Associazione
Cattolici Genovesi

 



















Indice generale
del sito




Collegamenti
a siti consigliati




Home


Mail

 
 
   

 
Christus Vincit


Cattolici Genovesi

Cercare la Verità - Conoscere la Verità - Difendere la Verità


 

Questo sito Internet dal titolo si può rilevare l'intento di affermare nel campo della comunicazione una voce cattolica chiara e forte su ogni argomento che quotidianamente si presenta.
Molti sono i temi che intendiamo affrontare con semplicità e chiarezza in modo da essere compresi da tutti coloro che intendono abitualmente avere contatti.
Noi ci rivolgiamo a tutti e speriamo di fare di questo sito non solo un modo per trasmettere informazioni, idee ma, desideriamo che coloro che troveranno il nostro modo di affrontare gli argomenti di loro gradimento ci facciano conoscere le loro opinioni, ci inviino se credono materiale che in ogni caso verrà esaminato e se ne terrà conto successivamente. Anche per coloro che volessero farci una critica, speriamo garbata, sempre nell'ambito delle nostre possibilità cercheremo di rispondere in qualche modo.
La nostra aspettativa è quella di creare le premesse per favorire la crescita di un punto di riferimento, dando non solo a chi collabora di far conoscere le proprie idee ma anche ad altri a partecipare alla formazione di un centro di opinione. La vastità degli argomenti affrontati ci permettono di dare un'idea precisa della nostra visione delle cose che è e che deve essere sempre cattolica.
Non abbiamo la pretesa di far la predica a nessuno, né pretendiamo di giudicare gli altri migliori o peggiori di noi, la cosa non ci interessa, ma sulle idee, sui comportamenti esprimiamo sempre la nostra valutazione.
Spesse volte nel dire la verità forse qualcuno può esserne dispiaciuto, non è nostra intenzione offendere nessuno, ma ciò che riteniamo giusto non deve essere taciuto.
Chi siamo ? Siamo cattolici senza nessun aggettivo. Le tante classificazioni di cattolici molte volte sono riduttive, spesso devianti ed a volte sicuramente errate, per questo le rifiutiamo.
Apprezziamo i progressi della scienza e della tecnica ma riteniamo che il mondo presente non sia dominato esattamente da una visione cristiana; anzi, dall'esatto contrario. Molte delle cose che ci vengono gabellate come progresso, diritti umani o diritti di libertà siano esattamente il contrario; regresso, licenza e schiavitù. Chi avrà pazienza di seguirci capirà presto a cosa ci stiamo riferendo.
Un'ultima cosa, vogliamo ancora dire, in quanto cattolici noi non abbiamo né complessi di colpa per la storia passata né riteniamo di dover ricorrere ad altre istituzioni civili o religiose per poter essere cattolici. Ricerchiamo la verità ma, i fondamenti li conosciamo già con certezza senza bisogno di rivolgere la nostra attenzione altrove. Siamo fedeli alla Santa Romana Chiesa perché crediamo a tutti i dogmi così come ci sono stati proposti, seguiamo i comandamenti ed i principi morali da sempre stabiliti.

Il sito si articola in vari comparti dove trovano opportuna collocazione i vari argomenti. Chiunque sia interessato a partecipare è invitato a contattare i responsabili dei vari settori.


COME VISITARE IL SITO
la cosa più spiacevole è perdere tempo e farlo perdere agli altri. Pertanto, il modo più veloce per vedere i contenuti è quello di esaminare per primo
L'INDICE GENERALE DEL SITO
Se troverete qualcosa di interessante, potrete poi entrare nei singoli settori.
Grazie per la scelta.
 

Rino Tartaglino           


 
 

___________________________________

(cultura)

Foglio per comunicazione ai soci
___________________________________
- 15/11/17
(Cultura - Scienza - Fede)
_____________________________________
- 19/11/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________
- 25/11/17
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________
- 26/11/17
(Politica - Economia - Costume)
__________________________________________
- 30/11/17
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________________
- 1/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 2/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________________
- 3/12/17
(Cultura - Scienza - Fede)
_____________________________________________

S. MESSA IN LATINO
(rito romano antico)

DOMENICHE E FESTE DI PRECETTO

ORE 9,00 - Orario estivo

CHIESA DI S. STEFANO
(sopra) Via XX Settembre - GENOVA - Tel. 010.58.71.83

ASS. UNA VOCE - GENOVA

___________________________________
_______________________________
- 15/12/17
(Devozioni e Preghiere)
_______________________________
- 16/12/17
(Devozioni e Preghiere)
___________________________________
- 19/12/17
(Progetto Europa)
___________________________________
- 27/12/17
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 6/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 11/1/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 6/1/18
(una voce)
___________________________________
- 15/1/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 1/2/18
(cultura scienza fede)
___________________________________
- 2/2/18
(Politica - Economia - Costume)
___________________________________
- 10/2/18
(Politica - Economia - Costume)
  • USA E RUSSIA: IL RIARMO NUCLEARE
    L'Europa agli europei
  • ___________________________________
    - 15/2/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 20/1/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________

    - 10/3/2018
    (Politica - costume - società)

    ___________________________________
    - 5/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________
    - 15/4/18
    (cultura scienza fede)
    ___________________________________

    - 7/1/2013
    (voce)

    ___________________________________

    - 17/3/2013
    (Politica - Economia - Costume)

    ___________________________________

    - 17/5/2013
    (voce)
    ___________________________________

    - 21/12/2014
    (Cultura)

    ___________________________________

    - 23/6/2015
    (Vita)
    _________________________________________

    _________________________________________
    8 Luglio 2018            Informazioni            N° 27
    _________________________________________
          Foglio di comunicazione interna
    www.cattolicigenovesi.org
    _________________________________________
    Il cristiano più che persuasivo dovrebbe essere contagioso.

