Associazione
Cattolici Genovesi

 



















Indice generale
del sito




Collegamenti
a siti consigliati




Home


Mail

 
 
   

 
Christus Vincit


Cattolici Genovesi

Cercare la Verità - Conoscere la Verità - Difendere la Verità


 

Questo sito Internet dal titolo si può rilevare l'intento di affermare nel campo della comunicazione una voce cattolica chiara e forte su ogni argomento che quotidianamente si presenta.
Molti sono i temi che intendiamo affrontare con semplicità e chiarezza in modo da essere compresi da tutti coloro che intendono abitualmente avere contatti.
Noi ci rivolgiamo a tutti e speriamo di fare di questo sito non solo un modo per trasmettere informazioni, idee ma, desideriamo che coloro che troveranno il nostro modo di affrontare gli argomenti di loro gradimento ci facciano conoscere le loro opinioni, ci inviino se credono materiale che in ogni caso verrà esaminato e se ne terrà conto successivamente. Anche per coloro che volessero farci una critica, speriamo garbata, sempre nell'ambito delle nostre possibilità cercheremo di rispondere in qualche modo.
La nostra aspettativa è quella di creare le premesse per favorire la crescita di un punto di riferimento, dando non solo a chi collabora di far conoscere le proprie idee ma anche ad altri a partecipare alla formazione di un centro di opinione. La vastità degli argomenti affrontati ci permettono di dare un'idea precisa della nostra visione delle cose che è e che deve essere sempre cattolica.
Non abbiamo la pretesa di far la predica a nessuno, né pretendiamo di giudicare gli altri migliori o peggiori di noi, la cosa non ci interessa, ma sulle idee, sui comportamenti esprimiamo sempre la nostra valutazione.
Spesse volte nel dire la verità forse qualcuno può esserne dispiaciuto, non è nostra intenzione offendere nessuno, ma ciò che riteniamo giusto non deve essere taciuto.
Chi siamo ? Siamo cattolici senza nessun aggettivo. Le tante classificazioni di cattolici molte volte sono riduttive, spesso devianti ed a volte sicuramente errate, per questo le rifiutiamo.
Apprezziamo i progressi della scienza e della tecnica ma riteniamo che il mondo presente non sia dominato esattamente da una visione cristiana; anzi, dall'esatto contrario. Molte delle cose che ci vengono gabellate come progresso, diritti umani o diritti di libertà siano esattamente il contrario; regresso, licenza e schiavitù. Chi avrà pazienza di seguirci capirà presto a cosa ci stiamo riferendo.
Un'ultima cosa, vogliamo ancora dire, in quanto cattolici noi non abbiamo né complessi di colpa per la storia passata né riteniamo di dover ricorrere ad altre istituzioni civili o religiose per poter essere cattolici. Ricerchiamo la verità ma, i fondamenti li conosciamo già con certezza senza bisogno di rivolgere la nostra attenzione altrove. Siamo fedeli alla Santa Romana Chiesa perché crediamo a tutti i dogmi così come ci sono stati proposti, seguiamo i comandamenti ed i principi morali da sempre stabiliti.

Il sito si articola in vari comparti dove trovano opportuna collocazione i vari argomenti. Chiunque sia interessato a partecipare è invitato a contattare i responsabili dei vari settori.


COME VISITARE IL SITO
la cosa più spiacevole è perdere tempo e farlo perdere agli altri. Pertanto, il modo più veloce per vedere i contenuti è quello di esaminare per primo
L'INDICE GENERALE DEL SITO
Se troverete qualcosa di interessante, potrete poi entrare nei singoli settori.
Grazie per la scelta.
 

Rino Tartaglino           


 
 

___________________________________

(cultura)

Foglio per comunicazione ai soci
___________________________________
- 15/11/17
(Cultura - Scienza - Fede)
_____________________________________
- 19/11/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________
- 25/11/17
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________
- 26/11/17
(Politica - Economia - Costume)
__________________________________________
- 30/11/17
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________________
- 1/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 2/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 3/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
_____________________________________________

S. MESSA IN LATINO
(rito romano antico)

DOMENICHE E FESTE DI PRECETTO

ORE 9,30

CHIESA DI S. STEFANO
(sopra) Via XX Settembre - GENOVA - Tel. 010.58.71.83

ASS. UNA VOCE - GENOVA

___________________________________
_______________________________
- 15/12/17
(Devozioni e Preghiere)
_______________________________
- 16/12/17
(Devozioni e Preghiere)
___________________________________
- 19/12/17
(Progetto Europa)
___________________________________
- 27/12/17
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 6/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 11/1/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 6/1/18
(una voce)
___________________________________
- 15/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 1/2/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 2/2/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 10/2/18
(Politica - Economia - Costume)
  • USA E RUSSIA: IL RIARMO NUCLEARE
    L'Europa agli europei
  • ___________________________________
    - 15/2/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 20/1/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 10/3/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________
    - 5/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________
    - 15/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 20/7/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 17/3/2018
    (Politica - Economia - Costume)

    ___________________________________
    - 6/1/18
    (una voce)
    ___________________________________
    - 20/1/20
    (una voce)
    ___________________________________

    - 25/1/2020
    (Politica - Economia - Costume)

    ___________________________________
    - 25/1/20
    (cultura scienza fede)
    _________________________________________

    22 Marzo 2020            Informazioni            N° 12
    _________________________________________
          Foglio di comunicazione interna
    www.cattolicigenovesi.org
    _________________________________________
    > L'umiltà è una virtù stupenda. Ma non quando si esercita nella dichiarazione dei redditi.

