Associazione
Cattolici Genovesi

 



















Indice generale
del sito




Collegamenti
a siti consigliati




Home


Mail

 
 
   

 
Christus Vincit


Cattolici Genovesi

Cercare la Verità - Conoscere la Verità - Difendere la Verità


 

Questo sito Internet dal titolo si può rilevare l'intento di affermare nel campo della comunicazione una voce cattolica chiara e forte su ogni argomento che quotidianamente si presenta.
Molti sono i temi che intendiamo affrontare con semplicità e chiarezza in modo da essere compresi da tutti coloro che intendono abitualmente avere contatti.
Noi ci rivolgiamo a tutti e speriamo di fare di questo sito non solo un modo per trasmettere informazioni, idee ma, desideriamo che coloro che troveranno il nostro modo di affrontare gli argomenti di loro gradimento ci facciano conoscere le loro opinioni, ci inviino se credono materiale che in ogni caso verrà esaminato e se ne terrà conto successivamente. Anche per coloro che volessero farci una critica, speriamo garbata, sempre nell'ambito delle nostre possibilità cercheremo di rispondere in qualche modo.
La nostra aspettativa è quella di creare le premesse per favorire la crescita di un punto di riferimento, dando non solo a chi collabora di far conoscere le proprie idee ma anche ad altri a partecipare alla formazione di un centro di opinione. La vastità degli argomenti affrontati ci permettono di dare un'idea precisa della nostra visione delle cose che è e che deve essere sempre cattolica.
Non abbiamo la pretesa di far la predica a nessuno, né pretendiamo di giudicare gli altri migliori o peggiori di noi, la cosa non ci interessa, ma sulle idee, sui comportamenti esprimiamo sempre la nostra valutazione.
Spesse volte nel dire la verità forse qualcuno può esserne dispiaciuto, non è nostra intenzione offendere nessuno, ma ciò che riteniamo giusto non deve essere taciuto.
Chi siamo ? Siamo cattolici senza nessun aggettivo. Le tante classificazioni di cattolici molte volte sono riduttive, spesso devianti ed a volte sicuramente errate, per questo le rifiutiamo.
Apprezziamo i progressi della scienza e della tecnica ma riteniamo che il mondo presente non sia dominato esattamente da una visione cristiana; anzi, dall'esatto contrario. Molte delle cose che ci vengono gabellate come progresso, diritti umani o diritti di libertà siano esattamente il contrario; regresso, licenza e schiavitù. Chi avrà pazienza di seguirci capirà presto a cosa ci stiamo riferendo.
Un'ultima cosa, vogliamo ancora dire, in quanto cattolici noi non abbiamo né complessi di colpa per la storia passata né riteniamo di dover ricorrere ad altre istituzioni civili o religiose per poter essere cattolici. Ricerchiamo la verità ma, i fondamenti li conosciamo già con certezza senza bisogno di rivolgere la nostra attenzione altrove. Siamo fedeli alla Santa Romana Chiesa perché crediamo a tutti i dogmi così come ci sono stati proposti, seguiamo i comandamenti ed i principi morali da sempre stabiliti.

Il sito si articola in vari comparti dove trovano opportuna collocazione i vari argomenti. Chiunque sia interessato a partecipare è invitato a contattare i responsabili dei vari settori.


COME VISITARE IL SITO
la cosa più spiacevole è perdere tempo e farlo perdere agli altri. Pertanto, il modo più veloce per vedere i contenuti è quello di esaminare per primo
L'INDICE GENERALE DEL SITO
Se troverete qualcosa di interessante, potrete poi entrare nei singoli settori.
Grazie per la scelta.
 

Rino Tartaglino           


 
 

___________________________________

(cultura)

Foglio per comunicazione ai soci
___________________________________
- 15/11/17
(Cultura - Scienza - Fede)
_____________________________________
- 19/11/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________
- 25/11/17
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________
- 26/11/17
(Politica - Economia - Costume)
__________________________________________
- 30/11/17
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________________
- 1/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 2/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 3/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
_____________________________________________

S. MESSA IN LATINO
(rito romano antico)

DOMENICHE E FESTE DI PRECETTO

ORE 9,30

CHIESA DI S. STEFANO
(sopra) Via XX Settembre - GENOVA - Tel. 010.58.71.83

ASS. UNA VOCE - GENOVA

___________________________________
_______________________________
- 15/12/17
(Devozioni e Preghiere)
_______________________________
- 16/12/17
(Devozioni e Preghiere)
___________________________________
- 19/12/17
(Progetto Europa)
___________________________________
- 27/12/17
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 6/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 11/1/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 6/1/18
(una voce)
___________________________________
- 15/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 1/2/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 2/2/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 10/2/18
(Politica - Economia - Costume)
  • USA E RUSSIA: IL RIARMO NUCLEARE
    L'Europa agli europei
  • ___________________________________
    - 15/2/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 20/1/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 10/3/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________
    - 5/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________
    - 15/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 20/7/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 17/3/2018
    (Politica - Economia - Costume)

    ___________________________________
    - 6/1/18
    (una voce)
    ___________________________________

    - 21/12/2014
    (Cultura)

    ___________________________________

    - 23/6/2015
    (Vita)
    _________________________________________

    6 Ottobre 2019            Informazioni            N° 40
    _________________________________________
          Foglio di comunicazione interna
    www.cattolicigenovesi.org
    _________________________________________
    Molti dicendo cose giuste fanno cose sbagliate

