia passata né riteniamo di dover ricorrere ad altre istituzioni civili o religiose per poter essere cattolici. Ricerchiamo la verità ma, i fondamenti li conosciamo già con certezza senza bisogno di rivolgere la nostra attenzione altrove. Siamo fedeli alla Santa Romana Chiesa perché crediamo a tutti i dogmi così come ci sono stati proposti, seguiamo i comandamenti ed i principi morali da sempre stabiliti.

Il sito si articola in vari comparti dove trovano opportuna collocazione i vari argomenti. Chiunque sia interessato a partecipare è invitato a contattare i responsabili dei vari settori.


COME VISITARE IL SITO
la cosa più spiacevole è perdere tempo e farlo perdere agli altri. Pertanto, il modo più veloce per vedere i contenuti è quello di esaminare per primo
L'INDICE GENERALE DEL SITO
Se troverete qualcosa di interessante, potrete poi entrare nei singoli settori.
Grazie per la scelta.
 

Rino Tartaglino           


 
 

___________________________________

(cultura)

Foglio per comunicazione ai soci
___________________________________
- 15/11/17
(Cultura - Scienza - Fede)
_____________________________________
- 19/11/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________
- 25/11/17
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________
- 26/11/17
(Politica - Economia - Costume)
__________________________________________
- 30/11/17
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________________
- 1/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 2/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 3/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
_____________________________________________

S. MESSA IN LATINO
(rito romano antico)

DOMENICHE E FESTE DI PRECETTO

ORE 9,30 - Orario ordinario

CHIESA DI S. STEFANO
(sopra) Via XX Settembre - GENOVA - Tel. 010.58.71.83

ASS. UNA VOCE - GENOVA

___________________________________
_______________________________
- 15/12/17
(Devozioni e Preghiere)
_______________________________
- 16/12/17
(Devozioni e Preghiere)
___________________________________
- 19/12/17
(Progetto Europa)
___________________________________
- 27/12/17
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 6/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 11/1/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 6/1/18
(una voce)
___________________________________
- 15/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 1/2/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 2/2/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 10/2/18
(Politica - Economia - Costume)
  • USA E RUSSIA: IL RIARMO NUCLEARE
    L'Europa agli europei
  • ___________________________________
    - 15/2/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 20/1/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 10/3/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________
    - 5/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________
    - 15/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 20/7/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 17/3/2018
    (Politica - Economia - Costume)

    ___________________________________
    - 6/1/18
    (una voce)
    ___________________________________

    - 21/12/2014
    (Cultura)

    ___________________________________

    - 23/6/2015
    (Vita)
    _________________________________________

    9 Giugno 2019            Informazioni            N° 23
    _________________________________________
          Foglio di comunicazione interna
    www.cattolicigenovesi.org
    _________________________________________
    Speranza e timore sono inseparabili: non c'è timore senza speranza né speranza senza timore.

    La Rochefoucauld

    _________________________________________
    SANTI E BEATI

    San MARCELLINO CHAMPAGNAT – Festa 6 giugno
    Nato a Marlhes (Loire) il 20 maggio 1789, è un anticipatore dei metodi educativi moderni. Studente non brillante, a 16 anni viene accettato nel seminario minore di Verrières, anche se Marcellino non è attratto dallo studio. Sostenuto dal parroco sceglie però lo studio e nel 1816, viene ordinato prete. Nel 1817 Champagnat, ispirandosi al sodalizio detto "Società di Maria", un gruppo che si dedica all'educazione dei giovani, fonda i «Fratelli maristi», che non sono preti. Nel 1823 l'arcivescovo di Lione li autorizza a pronunciare i voti e così li trasforma in religiosi con l'iniziale riconoscimento diocesano. Nel 1825 nasce la casa madre, sempre vicino a St. Chamond, costruita con le proprie mani da Marcellino e i suoi compagni. Champagnat muore nel 1840. Nel 1903 la casa madre dovrà essere trasferita in Piemonte.
    _________________________________________

    EDITORIALE
    NON DIVIDERE I CATTOLICI DAL PAPA

    In un lungo articolo del presidente della Cei il card. Gualtiero Bassetti dal titolo ‘Nessuno dividerà i cattolici dal Papa, parla dell'uso politico dei simboli religiosi e accusa: "la solidarietà non è un'opera pia, ma una necessità democratica, una priorità civile". "Cercare di staccare i fedeli dai vescovi e soprattutto dal Papa è una manovra sbagliata e controproducente" e "rifiuto l'idea che la Chiesa possa essere portata sul piano della battaglia partitica, quasi come pastori fossimo preoccupati di schierarci con gli uni o con gli altri. La storia ci insegna che non è mai stata una buona scelta quella di rincorrere i potenti, magari confidando di ottenerne consensi e privilegi. La Chiesa italiana è una presenza a servizio di tutti". La Chiesa non si è sottratta all'accoglienza dei migranti: "L'abbiamo fatto, tanto nel caso di Genova come in quello di Pozzallo, su richiesta del Viminale, in un'ottica di collaborazione sussidiaria, assicurata attraverso Caritas Italiana. Non sfugga, però, che in questo modo la Chiesa sta svolgendo un ruolo di supplenza: la solidarietà non è un'opera pia, ma una necessità democratica, una priorità civile", dice Bassetti. Il presule ha anche parlato dei cattolici in politica: "Idee politiche nuove purtroppo mancano, perché non basta dirsi cattolici per diventare De Gasperi" e, aggiunge, "una politica fondata sulla paura e sulle promesse facili è destinata a rovinare quel poco che ancora resta dell'unità nazionale". Infine, il card. Bassetti scende direttamente sul piano economico-sociale e sottolinea: "Si tratta di distribuire la ricchezza in maniera diversa e insistere sul principio inderogabile della giustizia fiscale e sociale. Il debito pubblico non è una invenzione del demonio, ma è frutto di tante nostre miserie. Scambiare l'oggi per il domani e sperperare denaro che non c’è significherebbe uccidere la speranza dei nostri giovani".