    Giulio Andreotti

    _________________________________________
    SANTI E BEATI

    Sant' ARCIL II Re di Georgia, martire – Festa 20 marzo
    Figlio di Stefano Khosroid, principe di Cakheth, combatté insieme al fratello Mihr, allora re della Georgia, gli invasori arabi. Nel quarantesimo anno di regno, gli arabi invasero nuovamente il territorio georgiano. Per scongiurare ulteriori devastazioni Arcil II decise di chiedere la pace all'invasore e porre il paese sotto la sua protezione, purché fossero risparmiate le chiese e non fossero usate le violenze messe in atto altrove per costringere i nuovi sudditi a rinnegare la fede cristiana. Ricevuto degnamente dal capo arabo, Arcil II qualche giorno dopo ricevette la promessa di doni considerevoli in cambio dell'abiura. Fermo nella fede, il re oppose ai subdoli artifici di Asim queste chiare parole: : "Non rinnegherò mai il Signore mio Dio e non baratterò mai la gloria eterna per una gloria passeggera". Asim ordinò quindi che gli venisse mozzata la testa: era il 20 marzo del 718

    _________________________________________
    EDITORIALE
    CORONAVIRUS: EVENTO NATURALE O EPISODIO DI GUERRA BIOLOGICA?
    Di questa infezione del coronavirus, dei resoconti sull’andamento della malattia e sul come affrontarla a livello sociale è un continuo discutere e dibattere su tutti i mezzi d’informazione. Questa eccessiva insistenza sull’argomento spesso anche in maniera contradittoria crea confusione, ansia e paura. Certe proposte finiscono per sembrare solo punitive più che efficaci e fanno perdere fiducia nei soggetti che le propongono. Per affrontare questa epidemia abbiamo visto che vi sono sostanzialmente due linee di condotta:
    1) la quarantena prolungata come applicata in Cina;
    2) una breve quarantena iniziale seguita dalla ricerca ed isolamento degli infetti monitorando l’intera popolazione.
    Dal punto di vista della soluzione della epidemia forse è uguale ma il metodo cinese che noi cerchiamo di imitare ha effetti sul piano economico-sociale più gravi. Il tutto nell’attesa di un vaccino che possa fermare questa epidemia grave o pandemia di coronovirus.
    Affrontiamo adesso il quesito che è indicato nel titolo. Lo scoppio di questa epidemia è un evento naturale, inteso per naturale indipendente dalla volontà dell’uomo anche se nell’ipotesi sia conseguente al modo di vivere o per un incidente; oppure se faccia parte di una iniziativa umana quindi, un atto voluto, parte di una guerra biologica. Appena si è diffusa questa epidemia, da tante parti, specialmente da esperti, dei Paesi occidentali, che l’infezione fosse originata dal contatto tra l’uomo e piccoli animali selvatici come pipistrelli e pangolini che in alcune zone della Cina vengono considerati commestibili. Quindi, virus mutati sono passati all’uomo determinando l’epidemia. Di questo evento non esistono prove ma solo ipotesi. Del resto, l’uso di nutrirsi anche di questi animaletti non è recente ma viene dal passato, mentre l’infezione sarebbe scoppiata solo adesso? Cosa possibile ma poco probabile. Di recente sono stati indicati alcuni indizi che possono far credere che la diffusione dell’epidemia sia un atto intenzionale. Su Twitter Zhao Lijian, un portavoce del ministero degli Esteri di Pechino, insiste con la teoria che il coronavirus sia stato portato in Cina da soldati americani. Il cardinale, Malcom Ranjith, arcivescovo di Colombo (capitale dello Sri Lanka), non crede affatto nella casualità, anzi: è fermamente convinto che si tratti di un piano architettato nei minimi dettagli, di un vero e proprio complotto messo in atto da una nazione ricca e potente. Come abbiamo detto sono arrivate smentite dai soliti esperti interessati mentre i giornali e le televisioni non parlano affatto dell’argomento. Mentre in passato, fino a prima della scoperta della sequenza del codice genetico individuato da Watson e Crick, non era possibile modificare i virus ed i batteri; pertanto , non era possibile realizzare nuovi virus in grado di colpire l’uomo con maggiore aggressività. Adesso, con nuove tecniche è possibile sostituire le sequenze di aminoacidi e realizzare nuovi virus. Quindi, con i soliti virus e batteri che conosciamo abbiamo i rimedi per evitare le pandemie e allora occorrono virus nuovi e sconosciuti per ottenere risultati catastrofici. Il primo aspetto è che virus nuovi e più letali possono essere realizzati in laboratorio. Un secondo aspetto è che tutte le grandi potenze hanno dei laboratori di ricerca dove si sviluppano ricerche su virus, batteri e prodotti chimici da usare eventualmente contro il possibile nemico. In questo senso è difficile pensare che le grandi potenze siano innocenti. Tutte hanno dei laboratori per realizzare strumenti di morte per colpire il nemico. L’uso dell’arma batteriologica applicata da una società civile ricordiamo un solo episodio quello avvenuto nel XVIII secolo nel Nordamerica ad opera degli iglesi che per colpire i pellirosse, il generale Amherst fece distribuire coperte infettate col vaiolo che spopolarono interi villaggi. Ma questi poveri selvaggi non erano in grado di reagire ne sul piano medico ne su quello militare. Nelle guerre tra Stati civili l’arma batteriologica non è mai stata usata. Perché avrebbe determinato reazioni incontrollate. Anche l’uso di sostanze chimiche come i gas dopo un iniziale uso nella I Guerra Mondiale sono stati abbandonati. L’arma atomica ed i missili per trasportarla sono diventati uno strumento di pace perché anche un potenziale vincitore avrebbe così tanti danni e perdite che solo la follia può portare a questa scelta. L’impiego di virus e batteri per combattere il nemico in tempo di guerra scatenerebbe al reazione del nemico e poi difficilmente può essere contenuta quindi quest’arma può solo essere un deterrente a condizione che non venga usata. In tempo di pace virus e batteri sono usati a condizione che si tiri fuori il rimedio e sempre che vengano fatti passare come eventi naturali e non indotti dalla volontà umana. Ovviamente, questo comportamento è criminale e da sanzionare. Per quanto riguarda questa pandemia del coronavirus non ci sono prove ma il sospetto che ci sia l’intenzione di colpire l’economia cinese con questo mezzo extraeconomico è molto forte.
    In conclusione occorrerebbe che ogni Stato si impegnasse per legge a rinunciare all’uso di virus e batteri pena sanzioni ed i laboratori di ricerca sottoposti a continui controlli internazionali.