    Senofonte

    _________________________________________
    SANTI E BEATI

    San FRANCESCO d'Assisi Patrono d'Italia - Festa 4 ottobre
    Francesco nacque ad Assisi nel 1182, nel pieno del fermento dell'età comunale. Figlio di mercante, da giovane aspirava a entrare nella cerchia della piccola nobiltà cittadina. Di qui la partecipazione alla guerra contro Perugia e il tentativo di avviarsi verso la Puglia per partecipare alla crociata. Il suo viaggio, tuttavia, fu interrotto da una voce divina che lo invitò a ricostruire la Chiesa. E Francesco obbedì: abbandonati la famiglia e gli amici, condusse per alcuni anni una vita di penitenza e solitudine in totale povertà. Nel 1209, in seguito a nuova ispirazione, iniziò a predicare il Vangelo nelle città mentre si univano a lui i primi discepoli insieme ai quali si recò a Roma per avere dal Papa l'approvazione della sua scelta di vita. Dal 1210 al 1224 peregrinò per le strade e le piazze d'Italia e dovunque accorrevano a lui folle numerose e schiere di discepoli che egli chiamava frati, fratelli. Accolse poi la giovane Chiara che diede inizio al secondo ordine francescano, e fondò un terzo ordine per quanti desideravano vivere da penitenti, con regole adatte per i laici. Morì nella notte tra il 3 e il 4 ottobre del 1226. Francesco è una delle grandi figure dell'umanità che parla a ogni generazione. Il suo fascino deriva dal grande amore per Gesù di cui, per primo, ricevette le stimmate, segno dell'amore di Cristo per gli uomini e per l'intera creazione di Dio.
    _________________________________________
    EDITORIALE
    I PADRONI DEL MONDO ED IL CASO EPSTEIN

    All’ombra del premio Nobel per la Pace, Barack Obama, e della candidata alla sua successione, Hillary Clinton, non solo il mondo sarebbe andato incontro ad una guerra più estesa, visto che i vertici del Partito Democratico avevano deciso di attaccare l’Iran col pretesto dell’uranio arricchito. L’elezione di Donald Trump, un outsider che non avrebbe dovuto vincere e la cui vittoria ha sconvolto i piani dell’establishment progressista USA, ha permesso di sollevare il coperchio dell’orrendo pentolone che fino ad ora aveva assicurato l’impunità a tale struttura. Il caso Epstein, in particolare, ha rivelato questo: che in un paradiso off shore, nelle Isole Vergini, con voli privati, centinaia di uomini potenti, banchieri, politici, gente dello star system, si dedicavamo allegramente al turismo sessuale violentando bambini e bambine; il tutto veniva filmato e schedato dalla Cia e dall’FBI, oltre che dal Mossad, in modo da incastrare il maggior numero possibile di quei signori. Quando un pezzo grosso viene beccato a fare sesso con dei minorenni, la sua carriera è potenzialmente finita; a meno che non sia in grado di rendere il favore di non esser denunciato. L’obiettivo è obbligare qualcuno a fare ciò che la cupola mondialista a compiere determinati atti attraverso il ricatto. Epstein non era che uno specchietto per le allodole. Benché la sua fortuna personale fosse favolosa, essendo proprietario di un’intera isola, d’un super-attico a New York, di un ranch nel New Mexico, ecc., e il suo aereo personale viaggiasse incessantemente per portare gente illustre e molto danarosa nel paradiso dei pedofili. Pian piano, inizia a venir fuori tutto il putrido verminaio. Più volte la magistratura era giunta alle soglie della porta di Jeffrey Epstein, ma non aveva mai potuto varcarla, anzi nemmeno bussare, perché sempre si erano messi di traverso gli uomini dei servizi segreti, dicendo: Costui non si tocca; ne va della sicurezza dello Stato. Ma ora, appunto con l’elezione (imprevista) di Trump, qualcosa è cambiato. Certe protezioni sono venute meno, ed è proprio l’FBI che ha preso in mano l’inchiesta sul disinvolto personaggio. Jeffrey Epstein viene arrestato e davanti alla prospettiva di farsi quarant’anni di prigione (sono decine o forse centinaia le bambine e i bambini che ha violentato o dato in affitto perché venissero violentati dai suoi facoltosi amici e clienti), pare che fosse disposto a spifferare i nomi dei visitatori del suo perverso paradiso alle Isole Vergini. Personaggi illustri, suoi clienti cominciano a tremare; quindi è meglio metterlo a tacere, così Jeffrey Epstein muore in una cella che doveva essere sorvegliata, si dice che si sia suicidato. E nelle orge sessuali, organizzate da Epstein e documentate da CIA e FBI, non sono coinvolti solo personalità individuali, per quanto illustri, ma sono coinvolti anche i massimi organi delle Nazioni Unite, specialmente quelli legati all’infanzia, all’educazione, eccetera. Come mai? È semplice: dove ci sono i bambini, e dove ci sono gli operatori sociali che si occupano dei bambini, lì si creano delle potenzialità per i pedofili, specie se si tratta non di singoli individui, ma di reti diffuse a livello mondiale. E tale è il caso di cui stiamo parlando. Il tutto con la protezione e la copertura di magistratura e polizia, oltre che del mondo della politica. Il “sistema” Epstein, o meglio il sistema più vasto di cui Epstein era una pedina, funziona a livello mondiale. Dispone perciò di un giro di clienti e un giro di protezioni addirittura impensabili. E nessuno s’era accorto di nulla e se qualcuno se n’era accorto, non aveva potuto far nulla. Segreto di Stato, fine del discorso. A proposito di Bibbiano, non è curioso che il fetido pentolone della Val d’Enza sia stato scoperchiato negli stessi giorni in cui veniva scoperchiato, sull’altra riva dell’Atlantico, il fetido pentolone di Jeffrey Epstein? È curioso che a coprire il sistema Epstein fosse il Partito Democratico, così come a far da ombrello ai sociologi e agli assistenti sociali della Val d’Enza c’era, sia pur indirettamente, il suo equivalente italiano, il partito dei progressisti, dei più nobili, dei più buoni, quello che si oppone ai razzisti, ai populisti e ai fascisti, in nome dei più alti ideali dell’umanità, della solidarietà e della pace. Dietro entrambi i casi, così come molti altri che esistono in tutto il mondo, s’intravede una cosa ancor più spaventosa: le società segrete, il satanismo, un sistema mondiale di pedofilia diffusa a ogni livello. Il tutto con un chiaro sottinteso ideologico: La famiglia tradizionale è male; La famiglia tradizione è fascista”, pertanto deve essere colpita, disarticolata, umiliata, divisa; al suo posto, bisogna far vedere quanto è bella e funzionale la famiglia arcobaleno, dove i partner omosessuali si amano di vero amore, e amano i bambini anche se, purtroppo, non sono i loro. Ora, il clima è tale che perfino la Chiesa cattolica, di fatto, è stata inquinata da episodi di omosessualità e pedofilia. Ritornando all’inizio, noi sappiamo che tutti i coinvolgimenti degli Usa in guerre del Medio Oriente che si sono rivelati un fallimento non erano certo nell’interesse degli americani eppure sono state fatte perché così voleva la cupola mondialista che utilizza il metodo del ricatto per costringere chi non è d’accordo ricambiare il favore. Per adesso, con la presidenza Trump si è evitato la guerra all’Iran.