    ALCUNE OSSERVAZIONI
    Dalle parole del cardinale si desume che i sovranisti ed in particolare la Lega sarebbe il peggiore nemico ed ancor più per l’uso di simboli cattolici a fini politici. Indipendentemente dalle intenzioni di Salvini mi preoccuperei che non fosse abbastanza cattolico e per questo vorrei un suo impegno per correggere certe storture introdotte dalle leggi per scristianizzare il Paese come le leggi sul divorzio, aborto, matrimoni gay, fecondazione artificiale, coppie di fatto, fine vita, ecc… tutte volute dalla sinistra di tutte le gradazioni. Se ci domandiamo chi comanda in Europa scopriremo che non comandano certo i politici che noi eleggiamo specialmente i signori dei partiti europeisti – popolari, socialisti e liberali – tanto per dire quelli più importanti. Sono tutti alle dipendenza dell’alta finanza mondialista che detta le leggi da approvare. I vari Macron, Merkel, tanto per segnalare quelli che contano di più, se non stanno in riga li fanno cadere. La crisi che sta attanagliando molti Paesi è indotta da una serie di leggi che impediscono di procedere a dei correttivi. Questa consorteria di potere ha bisogno che vi sia una crisi per poter colonizzare economicamente l’Europa, fattore necessario per realizzare quel Nuovo Ordine Mondiale (NOM) del quale aveva parlato George Bush padre. Oltre alla crisi necessaria vi è il problema dell’immigrazione. Nella loro ideologia la congregazione di potere usa l’immigrazione per popolare l’Europa. Tanto meglio se sono di religione islamica; perché la scristianizzazione totale avverrà in maniera ancora più rapida. Tutti gli organismi internazionali dall’Onu, al WHO, al WTO, LE Ong, collaborano alla realizzazione di questo disegno. In Europa dovranno entrare milioni di africani ed asiatici. Con i diritti umanitari favoriscono l’immigrazione e con i diritti umani che contengono ogni forma di devianza morale servono a corrompere la società.
    Secondo uno dei padri dell’Europa, il conte Coudenhove Kalergi, l’Europa dovrà essere abitata da un popolo come quello dell’antico Egitto, senza morale, senza storia, senza tradizioni quindi per questo più facilmente governabile. In conclusione: Le finalità che si ripropongono i signori della congrega mondialista sostenute dai partiti europeisti ha come obiettivo la distruzione economica dell’Europa, la distruzione degli Stati e loro tradizioni e la scristianizzazione della nostra società. A questo punto ci domandiamo: “possibile che esperti uomini di Chiesa non si rendano conto di quanto sta succedendo nel mondo? Quali sono gli obiettivi della cupola mondialista? Una cosa semplice: quando dicono che comandano i mercati! Basta vedere chi fa certe operazioni per capire chi è in grado di manipolare i mercati. Il problema non è questione di fare un po’ di accoglienza per qualche decina di migliaia di individui che ci potrebbe anche stare, qui siamo di fronte ad una invasione che diventerà sempre più incontrollata che è disagio per noi perché crea disordine e detrimento per i Paesi dai quali fuggono gli immigrati. Appoggiare quei partiti che si sono posti al servizio dell’idea mondialista rappresenta il suicidio dell’Europa. La scristianizzazione del continente dovrebbe essere un argomento che interessa prevalentemente la Chiesa. Collaborare all’edificazione del regno dell’Anticristo non è la scelta che i cattolici possono fare; anzi, è il suicidio.