    Rino Tartaglino

    _______________________________

    ILLUSTRAZIONE: Ricercatori al lavoro nel laboratorio di Wuhan
    _______________________________
    TRE FATTI SIGNIFICATIVI
    1) Un sacerdote alle porte di Roma rispetta le norme sanitarie e distanza di sicurezza ma viene fermato dalla polizia. Don Vincenzo, nome di fantasia, fa visita ad un gruppo di casali, si ferma sulla strada mentre i parrocchiani restano a debita distanza sulle porte delle case con le candele accese sui davanzali. Il sacerdote a distanza vorrebbe celebrare la Messa ma viene “sconsigliato “ dall’andare in giro con l’altoparlante, pena il rischio denuncia.
    2) Un sacerdote ed altre quattro persone sono state denunciate a San Gennaro Vesuviano (Napoli): carabinieri della locale stazione sono andati in una chiesa della zona e hanno trovato il parroco che - nonostante il divieto imposto dal governo per evitare il contagio - stava celebrando il battesimo di un bambino. I militari hanno denunciato per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità il prete, il padrino del bimbo, il fotografo e la coppia di genitori.
    3) LA Messa interrotta: E’ notizia di domenica 15 marzo 2020, i vigili urbani di Cerveteri, vicino Roma, hanno interrotto la celebrazione della Santa Messa, irrompendo in chiesa e allontanando il celebrante e i fedeli che assistevano alla celebrazione davanti alla porta della chiesa: pochi e in ordine sparso.
    Deve essere stato qualcosa di simile quando i cristiani si riunivano nelle catacombe per sfuggire alle persecuzioni e per soddisfare il bisogno più vitale di tutti: il bisogno di ritrovarsi, riconoscersi nell’altro e così ogni volta riconoscere Dio che si è fatto uomo. Con le ultime disposizioni, le chiese sono aperte ma le funzioni vietate. Quindi, Messe, matrimoni e funerali e battesimi non sono consentiti. È ricordato che esiste il divieto di riunione punibile con multe fino all’arresto sia per chi le favorisce (il parroco) tanto per chi partecipa (i fedeli). Queste cose sarebbero ordinaria amministrazione nella Cina di Xi jin ping ma non nell’Italia governata da soggetti insignificanti come Conte, Zingaretti e Di Maio. La proibizione delle funzioni religiose decise dal governo è una palese violazione del Concordato. Che riconosce autorità ed indipendenza alla Chiesa nell’ambito delle sue competenze religiose.
    Qui si chiude tutto ma si lascia aperti i supermercati ed altre attività che hanno ben più alte occasioni di contagio che andare ad una S. Messa con le dovute precauzioni. In pratica, lo Stato italiano chiede alla Chiesa di sospendere la sua esistenza con la proibizione delle sue funzioni fondamentali.
    Per contro, la Chiesa, probabilmente informata di queste restrizioni avrebbe dovuto opporsi a queste ingerenze che sono una violazione di legge concordataria; eventualmente accettare in via preventiva qualche condizione per rendere più sicure le partecipazioni alle funzioni. Come lo Stato neanche la Chiesa puù rinunciare alle sue fondamentali prerogative.
    ____________________________
    ILLUSTRAZIONE: Fedeli allontanati dalla chiesa ad opera della polizia.
    ________________________________
    16/3 - CHIUDONO I CONFINI: Il governo tedesco ha deciso di chiudere le frontiere con Francia, Svizzera e Austria. In pratica sospende il trattato di Schengen sulla libera circolazione delle persone. Anche l'Austria ha deciso di chiudere tutto come nel modello italiano. In quarantena anche la Repubblica Ceca.
    Un po' in tutta l'Europa vengono presi provvedimenti restrittivi. A causa del coronavirus, tutti gli europei sono uguali.