    Rino Tartaglino

    _______________________________

    ILLUSTRAZIONE: I mondialisti sono contro la Chiesa cattolica e utilizzano la corruzione come strumento di ricatto.
    _______________________________

    LA PREGHIERA PER LA CHIESA

    Si è svolta nel pomeriggio di sabato a Roma, a Largo Giovanni XXIII (al fondo di via della Conciliazione, vista su San Pietro) la preghiera per La Chiesa che vive la Passione. Vi erano molte persone; tanto più se si considera che questa è stata un’iniziativa di pochi laici e qualche sacerdote, e che non aveva dietro nessuna forma di organizzazione e “sponsorizzazione” se non il passa parola e gli avvisi che potevano dare i blog. All’inizio – ci dicono testimoni attendibili – i partecipanti erano circa cinquecento, che sono poi cresciuti di numero con il passare del tempo. «Salviamo la Chiesa dal baratro», qualche ora prima della messa per il concistoro, nello slargo vicino al lungotevere, si sono ritrovati a pregare persone provenienti da tutta Italia. Una protesta garbata e mite, portata avanti con il rosario in mano e le statue della Madonna di Fatima in prima fila. Moltissime le persone in ginocchio sul selciato. Si pregava contro ogni tipo di modernismo, contro il Sinodo sull’Amazzonia che verrà inaugurato il giorno dopo . Ce l’avevano contro lo spirito interreligioso. «Siamo frastornati, vogliono fare della nostra religione un miscuglio con le altre religioni, una sorta di insalata religiosa dove non si capiscono più i contorni. Questo non è quello che vogliamo dalla Chiesa di Cristo» dice una donna al giornalista del Messaggero. “È una questione identitaria?”, osserva il giornalista. A questo punto risponde il marito: «penso che la Chiesa sia in pericolo»”. Bisogna ricordare che il documento di preparazione di questo Sinodo ha creato perplessità e disagio in molti cardinali, vescovi e preti, come ben sapete, e che persino un “bergogliano” di ferro come il card. Ouellet, prefetto della Congregazione per i Vescovi ha espresso. Fra l’altro vogliamo solo citare en passant la sbalorditiva cerimonia che si è svolta tre giorni fa nei giardini del Vaticano, di cui avrete certamente visto fotografie in molti siti. Un cerimoniale sciamanico, e secondo alcuni il Pontefice si è reso conto del ridicolo della situazione, rinunciando a pronunciare il saluto previsto, e limitandosi alla recita del Padre Nostro. Questo è quanto noi riceviamo dai mezzi di informazione. Abbiamo già riferito più volte alcune osservazioni in merito a prese di posizione di vescovi e dello stesso Papa di stampo modernista filo protestante. Dalla nota introduttiva al Sinodo sull’Amazzonia, si parla di prendere in considerazione aspetti dello spiritualismo dei popoli primitivi da integrare nella religione cattolica. In diversi luoghi si hanno notizie che sono avvenute cerimonie officiate da stregoni e sciamani alla presenza di prelati e sacerdoti del tutto indifferenti. Cose ridicole e blasfeme.
    CONCLUSIONE: La gerarchia cattolica di fronte a questi fatti dove circolano accuse di eresie che vengono dell’interno della Chiesa non si può rimanere in silenzio sperando che passi il tempo e tutto finisca nel dimenticatoio. Bisogna dare delle risposte, chiarire motivandole le affermazioni ambigue o discutibili. Il timore dei fedeli è che dietro a tutte queste affermazioni, prese di posizioni vi sia l’intento di cambiare la dottrina. La verità la conosciamo già e non può cambiare. Si possono approfondire le conoscenze ma non si possono evolvere in senso contrario o diverso. Inutile parlare di scismi attribuendoli ad altri, bisogna invece che si chiarisca con precisione ogni affermazione dubbia ed ogni comportamento sospetto. Il silenzio o addirittura la censura non sono ammissibili.
    ____________________________
    ILLUSTRAZIONE: Il momento della preghiera
    ________________________________
    30/9 - ANCHE AI BR: Tra coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza vi sono anche i brigatisti. La brigatista Federica Saraceni, condannata per l'omicidio di Massimo D'Antona prende 623 euro al mese. Massimiliano Gaeta che preparava attentati con estremisti di sinistra, incassa 500 euro. Mentre Raimondo Etro, che organizzò il rapimento Moro, ha ottenuto il massimo: 780 euro al mese. Proteste dai parenti delle vittime.
    Uno Stato incapace di farsi rispettare e dei criminali senza pudore che chiedono il sussidio allo Stato che volevano distruggere.