    Rino Tartaglino

    _______________________________


    ILLUSTRAZIONE: Signorelli: la Predica dell'Anticristo (particolare)
    _______________________________

    SUORE CHE PREGANO TROPPO

    L’opera di ridefinizione della vita religiosa da parte del Vaticano continua implacabile. Questa volta è il turno delle Piccole Suore di Maria Madre del Redentore, un ordine religioso nato in Francia, e che conta attualmente circa centoventi religiose; di cui cinque hanno deciso di obbedire al diktat di Roma, e le altre centoquindici, divise in tre comunità, verranno sollevate dai voti presi a suo tempo, e torneranno laiche, dovendo lasciare le loro case e le attività di cura e di assistenza agli anziani che erano la caratteristica di questa congregazione. L’accusa che riguarda questo ordine religioso si riferisce soprattutto, ad una spiritualità considerata troppo “tradizionale” vissuta dalle suore. Il Grande Inquisitore della Congregazione per i Religiosi, che ha formulato l’accusa è il francescano Josè Rodriguez Carballo, braccio destro e uomo di fiducia del Pontefice regnante. Un copione che ricalca quelli già vissuti dai Francescani dell’Immacolata che sono ancora commissariati dopo sei anni. Le Piccole Suore di Maria madre del Redentore curano anziani, collaborano nella pastorale delle parrocchie, aiutano i poveri e vivono una spiritualità considerata oggi in Vaticano troppo “classica”, cioè: amore di adorazione all’Eucarestia, preghiera fervente d’intercessione e filiale devozione a Maria. Le suore sono state pre-visitate nel 2009 per decisione del vescovo di Laval, che i laici che sostengono le suore accusano di avere un certo interesse verso l’amministrazione dei loro beni. Ma l’iniziativa non ha avuto successo. Nel 2016, con Braz de Avis e Carballo, una nuova visita. Non più – o non solo – per motivi amministrativi ma per il grave sospetto di tradizionalismo o di classicismo, come dicono i francesi. Le suore sono state incolpate di avere problemi gravi di governo (anche se risulta che la maggioranza delle suore abbiano testimoniato meraviglie della superiora), di immobilismo, di disconoscenza della “nuova teologia della vita consacrata…” e di altri gravi reati come quello di eccessiva preghiera. Alle suore è stata chiesta l’obbedienza senza appello e senza che mai sia stato spiegato il minimo fondamento oggettivo di tutte queste misure. Il 17 settembre 2018, il Cardinale Prefetto della Congregazione per i Religiosi, Mons. Braz de Aviz, ha scritto un ultimatum alle suore: o accettano il Commissario “senza riserve”, o non lo accettano, nel qual caso la legge prevede di essere licenziate dall’Istituto. Così le suore previa consultazione con persone autorizzate e competenti; dopo aver pregato molto e sempre volendo rimanere fedeli e obbedienti alla verità, non avendo altra scelta hanno deciso di rinunciare ai voti. Nel frattempo a Laval si è costituito un Comitato di sostegno alle religiose, che conta quasi tremila persone. La notizia ci permette una semplice considerazione: questo avviene in un Paese in cui la situazione delle vocazioni è – a dir poco – disastrosa, e dove la questione degli abusi clericali sta pian piano emergendo in tutta la sua gravità. E la Santa Sede si permette di compiere operazioni inspiegabili condotte con una violenza e una determinazione che sarebbe stata ben più adeguata in altre situazioni, e per colpe reali. L’amore di adorazione all’Eucarestia, la preghiera fervente d’intercessione e filiale devozione a Maria sono sempre un merito.
    ________________________________
    3/6 - LA MESSA DI DON PROBO: Oggi nella cattedrale di Rimini il vescovo Francesco Lambiase ha celebrato una messa non tanto per festeggiare i 100 anni di Don Probo Vaccarini quanto perché sono presenti i suoi quattro figli tutti sacerdoti. Don Probo è uomo speciale. Nato nel 1919, partecipa alla Campagna di Russia durante la II Guerra Mondiale. Al rientro in Italia studia da geometra e si sposa con Anna Maria da cui ha sette figli. Nel 1970 resta vedovo, seguace di Padre Pio si impegna maggiormente nella chiesa. Frequenta un corso di teologia per laici, poi gli viene proposto un corso per il diaconato permanente; infine, all'età di 68 anni diventa sacerdote. Ma anche i suoi quattro figli maschi sono sacerdoti.
    Siamo sicuri che che don Probo possa essere contento perché tutte le cose che ha fatto le ha fatte bene,

    3/6 - TRUMP A LONDRA: Come sempre il presidente degli Usa fa degli interventi che creano disagio. Dichiara che il sindaco di Londra è un perdente, invita la Gran Bretagna a lasciare l'Ue, così potrà fare buoni affari con gli Usa. Di fronte alla Regina non sempre rispetta il protocollo anche se involontariamente.
    Trump come al solito è personaggio straordinario. Lui dice quello che vorrebbe pensare in quel momento ma può anche cambiare idea.
    ____________________________

    3/6 - AMLETICO DUBBIO: In Inghilterra sta dilagando la tendenza a modificare il sesso dei personaggi dei drammi, snaturando la metrica e il senso. Parafrasando Amleto si direbbe: "Essere o non essere uomo o donna?". Da qualche tempo a questa parte, importanti compagnie propongono drammi che fanno parte della letteratura mondiale, apportando modifiche in termini di genere. Nell'antica Grecia nelle rappresentazioni teatrali anche i ruoli di donne erano interpretati da uomini. Anche in tempi successivi fino arrivare al presente vi sono stati personaggi di genere maschile presentati da donne ed anche il contrario. La cosa recente è che i personaggi di tanti drammi sono rappresentati di genere diverso. Così tanto per fare un esempio il Romeo di Shakespeare diventa Romea modificando i termini del linguaggio. Queste scelte hanno fatto sorgere dibattiti e polemiche. Drammi, commedie e tragedie apprezzati nel tempo nella forma originale è difficile pensare che siano ugualmente graditi nelle forme modificate.
    Questa invasione del gender a tutti i livelli, anche nel teatro dimostra la tendenza di certi settori della cultura di adattarsi ai miti del presente. Come dice lo studioso francese Jean Louis Harouel "l'idea che tutto è uguale a tutto fino ad arrivare ad annullare la figura dell'uomo e della donna è derivata dalla gnosi, una forma di cristianesimo pervertito".
    ____________________________