    16/3 - PUBBLICITA': A seguito degli aiuti sanitari inviati dalla Cina all'Italia, il governo di Xi Jinping informa i suoi concittadini che all'arrivo dei medici cinesi in Italia, gli italiani, per l'entusiasmo hanno sventolato bandiere per le strade.
    La propaganda non ha confini fisici né barriere ideologiche Tutti raccontano.
    ________________________________

    16/3 - MEDICO RIFIUTO' L'ABORTO: In Argentina, il medico Rodriguez Lastra impugnerà al Tribunale Superiore di Giustizia la condanna. Dal 2017 è sotto accusa per essersi rifiutato di far abortire una ragazza. Ha adempiuto ai suoi doveri etici, medici e costituzionali, ma il suo caso “deve fare scuola”. Il suo avvocato: «Con questo processo si vuole dimostrare che oggi l’aborto si è radicato in Argentina e chi non si adeguerà ne pagherà le conseguenze». Qualche giorno fa si sottolineava come l’obiezione di coscienza sia attaccata “dall’Europa al Sudamerica”. Uno dei casi portati come esempio del suddetto attacco globale, era quello del medico ginecologo argentino Leandro Rodriguez Lastra, giudicato e condannato in seguito alla denuncia della deputata provinciale Marta Milesi (Rio Negro), che lo accusava di aver impedito un aborto non punibile a una giovane donna incinta, frutto di uno stupro nel 2017, e dell’inosservanza dei suoi doveri di funzionario pubblico.
    In questa società moderna il laicismo ateo e nichilista cerca sempre più di distruggere i principi etici su cui si fonda una società sana in nome di falsi diritti che negano la realtà.
    _______________________________

    17/3 - QUARESIMA 2020: La Quaresima, cuore del cammino spirituale dei credenti verso la Santa Pasqua, eppure nessun cattolico italiano, oggi, potrà ricevere Gesù Eucaristia!!! Né potrà partecipare al Sacrificio Eucaristico!!! E questo avverrà per tutte le domeniche di Quaresima, tempo liturgico privilegiato per un serio cammino di conversione spirituale verso la piena comunione con Gesù Risorto. Tutto questo perché i vescovi italiani, in questo difficile periodo in cui la nostra amata nazione sta vivendo l’assalto della epidemia del coronavirus, hanno pensato bene di “salvaguardare” i propri fedeli, togliendo loro Gesù Eucarestia!!! Vero “sostegno” sacramentale, cibo per l’anima, sacramento di salvezza, Signore della Vita !!! Questa la risposta geniale che la Cei ha pensato di dare ai propri fedeli come “soluzione” migliore per combattere quella che ormai è stata definita “pandemia”. Dimenticando, colpevolmente, che proprio Gesù, l’autore della Vita, chiede che si ricorra a Lui, perché intervenga!!! Quando un giorno i discepoli, trovandosi sulla barca sbattuta dalla tempesta in pieno mare, spaventati ed atterriti, chiesero a Gesù: “Non ti importa che moriamo?” Egli, immediatamente si alzò e, con grande signoria, comandò ai venti di cessare la loro potenza, alle onde del mare di calmarsi, placò la tempesta… e venne una grande bonaccia. Gesù li rimproverò per la loro poca fede, poiché si erano profondamente spaventati. Eppure lo avevano implorato di intervenire. Quale sarà la conseguenza spirituale sul popolo cristiano? Sulla gente semplice, sui piccoli, sui dubbiosi? Sarà devastante !!! Si penserà: innanzitutto che, nelle difficoltà, Dio non c’è; inoltre che Dio, per chi crede, è una realtà privata, per cui la preghiera comunitaria, con al vertice la Santa Messa, non è essenziale. (Dal sito di Marco Tosatti)
    Con i vescovi di 60 anni fa la Messa non sarebbe stata sospesa.
    ________________________________
    17/3 - SE IL VIRUS ALLUNGA LA VITA: Di solito, se va male il coronavirus accorcia la vita; ma, in politica, il persistere dell'epidemia fa durare la vita del governo. Anche se il governo emette decreti a ripetizione che spesso complicano di più la vita degli italiani senza venire a capo dell'epidemia. Il governo di fatto è inamovibile, appellandosi al senso di responsabilità perchè siamo in una situazione di emergenza.
    Se dura ancora un po' il coronavirus, scopriremo che Conte è un grande statista.

    17/3 - CENTRI MIGRANTI: Tutti i mezzi di informazione parlano solo di coronavirus ma ignorano totalmente di parlare delle condizioni di vita dei migranti che vivono presso i centri di raccolta. In qusti gironi abbiamo notizia dei primi contagiati tra i migranti di Milano e della Brianza. Le strutture sono poco adatte per una situazione che si verifica con questa epidemia. Si teme che la situazione drammatica possa esplodere in disordini.
    Un problema che non siamo stati capaci di risolvere all'inizio e ora, non siamo in grado di risolvere neanche dopo.
    ____________________________