    30/9 - UN COSTO IN PIU': Il governo vuole incentivare l'uso delle carte di credito ma, oltre alla complicazione vi è una spesa che chi usa il contante non ha. Il canone annuo sale del 76% e sono in crescita anche le commissioni sui pagamenti automatici e bonifici on line. A guadagnarci sono solo le banche.
    Il progresso si ha quando si fa star meglio la gente cioè costi ridotti, più semplificazioni e più rapidità. In questo caso è un progresso solo per chi gira il mondo. per la gente comune è solo una complicazione, una perdita di tempo, una perdita di controllo sulla spesa ed un aumento dei costi.
    ________________________________

    30/9 - KASPER E IL PAPA: Il cardinale Walter Kasper, molto vicino a Papa Francesco, ha concesso un’intervista a Religiòn Digital. Di seguito un breve stralcio.
    Domanda: Chi pensa che succederà a Papa Francesco?
    Kasper: Questa è una questione aperta e non pertinente.
    Domanda: Lei è convinto che, dopo Francesco non si possa tornare indietro?
    Kasper: No, non è possibile. Il popolo non lo accetterà, perché vuole un Papa normale e umano, che non sia imperiale come quelli del passato.

    Il cardinale Walter Kasper è uomo di punta della Conferenza episcopale tedesca ed ha idee moderniste. E’ quindi convinto che il prossimo Papa si allontanerà sempre più dalla dottrina tradizionale. Nonostante che il Papa attuale cerchi di riempire il collegio di elettori per il conclave di fedelissimi bergogliani, noi, abbiamo fiducia che lo Spirito Santo saprà favorire la scelta migliore per la cattedra di San Pietro.
    ________________________________

    1/10 - VIA IL CROCIFISSO: Il ministro della pubblica Istruzione, Lorenzo Fioramonti da poco più di un mese da quando ha assunto questo incarico ha già collezionato alcune gaffe subito smentite dal governo. Prima voleva tassare le merendine suscitando l'ilarità generale. La settimana scorsa ha autorizzato gli studenti a partecipare alle manifestazioni in difesa dell'ambiente. Come se il clima potesse essere cambiato dalle carnevalate dei giovani ben contenti di marinare la scuola. Ma, il ministro prende il tutto sul serio ed approva quello che fanno i giovani visto che non può impedirlo. Ieri il ministro in quota Cinque Stelle ha dato un saggio del suo anti cattolicesimo. Vuole togliere il crocifisso dalle aule scolastiche ed anche il ritratto di Mattarella quando si riesce a reperirne uno. In compenso al loro poto una carta geografica del globo. Nessun politico ha fatta propria questa ultima proposta.
    Se un ministro in poco più di um mese colleziona così tante gaffe sembra peggio di Toninelli del quale è l'erede naturale. Pensare che il ministro Fioramonti era un cervello in fuga; ma, purtroppo, è ritornato invece di continuare la fuga. Inutile commentare la proposta del ministro sul crocifisso visto che un vescovo che è meglio non nominare, ha affermato che non si deve togliere il crocifisso perché farebbe aumentare il consenso a Salvini. Come dire che Cristo non conta se c'è di mezzo Salvini:
    ________________________________
    1/10 - TORTELLINI ISLAMICI: L'arcivescovo di Bologna, prossimo cardinale Matteo Maria Zuppi, per la festa patronale di San Petronio lancia il tortellino dell'accoglienza. Il ripieno del tortellino invece della carne di maiale che per gli islamici sarebbe proibita, vi è il pollo. Per questa scelta Bologna si divide.
    Partendo dalla premessa che gli stranieri devono diventare come noi e non il contrario, nessuno deve obbligare i musulmani a mangiare carne di maiale. se proprio questi stranieri vogliono partecipare alla festa patronale di San Petronio si può offrire altre cibi e non i tortellini. Al limite si possono fare alcune porzioni con il pollo per quelli che lo richiedono se non possono mangiare la carne di maiale. Rinunciare completamente alle proprie tradizioni come nel caso che vengano offerti solo tortellini di pollo serve solo a convincere gli stranieri della nostra inferiorità culturale e non diventa elemento di integrazione ma di disgregazione sociale se si continua sulla stessa strada.