    4/6 - BOCCIATO L'EUROGLOBALISMO: La Verità ha intervistato Steve Bannon, l'ex stratega di Trump che a affermato: "E' stato sconfitto il progetto di integrazione europea di Macron. Ora è la volta della Brexit senza accordo e di Farage premier inglese al posto della May. Il Papa a forza di criticare i sovranisti ha finito per aiutarli nei consensi". Per Bannon a livello europeo i nazionalisti non formeranno un partito, però di sicuro, voteranno allo stesso modo. Per quanto riguarda la nostra economia Bannon afferma: "L'Italia non arriverà mai alla prosperità attraverso una politica dei tagli. Il rilancio economico si ottiene solo con investimenti, la riforma delle tasse, la riforma dei regolamenti - tutte riforme che possono innescare il grande spirito imprenditoriale degli italiani".
    Condividiamo molte cose che dice Steve Bannon sulla necessità di una politica economica diversa da quella che ci impone l'Ue. Noi vogliamo un'Europa diversa. Steve Bannon credo che voglia comunque, in conclusione, portarci in braccio ai poteri forti del mondialismo per altra via da quella succube degli europeisti.
    ________________________________

    4/6 - TIMORE DI DICRIMINARE: In un negozio di moda, una ragazza nera è stata sorpresa in un atteggiamento che poteva sembrare stesse per sottrarre della merce da un banco e per questo è stata fermata dai commessi del negozio. Appena il titolare del negozio ha scoperto che la donna, era di colore ed anche cantante alla moda, ha subito provveduto a porgere le scuse alla giovane Solana Imani Rowe in arte Sza e per mettere in atto il suo ravvedimento operoso; ha messo in atto un corso di antirazzismo per tutti i dipendenti.
    Ogni individuo quando deve fare o decidere qualcosa se ha possibilità di scegliere, agisce secondo preferenze. Quindi è del tutto naturale che ogni individuo abbia delle preferenze. Cosa inestirpabile. Per il timore di essere accusati di essere razzisti si arriva fino a dire che si preferisce il contrario di quello che si pensa. Stiamo vivendo in un'epoca dove trionfa l'ipocrisia, dove molte volte per sembrare più buoni si dice quasi il contrario di quello che si pensa.

    4/6 - LADRI ALLA PARATA: Arrestate cinque ladre rom che approfittando della parata del 2 giugno hanno tentato il borseggio di alcuni presenti. Fermati anche un tunisino ed un peruviano.
    Il presidente Fico ha detto che la festa della Repubblica è la festa di tutti anche di rom e migranti e qualcuno di loro a voluto partecipare in maniera fattiva.
    ____________________________
    5/6 - PROGRAMMA RAI: Una richiesta di indagine della Corte dei Conti da parte del segretario della Commissione di vigilanza sulla Rai - deputato del Pd - Michele Anzaldi perché la conduzione della trasmissione Unomattina sarebbe stata assegnata a Roberto Poletti, già direttore di Radio Padania e biografo di Salvini. Secondo Anzaldi, Unomattina diventerebbe UnoSalvini.
    I partiti non sono mai usciti dalla Rai sia per la nomina di dirigenti che per conduttori di programmi. Su questo argomento il Pd è il meno titolato per inscenare proteste.

    5/6 - IL PD SI SCHIERA: Dal Consiglio Comunale di Milano giunge un inquietante messaggio. Il Pd ed il centrosinistra bocciano una mozione presentata da Matteo Forte del Partito Popolare e da Luigi Amicone Forza Italia avente per oggetto la non trascrizione dei figli delle coppie gay nel registro anagrafico del Comune e finalizzata alla condanna dell'utero in affitto. La pratica dell'utero in affitto è stata condannata dalla Corte Costituzionale con sentenza 272/2017. In pratica il Pd non approvando la mozione su citata si schiera a favore dell'utero in affitto ed alla genitorialità dei figli delle coppie gay.
    Al Pd è rimasto come programma la lotta contro il fascismo - che non c'è più - la tutela dei gay. Per questo perde voti perché non ha niente di meglio da proporre.
    ____________________________