    18/3 - IL CORONAVIRUS PRODOTTO DI LABORATORIO?: Secondo Michel Chossudovsky, il Corona-virus sarebbe stato prodotto in laboratorio in quanto agente di guerra bio-chimica. L’ex ufficiale della CIA, Philip Girardi, ha affermato: “il coronavirus non si è verificato naturalmente attraverso la mutazione, ma è stato prodotto in un laboratorio, probabilmente come agente di guerra biologica” L’articolo di Girardi è stato pubblicato da Strategic Culture Foundation e sostiene una tesi, di fondo, politica, e cioè che il virus è interno al progetto di guerra commerciale promossa da Trump contro la Cina. Una tesi indubbiamente radicale e anche azzardata, ma non completamente priva di fondamento: “Se si considera anche possibile che gli Stati Uniti abbiano contribuito a creare il coronavirus presso ciò che resta del suo centro di ricerca sulle armi biologiche un tempo esteso a Ft Detrick nel Maryland, è molto probabile che Israele fosse un partner del progetto. Contribuire allo sviluppo del virus spiegherebbe anche come gli scienziati israeliani sono stati in grado di rivendicare il successo nella creazione di un vaccino così rapidamente, probabilmente perché il virus e un trattamento per esso, sono stati sviluppati contemporaneamente”- La tesi dell’ex ufficiale della CIA Girardi coincide con l’analisi documentata dell’ex consulente di Ronald Reagan, Paul Craig Roberts. Roberts, che si appella all’autorità del professor Francis Boyle, Università dell’Illinois, ricercatore specializzato nelle armi per la guerra biologica. Boyle afferma di aver letto quattro studi scientifici che confermerebbero, oltre ogni dubbio, il fatto che il coronavirus è un’arma bio ingegnerizzata. Gli studi dimostrerebbero che al virus sono stati aggiunti elementi per facilitarne la diffusione ed elementi che riducono la capacità del sistema immunitario di resistergli. Girardi, Roberts e Boyle concordano su un aspetto centrale che costituisce il filo rosso della loro analisi. Il Corona-virus, secondo la loro teoria, potrebbe essere stato potenziato con alcuni frammenti del retro-virus dell’HIV e spiegherebbe l’alta percentuale di mortalità nelle fasce sociali economicamente (quindi anche fisiologicamente, pensiamo alla malnutrizione) compromesse.
    Sarebbe necessario che venissero svolte indagini perché nessun giornalista dei principali mezzi di informazione si periterà di verificare le responsabilità dei potenti della Terra, anche per ciò che riguarda temi scabrosi quali la diffusione di virus ed epidemie.
    ____________________________
    18/3 - LE RIVOLTE PAGANO: Si sta studiando un provvedimento che dovrebbe portare ai domiciliari i carcerati che devono scontare ancora 18 mesi di galera. Questo sarebbe il risultato delle rivolte scoppiate in alcune carceri italiane.
    I cittadini onesti per colpa del coronavirus sono puniti con i domiciliari, i galeotti sempre per il coronavirus sono premiati coi domiciliari. Cosa non i fa per il bene comune.

    18/3 - SCOMPARSI: Con le proibizioni conseguenti all'epidemia di coronavirus, gli spacciatori stanno a casa. Lo scrittore Christian Raimo, è preoccupato: "In questi giorni", scrive sul web, "non si trova la roba. gli spacciatori sono scomparsi. Zero fumo, erba, coca, eroina. I tossicodipendenti ma anche chi ne fa un uso abituale, anche solo ludico, stanno subendo contraccolpi fisici e psichici".
    La scomparsa degli spacciatori è una delle poche cose positive del coronavirus.
    ______________________________

    19/3 - LA TEORIA DEL CARD. RANJIT: Il Coronavirus condiziona ormai l’esistenza di tutti gli abitanti della Terra, modificandone sensibilmente le abitudini quotidiane e obbligandoli a rispettare alcune misure di igiene e sicurezza alle quali prima non si prestava troppa attenzione. L’Organizzazione Mondiale per la Sanità non ha esitato a definire il Covid-19 “una pandemia”, visto e considerato che ha ormai toccato tutti i continenti, eccezion fatta per l’Antartide, e si fatica davvero a prevedere la fine di un’emergenza tanto inattesa quanto infausta. Nel frattempo, il problema viene vissuto con angoscia anche negli ambienti della Chiesa e c’è in particolare un cardinale, Malcom Ranjith, arcivescovo di Colombo (capitale dello Sri Lanka), che non crede affatto nella casualità, anzi: è fermamente convinto che si tratti di un piano architettato nei minimi dettagli, di un vero e proprio complotto. Il cardinale Ranjith, come si legge sul quotidiano “Il Messaggero”, ritiene che il Covid-19 sia figlio “di sperimentazioni da parte di una nazione ricca e potente. Alcuni virus di cui parliamo in questi giorni sono il prodotto di sperimentazioni senza scrupoli. Dobbiamo mettere al bando questo tipo di sperimentazioni che portano al risultato della perdita di vita e causano dolore e sofferenze a tutta l’umanità”. (..)Produrre queste cose è un crimine molto serio per l’umanità. Chiedo al Signore di arrivare a rivelare chi ha seminato questo veleno. Penso che le Nazioni Unite debbano attivarsi per capire come è nato tutto questo incidente e castigare i responsabili. Queste ricerche dovrebbero essere proibite”.
    Per fare affermazioni simili, il cardinale Ranjit deve avere informazioni sicure. Condividiamo pienamente l'esigenza di ricercare i responsabili di questo crimine e la proibizione dello sviluppo di ricerche nel settore delle armi biologiche.
    ________________________________
    19/3 - DIVIETI: Ogni giorno che passa sembra che le restrizioni previste nei giorni precedenti siano insufficienti ed occorra vararne delle altre. Il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, annuncia che il governo starebbe pensando al divieto completo di attività fisica all'aperto. Vorrebbe vietare sia di correre che di passeggiare.
    Il governo ha le idee così chiare che tra poco non saprà più cosa proibire.