    1/10 - ELETTORI A SEDICI ANNI: Ogni tanto qualcuno propone di abbassare l'età dell'elettorato attivo. Dopo i diciotto anni l'età più vicina sono i sedici anni, i diciassette anni non sono mai proposti, forse per superstizione. Questa volta, Enrico Letta che ha intravisto l'occasione storica riproporre il voto ai sedicenni. La giustificazione è la solita: i giovani d'oggi sono più informati, hanno più conoscenze e soprattutto vogliono partecipare per essere autori del loro destino politico.
    Personalmente, riterrei che il voto dovrebbe essere dato ha persone più competenti, più istruite e di età più matura. Nel caso specifico la proposta viene dalle schiere della sinistra che avendo perso i tradizionali voti popolari cercano di sopravvivere puntando sugli immigrati e adesso anche sui ragazzini.
    ____________________________

    2/10 - SCISMA TEDESCO: Un problema più grave del sinodo Amazzonico è l’altro sinodo, quello dei tedeschi. I vescovi tedeschi si sono stancati di aspettare. Hanno votato Bergoglio con l’impegno che avrebbe rapidamente attuato le riforme che chiedevano: cambiamento nella morale sessuale, nel celibato sacerdotale, nelle funzioni e nei ministeri delle donne e nell’autorità di Roma sul resto delle chiese”. Il Papa ha dato loro Amoris letitiae ma questo non basta. Da tempo i vescovi e i sacerdoti hanno smesso di negare la comunione ai divorziati. Una lettera del Papa, e poi una lettera più dura e chiara del cardinale Ladaria che diceva loro che non potevano fare i cambiamenti che intendevano fare. Entrambi hanno detto al cardinale Marx che la Chiesa in Germania non può tenere un sinodo locale, nel quale anche i laici avrebbero avuto voce in capitolo, per discutere questioni di fede e di morale, e per cambiare la dottrina della Chiesa, che è ciò che propongono. Ma loro hanno appena risposto che non è un sinodo, ma un “cammino sinodale vincolante”. In fondo è una lotta per il potere. La maggior parte dei vescovi tedeschi, quindi, nonostante i loro soldi e la loro storia, sono sempre più relegati, con minore rilevanza sociale. I cambiamenti dottrinali sui punti che tratteranno nel Sinodo permetteranno loro di unirsi ai luterani. Questa sarebbe una nuova Riforma. In effetti, sarebbe una chiesa molto più potente e politicamente influente, ma quanto durerebbe? Questo è il punto: i luterani sono in coma e la Chiesa cattolica è già stata sottoposta a terapia intensiva. Se si uniscono, i due si rafforzerebbero e potrebbero vivere un paio di decenni in più, al massimo un quarto di secolo, dopo sparirebbero come cristiani. (breve sintesi dal sito di Marco Tosatti).
    I vescovi tedeschi stanno percorrendo la stessa strada di Lutero per trasformare il cattolicesimo della Germania in una delle tante sette protestanti.
    ____________________________
    2/10 - ASSOLUZIONI: Nel processo sulle obbligazioni subordinate che hanno rovinato 4.000 persone, condannati solo quattro funzionari. Se la linea verrà confermata anche gli imputati di Banca Etruria, imputati per bancarotta potranno festeggiare.
    Da quando siamo entrati nell'euro abbiamo capito due verità: 1) le banche possono fallire 2) i clienti delle banche sono quasi sempre fregati.

    2/10 - TICKET: Il nostro governo sempre più alla ricerca spasmodica di soldi propone di far pagare il contributo sanitario (Ticket) in base al reddito. In pratica, tranne i nullatenenti che non pagheranno come già adesso niente, tutti gli altri pagheranno di più.
    Di questo passo dobbiamo mantenerci tutti in buona salute perché arriveremo al punto che molti non riusciranno a pagare le medicine.
    ________________________________

    3/10 - IL CELIBATO DEI PRETI: Il cardinale canadese Marc Ouellet, prefetto della Congregazione dei vescovi ha scritto un libro dal titolo: "Per una visione rinnovata del celibato sacerdotale". Libro edito da Cantagalli ed uscito in questi giorni poco prima del discusso Sinodo sull'Amazzonia. Il porporato pone l'accento sulla figura del sacerdote sottolineando che non sono le corse in avanti che posono risolvere problemi vocazionali e missionari. Si discute del celibato sacerdotale per manometterlo, magari cominciando dall'istituire i viri probati, uomini sposati di provata fede ordinati sacerdoti, per la regione amazzonica. La diminuzione delle vocazioni al sacerdozio dipende da una quantità di fattori d'ordine statistico, culturale ed ecclesiologico, ma non si può negare ch'essa dipende anche, e senza dubbio in primo luogo, da una crisi della fede. Ouellet ribalta il punto di vista funzionalistico e si pone nella linea già indicata più volte da Benedetto XVI, cioè che il vero dramma della Chiesa è una profonda crisi della fede. Conclude il cardinale Ouellet: "Se il Sinodo sull'Amazzonia sacrificherà il sacerdozio, la vita religiosa perderà valore. Senza ricolvere il calo delle vocazioni".
    Il cardinale Ouellet ha colto nel segno: la crisi della Chiesa è una crisi della fede.
    ______________________________
    3/10 - DAZI USA: Su autorizzazione dell'Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO), gli Usa imporranno dazi ai prodotti europei. Tra i settori più colpiti vi è quello agroalimentare italiano. La motivazione che giustifica i dazi sarebbero gli aiuti dell'Ue per gli Airbus del consorzio franco-tedesco.
    Questa è una delle tante occasioni per uscire dalla condizione di Paese a sovranità limitata. Dai rapporti con l'Ue abbiamo avuto più danni che vantaggi, lo stesso si sta verificando con gli Usa.