    5/6 - UN SUICIDIO: Una bella ragazza olandese di 17 anni da tempo pensava a porre fine alla sua esistenza. Quando era ancora bambina aveva subito una grave violenza sessuale e in conseguenza di questo fatto, era caduta in depressione, era diventata anoressica. Ha cercato di reagire con cure, ma con scarsi risultati. Ha scritto un libro, descrivendo la sua situazione forse sperando di essere di aiuto agli altri. Ma col passare del tempo la depressione è diventata sempre più grave fino a chiedere di poter morire in forma legale col consenso medico come prevede la legge in vigore in Olanda. Ma questa procedura le è stata rifiutata. Allora con il consenso dei genitori è stata allestita una camera dove la giovane si è lasciata morire. In uno dei suoi messaggi ha scritto che la sua decisione non è dovuta ad un atto di impulso ma è un atto meditato da tempo. "Entro al massimo 10 giorni morirò. Dopo anni di battaglie, il combattimento è finito. Ho smesso di bere e di mangiare e dopo molte discussioni e valutazioni, è stato deciso di lasciarmi andare perché la mia sofferenza è insopportabile".
    Fatti del genere suscitano un grande sentimento di pietà. In passato vi erano situazioni anche peggiori eppure nessuno pensava al suicidio. Adesso che siamo più istruiti, più benestanti abbiamo bisogno di scegliere la morte come soluzione al disagio di vivere. In passato le persone credevano in qualcosa, sapevano il valore delle cose conoscevano i propri limiti e di conseguenza avevano delle speranze per questo non pensavano al suicidio. Lo stesso dolore aveva un significato di espiazione e di redenzione. In una società che non crede più a nulla l'individuo un po' si sente onnipotente un po' si sente niente. Non si apprezza il valore delle cose è quando la situazione si fa difficile e dolorosa alcune persone desiderano solo sparire nel nulla suicidandosi. Questo è il risultato di una società che ha abbandonato la fede cattolica per seguire le filosofie derivate dall'illuminismo.
    ______________________________
    6/6 - BONUS CULTURA: Il governo Renzi aveva istituito un bonus cultura di 500 euro spendibili per l'acquisto di libri, biglietti per spettacoli anche corsi di lingue. Il voucher di 500 euro era destinato ai giovani al compimento dei 18 anni. Da una indagine della Guardia di Finanza risulta che molti giovani invece di acquistare prodotti formativi, con la complicità dei commercianti hanno acquistato telefonini e smartphone. La truffa scoperta dalla Guardia di Finanza potrebbe avere conseguenze serie. vi sono sanzioni sia per i giovani che per i commercianti.
    Molti giovani sono più interessati alle chiacchiere telefoniche che alla cultura. Questa è la prova che è inutile sprecare soldi con regali. Basta farli studiare.

    6/6 - PM SCHIERATI: Approfittando della situazione difficile nella quale si trova la magistratura per la faccenda delle nomine, Salvini fa i nomi di pm schierati contro di lui. Ha stilato una lista di giudici pro-migranti che bocciano le sue ordinanze.
    Il lavoro dei giudici è di assecondare le scelte del governo, invece abbiamo visto che i giudici, in molti casi vanificano le decisioni del governo.
    ________________________________

    6/6 - COLLETTIVO OMOSEX: Dal quotidiano La Verità leggiamo che nell’Università Cattolica a Milano è nato un collettivo omosex che invita a sfilare ai soliti gay pride. Povera (ex) Cattolica, concepita dal beato Toniolo a fine ‘800 e fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921. È controllata dalla Fondazione Toniolo che è presieduta dall’arcivescovo di Milano, Delpini. All’inizio i professori e docenti erano cattolici. Un paio di decenni fa il numero dei professori cattolici in Cattolica cominciava ad esser minoritario. Un paio di anni fa, nel 2017, i docenti che firmarono la famosa “correctio filialis” al Papa, furono diffidati; alcuni costretti a rinunciare (o non avere rinnovato) all’incarico. Ora in Cattolica vediamo persino il collettivo omosex. Altra notizia che che lascia perplessi, al dicastero (Congregazione per l’educazione cattolica) che dovrebbe occuparsi di sopravvedere università, scuole e associazioni varie sul tema formazione cattolica, è stato nominato il cardinale Joseph William Tobin, arcivescovo di Newark, vicino alle istanze omosex, tanto che nel 2017 dedicò la Santa Messa alla comunità Lgbt.
    La religione cattolica non può essere stravolta nei suoi principi. Quello che fino a ieri era grave peccato continua ad esserlo oggi, domani e sempre.
    _____________________________________
    7/6 - FCA & RENAULT: Il governo francese blocca sul nascere la formazione del più grande gruppo automobilistico. L'obiettivo finale doveva essere la fusione tra FCA, Renault e Nissan ma le trattative si sono fermate per l'intervento del governo francese che temeva forse di veder messa in discussione la sua posizione dominante nella Renault di cui è importante azionista.
    Con il progresso tecnologico e l'ampliamento dei mercati è facile che scompaiano molte aziende automobilistiche. Per rimanere sul mercato si fanno fusioni creando pochi colossi in grado di competere.