    19/3 - ALITALIA, NAZIONALIZZATA?: Nel decreto Cura Italia, all'articolo 79, prevede che venga costituita una nuova società interamente controllata dal Mef. Nello stesso decreto vi è uno stanziamento di 500 milioni per far fronte ai danni del coronavirus all'intero comparto aereo.
    Speriamo che non sia il solito carrozzone mangiasoldi.
    _________________________________

    20/3 - LOURDES CHIUDE: Anche il Santuario è chiuso. Erano già state chiuse le piscine, mentre da sempre virus e batteri sono in competizione tra loro senza che nessuno abbia mai contratto una malattia infettiva. Poi era stato interdetto l’accesso alla Grotta, e adesso viene chiuso anche il Santuario. Lourdes equivale alla guarigione dei malati. Lì si muove un torrente di miracoli di guarigioni sotto il sorriso dell’Immacolata. Ora, la porta delle guarigioni è chiusa, l’Immacolata è pregata di andare in qualche altro posto. Vero è che comunque non si ha il permesso per andarci: il sano non deve uscire di casa e il malato deve vedere solo un medico autorizzato. E sia detto una volta per tutte, a Lourdes non c’è alcuna cura. D’altronde, il vescovo precedente aveva decretato che a Lourdes non c’erano dei miracoli, solo delle guarigioni inesplicabili allo stato attuale delle nostre conoscenze. Yves Daoudal commenta la chiusura del Santuario di Lourdes: «E’ un segno molto forte del nostro stato di decomposizione spirituale e mentale: per la prima volta nella storia, il Santuario di Lourdes è stato chiuso».
    Il Santuario di Lourdes è sorto come fonte di guarigioni spirituali e fisiche. Chiudere Lourdes vuol dire ritenere che la visita al Santuario possa diventare occasione di infezione. In pratica, non crediamo più alla Madonna di Lourdes.
    _________________________________
    20/3 - CONTRO L'OBIEZIONE DI COSCIENZA: In Svezia due ostetriche che si erano rifiutate di partecipare alla pratica di aborto sono state licenziate. Non trovando più lavoro in altre cliniche hanno fatto ricorso alla Corte europea dei Diritti dell'uomo per violazione del diritto di coscienza. Le ostetriche esistono da sempre per far nascere i bambini e non per sopprimerli. La Corte europea dei Diritti dell'Uomo, in linea di massima ha riconosciuto l'obiezione di coscienza ma, nello stesso tempo, la soppressione dell'individuo viene prima. In pratica l'aborto è più importante e prevale sull'obiezione di coscienza.
    La società che perde la scala dei valori e considera importante solo i diritti personali spesso contrari agli interessi della società, finisce per legalizzare tutto comprese le perversioni e gli omicidi.

    20/3 - SACERDOTI VITTIME DEL VIRUS: Sono già tredici i sacerdoti morti nella Bergamasca. Questi sacerdoti nonostante il rischio di cadere ammalati per l'epidemia hanno continuato a portare il conforto della fede negli ospedali e tra i contagiati cadendo a loro volta vittime di questa infezione. Alla notizia, il Papa non ha potuto trattenere le lacrime.
    __________________________
    21/3 - PETROLIO & BENZINA: Il prezzo del barile è praticamente dimezzato in poco più di due mesi. Al contrario il costo della benzina rimane ai massimi. L'Antitrust valuta l'opportunità per un intervento, ma la situazione è particolare, il traffico e vendite sono crollate dell'80%.
    I prezzi dei carburanti non possono essere lasciati a totale libero arbitrio dei petrolieri, devono essere concordati con la pubblica amministrazione tenendo conto delle scorte disponibili.

    21/3 - SPACCIATORI PODISTI: Qualcuno ci ha fatto credere che gli spacciatori siano scomparsi; invece, "il Giornale" ci fa sapere che gli spacciatori ai tempi del virus si travestono da podisti o fingono di andare a correre per effettuare consegne ai drogati. Per gli esperti, sono bloccati solo i grandi traffici.
    In ogni caso nella lotta alla droga ha più successo il coronavirus che le nostre istituzioni
    _____________________________________

    21/3 - INDULGENZA PLENARIA: In questi giorni tremendi di pandemia da coronavirus, la Penitenzieria apostolica, il più antico tra i tribunali di Santa Romana Chiesa, quello che si occupa del foro interno ha pubblicato due documenti significativi: una nota sul sacramento della confessione e un decreto per la concessione di speciali indulgenze nell’attuale situazione di pandemia. Anche il Papa, ieri mattina, nella Messa a Santa Marta, ha fatto riferimento alla confessione, specialmente in questa situazione in cui potrebbe essere difficile trovare un sacerdote disponibile, il Papa ha detto quanto riporta la nota della Penitenzieria apostolica, che la contrizione perfetta, espressa da una sincera richiesta di perdono e accompagnata dalla ferma risoluzione di ricorrere appena possibile alla confessione sacramentale, ottiene il perdono dei peccati, anche mortali. Per ottenere l’indulgenza plenaria i fedeli affetti da coronavirus sottoposti a regime di quarantena dell’autorità sanitaria negli ospedali o nelle proprie abitazioni se con animo distaccato da qualsiasi peccato si uniranno spiritualmente attraverso i mezzi di comunicazione alla celebrazione della Messa, recita rosario o via crucis o ad altre forme di devozione, o se almeno reciteranno il Credo, Padre Nostro e l’Ave Maria. L’indulgenza è concessa ai malati, ai dottori ed al personale sanitario e chi li assiste e anche ai parenti.
    Questo è il piano del Papa per curare le anime. La Chiesa allarga i cordoni della misericordia per chi soffre di Covid-19, i parenti ed il personale sanitario.
    _______________________________