    3/10 - SCANDALO FINANZIARIO: Indagini e documenti sequestrati per sospette operazioni finanziarie ed immobiliari illecite o imbarazzanti venute alla luce in Vaticano. Sospesi cinque dipendenti. Un sacerdote e quattro laici.
    Dove girano soldi è facile che a qualcuno rimangano attaccati alle mani. Per questo è meglio controllare.

    _____________________________________
    4/10 - FESTIVAL GENDER BENDER: La Regione Emilia Romagna regala 100.000 euro al super festival pro gender che si svolgerà dal 23 ottobre al 3 novembre. La manifestazione ideata dall'Arcigay ospiterà tra porno attivisti e spettacoli trans esibizioni di pura propaganda Lgbt. Non dimentichiamo che queste manifestazioni sono sotto l'ala protettrice del Pd che governa la Regione da decenni.
    Il caso Bibbiano e il patrocinio alle manifestazioni Lgbt hanno un riferimento ideologico che fa capo al Pd. Un buon motivo per non votare questo partito.

    4/10 - COLF E BADANTI: Una minaccia incombe sulle famiglie che hanno una colf o una badante, il governo si appresta a trasformare qualsiasi privato disponga di una cameriera in una specie di azienda, che avrà l'obbligo non solo di versare i contributi per la lavoratrice domestica, ma anche di trattenere e versare per conto del dipendente le imposte sul reddito.
    Non basta pagare bisogna anche tribolare. Qualcuno risolve il problema facendo tutto in nero.
    _____________________________________

    4/10 - FEMMINISMO CATTOLICO: La vigilia del Sinodo sull’Amazzonia suona come una chiamata alle armi di tutte le istanze progressiste che ronzano attorno al mondo cattolico. Non poteva mancare quelle del femminismo radicale. Il movimento sottolinea la sproporzione tra la metà femminile dei fedeli e solo il 3% con un ruolo di responsabilità nelle gerarchie vaticane. Sproporzione che si amplifica, secondo questa prospettiva tra religiosi consacrati: qui l’80% sarebbe di sesso femminile. Nel Sinodo sull’Amazzonia saranno presenti anche le donne nelle vesti di uditrici. Le signore dell’organizzazione Lichtenstein Voice of Faith sono più agguerrite che mai, approfittando delle aperture del Papa vogliono di più. Le donne cattoliche riunitesi ieri a Roma nonostante a conti fatti il Vaticano con il Sinodo abbia aperto la strada a figure femminili fissando in agenda l’apertura di un dibattito che si appresta a diventare globale, hanno comunque storto il naso e chiesto a gran voce il voto al Sinodo anche una svolta in rosa fino al vertice delle gerarchie vaticane e l’accesso ai ruoli di comando a tutti i livelli della Chiesa. L’obiettivo finale sarà avere le donne sacerdote. Non ancora detto ma segretamente sperato, vescove e una papessa.
    Quando una istituzione è in crisi si sviluppano tante tesi nuove molte delle quali finiscono per aggravare la crisi. Una di queste tesi è fare le donne prete.
    ________________________________
    5/10 - CONCISTORO: Il Papa nomina 13 nuovi cardinali di cui 10 sotto gli 80 anni, Il numero dei porporati elettori di nomina bergogliana supera la maggioranza assoluta: 67 su 128
    Controffensiva di Papa Francesco con la nomina di cardinali a lui fedelissimi. Vuole garantirsi che il suo successore sia Francesco II. Noi confidiamo nello Spirito Santo.
    _______________________________
    SE PER CASO MANCO DI RIVERENZA
    VORRA’ DIRE CHE FARO’ PENITENZA
    PIO XIII

    I fedeli son frastornati
    di non esser ben guidati,
    Tanta gente più non crede
    per mancanza della fede.
    Se fossi Papa per una volta,
    alla Chiesa darei la svolta.
    A questo mondo già smarrito
    io vorrei fosse convertito.
    Pregare in sinagoghe e moschee,
    ciò non fa parte delle mie idee.
    Tratterei tutti con lealtà,
    difendendo sempre la verità.
    Con le altre false religioni,
    solo accordi, non concessioni.
    L’ecumenismo per le conversioni,
    no al dialogo senza conclusioni.
    Con la tiara ed il primato,
    Vicario di Cristo sia confermato.
    Non i monoteismi sono tali,
    da essere così tutti uguali.
    Il nostro è Uno e Trino,
    per un messaggio divino.
    Il mondo ateo e secolarizzato,
    anche nella Chiesa è penetrato.
    Della verità abbiamo nostalgia
    eretici dalla Chiesa li mando via.
    Tutto questo noi potremo sperare,
    Pio tredicesimo che deve arrivare.
    Al mattino mi son svegliato,
    ecco ripeto, quanto ho sognato.
    _____________________________________