    7/6 - MINIBOT: Il governatore della Bce Mario Draghi dice di essere contrario all'idea che si possano emettere Bot di piccolo taglio. "O sono denaro illegale o creano debito".
    Se servono per pagare i crediti delle aziende che poi vengono tolti dalla circolazione pagando imposte e contributi non fanno aumentare il debito. Draghi è contrario perché i minibot sfuggono al controllo della Bce.
    _____________________________________

    7/6 - LETTERA DEI VESCOVI: I vescovi delle diocesi del Lazio hanno inviato ai fedeli della regione una lettera che domenica prossima, in occasione della solennità della Pentecoste, dovrà esser letta in tutte le chiese. Dal documento sorgono forti perplessità per la natura strettamente politica e dunque incompatibile con la richiesta che sia letto ai fedeli riuniti per le Sante Messe sottolineando la strumentalizzazione della Pentecoste operata dal documento stesso. I vescovi partendo dal passo evangelico della Pentecoste dove gli apostoli pieni di Spirito Santo con Pietro che predica alla folla giunta da ogni dove e ne converte subito tremila ne fanno occasione per proclamare il verbo dell’accoglienza dei migranti. Il documento conclude; “Pertanto, carissime sorelle e carissimi fratelli, sentiamo il dovere di rivolgere a tutti voi un appello accorato affinché nelle nostre comunità non abbia alcun diritto la cultura dello scarto e del rifiuto, ma si affermi una cultura “nuova” fatta di incontro, di ricerca solidale del bene comune, di custodia dei beni della terra, di lotta condivisa alla povertà. Invochiamo per tutti noi il dono incessante dello Spirito, che converta i nostri cuori per renderli solleciti nel testimoniare un’accoglienza profondamente evangelica e la gioia della fraternità, frutto concreto della Pentecoste”.
    Se si fa un discorso tutti politico è chiaro che non possiamo accogliere tutti quelli che vogliono venire in Italia. Prendere un brano evangelico di diversa natura per pubblicizzare l’immigrazione clandestina non convince. Se invece i vescovi vogliono ottemperare alla loro missione troviamo parole per una vera e piena accoglienza e integrazione che è descritta dal versetto finale dell’icona della Pentecoste: “Allora coloro che accolsero la parola di Pietro furono battezzati e quel giorno furono aggiunte circa tremila persone”
    _____________________________________

    8/6 - PREGHIERE DI RIPARAZIONE: Oggi 8 giugno sono in corso i Pride 2019 in diverse città (Roma, a 25 anni dalla prima manifestazione dell’”orgoglio gay”, Trieste, Ancona, Messina e Pavia) i cattolici che non si sono piegati all’agenda gay mondiale hanno pregato (e lo faranno anche nei prossimi giorni) per “riparare lo scandalo pubblico”, che i Pride sono accusati di creare, a “danno dell’Ordine naturale”. Basandosi sull’inequivocabile Dottrina della Chiesa Cattolica, compendiata nel Catechismo, ricordando che la Preghiera di Riparazione è un atto di culto e non una manifestazione politica (vietando, quindi, l’esibizione di bandiere di partiti o movimenti politici), ed è anche la partecipazione “all’atto espiatore di Cristo da parte dei cristiani, i quali, mentre si uniscono al suo sacrificio redentore, chiedono anzitutto il perdono per le proprie colpe e poi per quelle degli altri, specialmente di coloro che la redenzione la rifiutano o la combattono”, nella capitale il Comitato San Filippo Neri è scende in piazza nella tarda mattinata di oggi, presso Porta Pia, per pregare nel corso di una Processione di Riparazione. Nonostante gli insulti, le minacce, le intimidazioni e l’odio da parte di una moltitudine di persone sostenitrici dell’ideologia Lgbt. (da Radio Spada)
    Anche a Genova sabato prossimo 15 giugno ci sarà una S. Messa e un'Ora di Adorazione secondo le intenzioni sopra indicate. Ricordo che per il primo gay pride a Genova un gruppo di cattolici volle far celebrare una Messa ma fu vietata dalla Curia. Finalmente, superando tutti gli ostacoli psicologici sempre più cattolici si sono svegliati. Bene le processioni, le Messe e preghiere è necessario fare un ulteriore passo condannando pubblicamente le pratiche omosessuali ed i partiti che sostengono i movimenti Lgbt.
    ______________________________________


    8/6 - MAGISTRATURA AMICA: La magistratura essendo un organo collettivo con un vertice e gruppi divisi in correnti accordi tra soggetti o correnti ci sono sempre stati in forma più o meno corretta. Di recente, dai giornali apprendiamo l'esistenza di un episodio che avrebbe messo la magistratura nelle mani della politica. Nel 2014, il governo di allora aveva stabilito di abbassare l'età pensionabile per i magistrati in modo di sostituirli con la nomina di procuratori di gradimento. Non vi fu opposizione all'iniziativa del governo che portò a termine il piano.
    Più volte abbiamo visto l'invasione di campo dei giudici nella politica. In altri casi vi possono essere invasioni della politica nel sistema giudiziario. ultimamente vediamo che irregolarità vengono dai due settori sia politico che giudiziario. Questi fatti sono anche fattori che portano inefficienza della giustizia.