    22/3 - L'UE MATRIGNA: La crisi europea si fa ancora più pesante a causa dell'epidemia di coronavirus. Con l'abolizione del patto di stabilità cioè del vincolo di indebitamento, ogni Paese fa quello che vuole. Mentre la Germania si indebita per 350 miliardi e non succede niente, per la ricostruzione dell'Italia se si indebita ancora di più per salvare il salvabile rischia il commissariamento; cioè finire come la Grecia con la Troika in casa che ci riduce in miseria.
    Se per far parte dell'Unione europea bisogna passare sotto le forche caudine della Troika, è meglio uscire da questa organizzazione.

    22/3 - NUOVE CHIUSURE: Ogni due o tre giorni esce un decreto con nuove restrizioni. Questo sta a dimostrare che il governo ha poche idee e anche confuse. Da una parte mancano mascherine e respiratori dall'altra, regaliamo al Lussemburgo un ospedale. Per uscire di casa ci vuole una dichiarazione che nella sua stesura è già cambiata tre volte in 15 giorni.
    Per governare le situazioni di emergenza ci vuole buon senso e adottare un modello di approccio coerente; infine applicarlo. L'azione volta ad affrontare il problema giorno per giorno crea solo confusione senza dare soluzioni.
    _______________________________



    CON IL GOVERNO CONTE
    IL VIRUS VA A MONTE

    Da anonimo apprendista
    ora sono uno statista.
    Tra politica e finanza
    mi guadagno la pietanza.
    Ogni alleanza è bella
    lo pensa anche Girella.
    prima la Lega poi il piddì
    il segreto sta tutto lì.
    E sono si tanto accorto
    da trovare presto un porto
    da potermi poi riparare
    da chi mi vuol licenziare.
    Il governo ha vita grama
    ma supera ogni trama.
    Ora c’è un’epidemia
    che per tutti è malattia
    in politica è l’occasione
    per una nuova stagione.
    Più divieti metto in pista
    con impegno mi do da fare
    sono un consumato statista
    che ha tanto da insegnare.
    Varo un decreto ogni dì
    non si fa più di così.
    Se le cose vanno male
    il virus è assai letale,
    la colpa non è mia
    ma della burocrazia,
    che per massima jattura
    qui manca l’attrezzatura.
    Il popolo è colpevole
    se il virus è sfuggevole
    non segue le istruzioni
    di tutti i decretoni.
    La destra si è smarrita
    sul virus non è in partita,
    così per un altro anno
    io governo senza danno.



    _____________________________________




    22/3 - INTERVISTA A PADRE LIVIO: Il giornalista Maurizio Caverzan intervista il direttore di Radio Maria e dalle sue risposte si può dedurre una situazione con qualche ombra ma interessante. Della situazione crisi attuale provocata dal virus Padre Livio rileva la fragilità dell’uomo e del mondo che sta costruendo. Una situazione di crisi e di pericolo come questa è paragonabile alla guerra in Bosnia Erzegovina, che il direttore di Radio Maria ha vissuto da vicino. Allora ci furono 400.000 morti. Alla domanda: “Qual è stata la reazione dei suoi ascoltatori”. Riponde Padre Livio: “Hanno reagito alla paura iniziale con l’aiuto della fede. In questi frangenti ci si rende conto che la fede è una forza che aiuta le persone”. Alla domanda: “Pensa che questa epidemia possa mettere in discussione la globalizzazione “? Risponde: “La globalizzazione non è solo un progetto politico, economico e finanziario, ma è il tentativo di costruire, anzi di imporre un mondo senza Dio. Una torre di Babele che cadrà. La Madonna di Medjugorje ha ammonito che cadrà”. “Che cosa pensa della scelta di chiudere le chiese”? Risposta: “E’ stato un boccone amaro. Se si va al mercato, si può andare anche in chiesa”. Infine, Padre Livio conclude: “Prego il rosario, preghiera sempre importante. La Madonna ci aveva anticipato che sarebbero arrivate le prove e che era necessario pregare”.
    In breve: la gente ha paura e si avvicina alla fede, per questo non dobbiamo perdere l’occasione. L’uomo è fragile e basta un microscopico virus per metterlo in crisi. La globalizzazione è destinata al naufragio. Le chiese si potevano tenere aperte visto che si possono tenere aperti i supermercati.
    _____________________________________