    5/10 - IL CARDINALE CZERNY: Il 4 ottobre 2019, Papa Francesco ha consacrato quattro nuovi vescovi, tra cui il gesuita padre Michael Czerny, sottosegretario alla sezione “Migranti e Rifugiati” del Dicastero dello Sviluppo Umano Integrale. Il 5 ottobre, Mons. Czerny è stato creato cardinale. Oggi, si fa in fretta a far diventare cardinali quelli che sono in sintonia con Papa Francesco. Il neocardinale è lo stesso che ha dichiarato, in un’intervista al Vatican News, che “nei migranti c’è Gesù”. Evidentemente, purché si tratti di persone che si affollano per invadere l’Europa e l’Italia in particolare, non si guarda più se sono credenti o miscredenti, se adorano Dio o gli idoli, e le si considera figli di Dio, arrivando alla blasfemia di identificarli perfino con Gesù. Il neocardinale Czerny, all’atto della consacrazione episcopale ha scelto uno stemma in cui figura, in basso, una barca che solca il mare e su cui si scorgono quattro profili umani, il tutto volendo raffigurare dei “migranti” che si apprestano a sbarcare sulle nostre coste. Il neocardinale ha voluto che la sua croce pettorale fosse fatta col legno di un’imbarcazione “piena di umanità dolente giunta a Lampedusa”. Infine, in basso allo stemma vescovile recita “suscipe” che significa “Accetta” che può essere l’inizio della preghiera di S. Ignazio, oppure tutta la preghiera che significa l’abbandono alla volontà di Dio ma non sembra sia questo caso; questa semplice parola “accetta” sembra rivolta a Dio chiedendo di approvare il suo operato di fautore dell’immigrazione.
    Possibile che il neocardinale Czerny non sappia che dietro questa immigrazione indotta non ci sia una regia orchestrata da organismi internazionali che hanno lo scopo la scristianizzazione dell’Europa ed in particolare dell’Italia? Il neocardinale Czerny, poiché conosce bene il fenomeno come mai lui e tutti i fautori dell’immigrazione non parlano mai di convertire i nuovi arrivati alla religione cattolica? Più opportuno esibire nello stemma la barca di San Pietro che salva le anime piuttosto che i barconi dell’invasione pagana o islamica degli scafisti e dei signori del Nuovo ordine mondiale.
    ________________________________
    5/10 - SCAFISTA: Il quotidiano l'Avvenire pubblica la foto di un boss degli scafisti che parla con emissari del governo Gentiloni per fare accordi segreti. Lo scafista è accusato dall'Onu di essere un trafficante, torturatore e assassino di immigrati. Dopo questo incontro gli sbarchi si sono ridotti
    Sicuramente questo soggetto pericoloso è venuto in Italia sotto protezione e visto il calo degli sbarchi di migranti, sicuramente avrà ricevuto del denaro. Gentiloni e Minniti dovrebbero sapere qualcosa di questo accordo. Per adesso tacciono.
    _____________________________________

    6/10 - EUTANASIA E CROCIFISSO: Il prof. Massimo Gandolfini trattando del nuovo umanesimo trova uno stretto collegamento tra la proposta dell’eutanasia/aiuto al suicidio e la rimozione del crocifisso nelle aule scolastiche. La cultura della “qualità della vita” che si contrappone alla “vita indegna di essere vissuta“, non può tollerare né che si rispetti la vita sempre dal concepimento fino alla morte naturale, né - tanto meno – che si esponga un’immagine in cui si rappresenta una morte accolta con amore e per amore. Il nuovo umanesimo oggi dominante non riesce a tollerare il rapporto col dolore. Dall’eutanasia al crocifisso nascosto è la dimostrazione che la visione della morte fa paura. Avendo abolito di fatto Dio non si sa dare un significato alla vita; quindi, ogni forma di dolore e sua rappresentazione deve essere bandita. Il rifiuto di considerare sacra la vita ha come conseguenza la ricerca della morte per non affrontare i momenti difficili. La vita è sacra perché è un dono di Dio. Quindi la vita ha un valore. In una società di credenti come nel Medioevo, nessuno pensava al suicidio ma affrontava le difficoltà della vita. In una società senza Dio esiste l'omicidio (aborto) ed il suicidio (eutanasia).
    _______________________________
    6/10 - TRIVELLE: Il governo italiano sotto la spinta dei Cinque Stelle ha bloccato le concessioni per lo sfruttamento dei giacimenti di idrocarburi così per il giacimento Fortuna prospect di metano collocato tra Santa Maria di Leuca e Corfù, sarà attivato dai greci che ci rivenderanno poi il gas ovviamente a prezzo aumentato.
    Ennesima prova di furbizia del nostro governo.

    6/10 - I REATI DEI CLANDESTINI: Dopo l'assassinio di due poliziotti da parte di uno straniero, scoppia la polemica sui reati commessi dagli irregolari. Il capo della polizia Franco Gabrielli ci informa che la propensione a delinquere degli stranieri irregolari è 5 volte quella degli italiani e 29 volte quella degli stranieri regolari (che a loro volta delinquono il doppio degli italiani).
    L'immigrazione senza regole porta in Italia gente di tutti i tipi, quindi, anche persone di malaffare. Esiste poi in Italia una situazione di crisi dove è difficile trovare lavoro; pertanto chi non ha mezzi di sussistenza finisce per arrangiarsi non sempre i maniera lecita. Tutto questo solo per spiegare il fenomeno degli stranieri che delinquono di più ma, non per giustificarlo.
    _______________________________