    8/6 - SUI DROGATI: Il dott. Giovanni Serpelloni, medico ed esperto nella direzione sanitaria e delle neuroscienze delle dipendenze afferma che si buttano via soldi per curare male i tossicodipendenti. Il vecchio schema del trattamento a base di farmaci finisce per cronicizzare la patologia del paziente e costituisce un affare per la gestione delle comunità. Secondo il dott. Serpelloni i tossici sono dei malati psichiatrici e come tali devono essere curati e recuperati davvero.
    La droga va combattuta impedendo lo smercio ed il consumo ed i drogati, vanno obbligatoriamente curati nel modo più efficace che probabilmente è quello suggerito dal dott. Serpelloni.
    _______________________________

    9/6 - IL MASSACRO DI TIEN AN MEN: Un servizio di “AsiaNews” ricorda i tragici eventi di 30 anni fa in piazza Tien an men, dove gli studenti che protestavano e chiedevano più democrazia vennero caricati dall’esercito lasciando sul campo molte vittime. Nella notte fra il 3 e il 4 giugno del 1989, i carri armati inviati dall’allora presidente Deng Xiaoping fecero scempio dei manifestanti che da settimane chiedevano una maggiore libertà e una svolta democratica nel Paese. Le vittime accertate non sono mai state quantificate per la pesantissima censura di Pechino, che ha imposto alle famiglie delle vittime una vita da paria sociali arrivando a negare la componente democratica del movimento. A morire furono operai e studenti, riuniti nella capitale per commemorare l’ex Segretario del Partito comunista (riformista) Hu Yaobang. Ogni anno, nell’ex colonia britannica di Hong Kong si tiene in questa data una grande marcia democratica per commemorare le vittime e reiterare le loro richieste al governo cinese. Alla marcia di Victoria Park sono sempre presenti anche gli esponenti delle religioni del Territorio: il card. Zen, vescovo emerito di Hong Kong, di solito celebra messa e sfila con i manifestanti: “Quest’anno – dice la fonte di AsiaNews – parteciperò, come sempre. Ma temo che sia l’ultima volta”. Il motivo dietro a questo timore è “l’aumento della pressione, anche violenta, delle autorità comuniste.
    In Cina vige un regime che dal punto di vista politico è comunista inserito su un modello economico capitalista. Il sistema ha consentito di fare della Cina la seconda potenza economica del pianeta. Il regime, nonostante i successi, teme lo sviluppo delle religioni e per questo le perseguita. Il cambio di regime nonostante i successi in campo economico potrebbe proprio venire dall’esplosione del sentimento religioso.
    _______________________________
    9/6 - DELITTI E FURTI: Ogni giorno ci raccontano che da anni furti e rapine sono in diminuzione usando i dati statistici; ma, la gente si sente meno sicura ed ha paura. La conclusione di questi esperti di sociologia è che non servono altre leggi per aumentare la sicurezza. La gente ha una percezione diversa della realtà
    Ognuno di noi è componente di una famiglia che è stata vittima di furti o scippi. Specialmente le case isolate ogni 15 o 20 anni sono visitate da ladri. Ogni giorno sentiamo di furti e rapine. Quindi, la percezione non conta nulla come non conta nulla la statistica. Ognuno di noi si basa più che altro sui fatti realmente accaduti ed anche dal fatto che ai delinquenti succede ben poco per cui lo Stato italiano ha poco deterrente; quindi, diventa conveniente prendere delle ulteriori misure per difendersi dai ladri.

    9/6 - LETTA PRESIDENTE?: La notizia arriva dalle colonne di Repubblica. Ma è vera. Enrico Letta, già presidente del Consiglio, farebbe parte della cerchia di candidati alla presidenza del Consiglio dell'Unione europea. A sostenerlo sarebbero Francia e Germania, disposte - probabilmente anche senza il consenso del governo italiano in carica. Lo scopo sarebbe quello di creare difficoltà al nostro governo essendo Letta di idee opposte e nello stesso tempo, impedirebbe all'Italia di richiedere un rappresentate importante per esempio economico per l'Ue.
    L'Ue non è uno Stato ma una unione di Stati dove ognuno fa il proprio interesse se necessario anche a danno degli altri Stati membri. Se continua a prevalere questa impostazione, l'Ue durerà poco!
    _______________________________
    CON I BOT IN TESTA
    L’ITALIA S’E’ DESTA

    E' un’idea geniale
    così da imparare.
    Pagare un debito
    con altro debito.
    La trovata è legista
    mette l’Italia in pista.
    Così pagano fornitori
    che sono in arretrato,
    eran rimasti fuori
    dal credito saldato.
    Coi bot paghi le tasse,
    senza svuotar le casse.
    Dalle banche i contanti
    e l’economia va avanti.
    Non li vuole Draghi
    neanche Bini Smaghi,
    gli rubano il mestiere
    di chi fa il banchiere.
    Per Conte e Tria
    son solo fantasia.
    La sinistra vincente,
    già li proponeva
    or che è perdente,
    di torno se li leva.
    Chi l’euro vuol lasciare
    poi alla lira ritornare
    è questa l‘occasione
    nei bot la soluzione.
    Forse non saran lanciati
    'sti minibot vituperati,
    ma oggetto di trattativa
    con l’Unione alla deriva.