    ANNOTAZIONE
    PAURA E COLPA

    Da quando hanno scoperto che l’infezione da coronavirus potrebbe interessare anche l’Italia non i parla d’altro. Sui giornali vi sono pagine e pagine sulle vicende collegate a questa epidemia. Le Televisioni sono un continuo ed ossessivo televirus. In qualunque momento della giornata se si accende il televisore, il tema è sempre quello: “il coronavirus e le sue vicende”. In tv abbiamo visto la fila di autocarri militari che attraversano il centro di Bergamo, a passo d’uomo, fari accesi – “E’ l’esercito che porta via le salme per cremarle in altri crematori”, annuncia un giornalista, con la voce rotta; asseriscono i giornali e le tv; e nessuno si chiede: quanti sono? Un autocarro per ogni bergamasco morto di coronavirus? in ciascuno ce ne sono tanti? non bastava un camion per tutti? E Bergamo non ha forse un cimitero per seppellirli? Ma l’effetto, mi dicono, c’è stato. La gente comune anziana che vive in Italia con la tv accesa tutto il giorno anche in tempi normali, oggi che nemmeno può uscire, inoperosa, per ore, subisce l’incessante propaganda. Non si parla che di virus e di macchine che mancano; che i medici dovranno fare presto la scelta di chi lasciar morire; non c’è modo di vedere e sentire altro, non altro che film dell’orrore e di catastrofi. Da una parte si crea ansia e paura con questo sistema di comunicazione dall’altra si colpevolizza gli italiani chiudendoli in casa altrimenti sono responsabili della diffusione del virus. Come dire se c’è l’infezione è colpa di quelli come voi che non rispettano le restrizioni del governo. Per aumentare le preoccupazioni le televisioni in aggiunta trasmettono film catastrofici quando c’è l’intervallo tra un bollettino di guerra virus e l’altro. Avendo già una certa età, debbo dire che da due mesi a questa parte mi accorgo sempre più spesso di pensare alla vita futura da dove non si ritorna.
    Creare ansia e paura nel popolo, colpevolizzarlo per tutto quanto di negativo succede ha una unica spiegazione quella di prepararci al peggio: aumentare le tasse, ridurre gli stipendi e le pensioni sperando nella nostra rassegnazione dettata dalla paura e dal senso di colpa.
    _______________________________

    ULTIMA ORA: Siamo ormai alla terza edizione dei restringimenti voluto dal governo. Nella notte varato il decreto "Chiudi Italia", che prevede limitazioni più severe della mobilità dei cittadini e contemporaneamente inasprisce le multe per i trasgressori.
    _____________________________________



    IL LIBRO DELLA SETTIMANA

    IL MITO DELL'11 SETTEMBRE
    E l'opzione dottor Stranamore

    Edizioni P.S.M.

    Il libro di Roberto Quaglia nella sua prefazione viene indicata la frase più volte sentita "Tutto quello che sai è falso" come dire, la verità ufficiale non è quella vera. Il libro è arrivato alla seconda edizione e forse per il suo successo è stato bandito dal canale di vendita di Amazon, tanto che è reperibile a richiesta presso il sito dell’autore. Già questo può essere un indice che le verità scomode è meglio che restino sconosciute. In pratica l’autore descrive fatti che non potevano essere accaduti come sono stati descritti o addirittura non avvenuti. L’autore fa la sua ricerca analizzando sino in fondo i misteri dell’11 settembre e degli eventi successivi che stanno cambiando la faccia del mondo. Un Boeing 737 che si getta in picchiata sul Pentagono senza che nessuno in città lo veda, lasciando solo un buco di 6 metri sulla facciata del Pentagono e nessun detrito; tre solide torri a struttura d’acciaio che per la prima volta nella storia si disintegrano ed in violazione delle leggi della fisica precipitano con inverosimile simmetria al suolo a velocità di caduta libera; fantomatici dirottatori arabi che non risultano nelle liste dei passeggeri imbarcati, ecco solo alcuni elementi del giallo del secolo. Ma ogni mistero ne richiama un altro. E allora ecco i probabili nessi tra 11 settembre e le guerre per il petrolio, la fine delle libertà e il tramonto della democrazia, il riscaldamento globale e le imminenti guerre biologiche. Il tutto nell’assurdo silenzio dell’Europa e dei suoi mezzi d’informazione, che hanno alle spalle una tradizione culturale più solida e articolata di quella americana. In questa seconda edizione vi sono importanti e numerose novità. Ecco un paio di esempi:
    1. Tutti i dettagli sulla demolizione controllata delle Torri Gemelle, dimostrata dallo scienziato americano Steven Jones!
    2. L’aereo caduto in Pennsylvania era in realtà atterrato a Cleveland ed evacuato!
    3. Tonnellate d’oro sparite dalle fondamenta del World Trade Center – il furto del secolo di cui nessuno parla!
    4. Le vittime inesistenti: una parte dei passeggeri degli aerei dell’11 settembre non esisteva affatto!
    5. La grande truffa dell’influenza aviaria - l’epidemia creata in laboratorio allo scopo di ridurre la popolazione planetaria!
    Le nuove verità emergenti non sono però al di sopra di tutti i sospetti. Molte “sconvolgenti rivelazioni” hanno l’aspetto di miti diversivi. Dove finisce la realtà, e dove inizia il mito? E qual è l’opzione Dottor Stranamore che incombe come una spada di Damocle sul futuro dell’umanità? In questo lavoro Quaglia incastona tutti i pezzi del puzzle, riportando accuratamente le fonti delle informazioni presentate, ma non si limita a ciò. La logica stringente di Quaglia demolisce la versione ufficiale degli eventi, mentre con abilità narrativa e gusto del paradosso riesce a coinvolgere e tenere con il fiato sospeso il lettore dall’inizio alla fine.
    _______________________________




    LA MIGLIORE DELLA SETTIMANA
    L'IMPERATIVO CATEGORICO




















    Vignetta di Giannelli - Corriere della Sera 22/3/2020

    _______________________________