    ANNOTAZIONE
    DOVE VA LA CHIESA?
    Uno scrittore con interessi politici e di costume, molto meno interessato a vertenze di tipo religioso, esamina la situazione della Chiesa cattolica guidata da Papa Francesco. L’analisi rispecchia quanto viene recepito del messaggio che arriva all’uomo comune dalle parole e dai fatti che ci giungono dalla gerarchia. Marcello Veneziani è lo scrittore che i cimenta in questa analisi. Riporta alcune dichiarazioni di prelati vicino al Papa. La linea immigrazionista di tanti vescovi e dello stesso Papa. Il riconoscimento da parte del Papa di elementi divini nelle altre religioni. L’ecologismo messo sempre in evidenza . L’elogio a Lutero. L’intento a prendere in considerazione lo spiritualismo tribale dei popoli amazzonici nel nuovo Sinodo. Dopo queste considerazioni arriva a formulare una valutazione. La Chiesa di Bergoglio si è convertita al mondo corrente nell’ambito di una nuova religione globalista. Il Papa e i suoi vescovi (non tutti) vivono con un certo disagio l’identità cristiana e si distaccano dalla tradizione cattolica popolare. Vogliono immergersi nell’indistinto di una società globale e recitarci un ruolo omogeneo al calderone, sposando in pieno l’ideologia globale, ecologista, migrazionista. Bene la sensibilità per i poveri e la misericordia, così come la critica alla società consumista e capitalista. Ma, la potenza del messaggio cristiano in ordine alla vita, morte e resurrezione finisce dietro a questa precettistica socio umanitaria, a questa profilassi dell’ambiente ed a questo piacere dell’indistinzione di ogni religione. Si vuole combattere il capitalismo, ma, il modello proposto è la versione pauperista del modello globale imposto dal mondialismo capitalista dominato dalla tecnica e dalla finanza
    _____________________________________

    IL LIBRO DELLA SETTIMANA

    LA CROCE E LA MEZZALUNA
    Lepanto 7 ottobre 1571, quando la
    Cristianità respinse l'Islam
    di Arrigo Petacco
    Editore: Mondadori - € 10

    Per quasi un secolo, dalla conquista turca di Costantinopoli (1453) alla battaglia di Lepanto (1571), che segnò l'inizio della riscossa cristiana, l'intera Europa visse nell'incubo di essere fagocitata dall'Islam. Le armate di Solimano il Magnifico erano giunte a lambire le mura di Vienna e da tutti i minareti dell'immenso Impero ottomano i muezzin predicavano la 'jihad', la guerra santa, mentre i corsari barbareschi, vassalli alleati del sultano, seminavano terrore e morte lungo le coste mediterranee bersagliate dalle loro scorrerie. L'Europa, dilaniata al suo interno da guerre politiche e religiose, pareva ormai destinata a soccombere, quando nel 1566 Antonio Michele Ghislieri, un semplice monaco domenicano, fu elevato al soglio pontificio con il nome di Pio V. Inquisitore inflessibile e paladino della Controriforma, il nuovo papa fu artefice di un vero capolavoro: la Lega santa, una sorta di 'patto mediterraneo' che riunì sotto il segno della Croce tutte le potenze cristiane. Dimentiche per la prima e unica volta dei rispettivi egoismi, esse costituirono una grande flotta multinazionale che il 7 ottobre 1571 nelle acque di Lepanto ebbe la meglio sulle forze navali turche in una spettacolare battaglia, decisiva per il destino dell'Occidente. Arrigo Petacco ci offre un resoconto avvincente di questa pagina fondamentale della storia europea, ricostruendo con la consueta abilità narrativa le varie fasi della lotta secolare che mise a confronto la Croce e la Mezzaluna. Il suo racconto è punteggiato dai vivaci ritratti dei protagonisti, come don Giovanni d'Austria - personaggio romantico e avventuroso che, balzato per un curioso gioco del destino da un povero villaggio ai fasti della corte di Madrid, ottenne giovanissimo il comando supremo della flotta cristiana -, Andrea Doria e il nipote Gianandrea, Marcantonio Colonna, i sultani Mehmed II e Solimano il Magnifico, con i loro giannizzeri e i loro harem, e i capi corsari, i cui nomi - Barbarossa, Dragut, Occhialì, Carascosa - sono tuttora impressi nella nostra memoria storica. Attraverso la descrizione delle infernali condizioni di vita sulle galee, delle tattiche di guerra caratterizzate da armi segrete e particolari tecniche di abbordaggio, l'autore rievoca le sanguinose incursioni corsare, nonché le eroiche imprese degli indomiti cavalieri di Malta e dei valorosi capitani veneziani e genovesi che si opposero con tutte le loro forze all'incombente minaccia islamica. Per concludere con la cronaca dettagliata e appassionante di una delle più grandi battaglie navali di tutti i tempi, che vide più di quattrocento galee scontrarsi al largo di Lepanto nel giorno in cui l'Occidente affermò la propria supremazia sull'Oriente.
    _____________________________________
    ULTIMA ORA - Trump ritira i soldati americani dal nord della Siria e Erdogan si prepara ad invadere il territorio occupato dai curdi. Il destino della Siria finisce in mano al terzetto Turchia, Russia ed Iran. Con due incognite: profughi e prigionieri. Dove andranno? In allarme l'Unione europea.
    _______________________________
    LA MIGLIORE DELLA SETTIMANA
    RENZI: UNA VOLTA CON DI MAIO, POI CON ZINGARETTI E DA SOLO
    POI IL CICLO SI RIPETE




















    Vignetta di Giannelli - Corriere della Sera 1/10/19

    _______________________________