    _______________________________________

    ANNOTAZIONE
    I MINIBOT

    I minibot sono dei titoli di Stato in formato cartaceo di piccolo taglio da 1, 5, 10, 50, 100, 200, 500 euro. Essi certificano l’esistenza di un credito nei confronti del fisco per un importo pari al valore nominale del titolo. Lo Stato può emetterli per pagare forniture di beni, servizi o per riconoscere qualsiasi credito. Lo Stato li riceve in pagamento di imposte e contributi. I minibot non sono una moneta perché l’accettazione da parte di terzi è volontaria. L’emissione di minibot aumenta il debito ma, quando sono dati in pagamento diminuisce un altro debito. In caso di crollo dell’euro i minibot permetterebbero all’Italia di non trovarsi all’improvviso senza una valuta valida.
    L’emissione si questi titoli era previsto dal contratto di governo e parte del programma della Lega. In commissione l’emissione dei minibot è passata all’unanimità poi il giorno dopo l’opposizione di sinistra ha cominciato a fare marcia indietro. Nel governo il ministro Tria è contrario come pure il primo ministro Conte. Contrario anche il governatore della Bce Mario Draghi: “Se sono monete i minibot sono illegali”. Noi riteniamo che se sono emessi nella stessa misura dei debiti da pagare i minibot potrebbero essere una scelta positiva.
    _____________________________________

    ULTIMA ORA - BALLOTTAGGI: Prima delle elezioni amministrative il centrosinistra amministrava 153 grandi Comuni e il centrodestra 39. dopo i ballottaggi il Pd e compagni ne amministrano 112,mentre Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia 85. La Lega si prende 40 città ed aumenta i suoi consensi. Alcune roccaforti del Pd sono passate al centrodestra come Ferrara, Forlì, Biella e Vercelli.
    _____________________________________


    IL LIBRO DELLA SETTIMANA

    I DIRITTI DELL'UOMO CONTRO IL POPOLO
    di Jean Louis Harouel
    Ed. Liberi Libri - € 15

    Pubblicato tre anni fa in Francia, arriva ora anche in Italia I diritti dell’uomo contro il popolo, un breve ma provocatorio saggio in cui lo storico Jean-Louis Harouel affronta un tema di scottante attualità, lanciando un accorato grido d’allarme in difesa della civiltà e delle democrazie europee, a rischio sopravvivenza. I diritti dell’uomo hanno permesso agli individui di sviluppare la loro libertà al riparo dagli arbitrî del potere. Ma cosa succede quando l’ipertrofia dei diritti perverte lo scopo per cui erano nati, trasformandosi in una gabbia per la libertà stessa, diventando un sistema manipolato da persone provenienti da altri popoli con lo scopo di imporsi sul nostro suolo e far trionfare i loro interessi contro il nostro popolo? L’autore passa in rassegna la storia e il significato dei diritti dell’uomo e la loro involuzione in vero e proprio disgregatore sociale, tracciando un percorso storico-filosofico iniziato con la gnosi e il marcionismo, cresciuto con le dottrine millenariste e impostosi con quelle socialiste. Per la gnosi c’è un’identità perfetta tra Dio e l’uomo provvisto di un’anima di luce. L’uomo è identico a Dio, Dio è identico all’uomo. La perfetta coincidenza tra la divinità e gli esseri umani corrisponde ad una assoluta mancanza di diversità tra gli uomini portatori di un’anima divina. La diversità dei corpi, delle intelligenze e delle passioni è senza importanza, come pure la distinzione tra i sessi Credendo nell’indifferenziazione sessuale, la gnosi ne sogna l’abolizione, speculando sul momento in cui non esisterà più né uomo né donna, quando “i due saranno uno solo”. In virtù di questo dogma, la religione secolare dei diritti dell’uomo afferma che essendo tutti gli uomini perfettamente uguali sono intercambiabili, un popolo qualsiasi, ad esempio malese o turco può indifferentemente rimpiazzare i francesi indigeni e far continuare a far funzionare la Francia. I diritti dell’uomo producono come effetto finale la dissoluzione della società occidentale, sono lo strumento di una conquista silenziosa, ma reale, del Paese di accoglienza da parte di chi punta alla distruzione delle nazioni e dei popoli europei grazie a un’immigrazione incontrollata e al peso dell’influenza sociale islamica: “È invocando i diritti dell’uomo che numerosi individui abusano sistematicamente del loro diritto ad avere dei diritti, avanzando rivendicazioni che minacciano la sopravvivenza delle nazioni europee.” Secondo Harouel, continuare a permettere di erigere minareti e far sbandierare veli islamici è suicidario per la Francia, che può arginare la conquista di intere porzioni del suo territorio da parte della civiltà arabo-musulmana solo rinunciando alla religione millenarista dei diritti dell’uomo, uno slogan dietro al quale “i fanatici della prosternazione di fronte all’Islam conducono la loro predicazione e la loro lotta”.
    _______________________________


    LA MIGLIORE DELLA SETTIMANA
    DRAGHI TEME CHE GLI RUBINO IL MESTIERE DI STAMPARE MONETA


















    Vignetta di Krancic - Il Giornale 8/6/19

    _______________________________