    Paul Claudel

    _________________________________________
    SANTI E BEATI

    Sant' Antonio Maria Zaccaria - Festa 5 luglio
    Cremona, 1502 - Cremona, 5 luglio 1539
    Nasce a Cremona nel 1502. Nel 1524 si laurea in medicina a Padova. Ma poi, tornato a Cremona, decide di spiegare Vangelo e dottrina a grandi e piccoli. Viene consacrato prete nel 1528. Cappellano della contessa Ludovica Torelli, la segue a Milano nel 1530. Qui trova sostegno nello spirito d'iniziativa di questa signora e in due amici milanesi sui trent'anni come lui: Giacomo Morigia e Bartolomeo Ferrari. Rapidamente nascono a Milano tre novità, tutte intitolate a san Paolo. Già nel 1530 egli fonda una comunità di preti soggetti a una regola comune, i Chierici regolari di San Paolo. Milano li chiamerà Barnabiti, dalla chiesa di San Barnaba, loro prima sede. Poi vengono le Angeliche di San Paolo, primo esempio di suore fuori clausura. San Carlo Borromeo ne sarà entusiasta, ma il Concilio di Trento prescriverà loro il monastero. Terza fondazione: i Maritati di San Paolo, con l'impegno apostolico costante dei laici sposati. Denunciato come eretico e come ribelle Antonio va a Roma: verrà assolto. Durante un viaggio a Guastalla, il suo fisico cede. Lo portano a Cremona, dove muore a poco più di 36 anni.
    __________________________________________________________________________

    EDITORIALE
    LA CRISI ED IL POTERE (Parte seconda)

    "Il mondo si divide in tre categorie di persone: un piccolissimo numero che fanno produrre gli avvenimenti; un gruppo un po’ più importante che veglia alla loro esecuzione e assiste al loro compimento, e infine una vasta maggioranza che giammai saprà ciò che in realtà è accaduto".

    Nicholas Murray Butler

    Butler è stato un filosofo, diplomatico, politico e pedagogista statunitense, vincitore, insieme a Jane Addams, del premio Nobel per la pace nel 1931. Nel 1950, testimoniando davanti alla Commissione del Senato per gli affari esteri il membro del CFR James Warbung disse: “Che lo si voglia o no, noi avremo un governo mondiale. La sola questione che si pone è di sapere se questo governo mondiale sarà stabilito col consenso o con la forza”. Nel primo quarto del XX secolo la competizione per il dominio globale divenne particolarmente violenta. Emersero Nuove idee che tentarono di colmare il vuoto creato dal disintegrarsi dell’Impero Britannico e dalla fine dell’era coloniale. Nel frattempo, a cavallo del cambio del secolo, gli Stati Uniti, benché non ancora leader mondiali, si espandevano rapidamente. Edward Mandell House fu il capo consulente del presidente Wilson. Convinse il presidente a siglare il Federal Reserve Act e fu il vero architetto della Lega delle Nazioni. Un circolo di amici elitario noto come “The Inquiry”: vi facevano parte tra gli altri Paul Warburg, J. P. Morgan, John D. Rockefeller, John W. Davis, tutti aventi diretti interessi nel Federal Reserve System e grande interesse nella Lega della Nazioni. House organizzò un’assemblea di dignitari in cui si creò l’ Istituto degli Affari Internazionali (Institute of International Affairs) che ebbe due rami. A Londra venne chiamato “the Royal Institute of International Affairs” (RIIA); a New York, fu chiamato “the Council on Foreign Relations (CFR) ”, fondato ufficialmente il 29 Luglio del 1921. Lo scopo del CFR fu di creare un filone di letteratura scolastica atto a promuovere i benefici di un governo mondiale e attirare l’iscrizione di ricchi intellettuali i quali avrebbero potuto influenzare la direzione della politica estera americana. Due settimane dopo Pearl Harbor, Cordell Hull, Segretario di Stato, consigliò la creazione di una Commissione Consultativa Presidenziale (Presidential Advisory Committee) sulla politica estera post bellica. La commissione fu il comitato che pianificò le Nazioni Unite. Dieci dei 14 membri della commissione erano membri del CFR. Tra i 47 membri del CFR nella delegazione ufficiale degli Stati uniti vi erano: Edward Stettinius, il nuovo segretario di stato, John Foster Dulles, Adlai Stevenson, Nelson Rockefeller e Alger Hiss. Per assicurarsi che la nuova organizzazione si sarebbe situata in America, John D. Rockefeller Jr donò il terreno per il quartier generale delle Nazioni Unite. Fu poi costituito l’ UNESCO (United Nations Educational, Scientific, and Cultural Organization), nel Novembre del 1945. L’ UNESCO fu creata per promuovere un programma di istruzione mondiale che preparasse il mondo al governo globale. Bertrand Russel, consulente dell’UNESCO, scrivendo per la pubblicazione dell’UNESCO “L’impatto della scienza nella società” ebbe a dire: “Ogni governo che controlli l’educazione per una generazione sarà in grado di controllare i suoi sudditi senza il bisogno di armi o poliziotti.” Julian Huxley era convinto che il mondo necessitasse un unico governo mondiale. Furono poi creati il WWF e l’UNICEF. Lo scopo dell’ UNESCO fu quello di “educare” il mondo, L’UNICEF venne creata per stabilire il meccanismo attraverso il quale questa educazione potesse essere portata ai bambini. Robert Muller, a lungo segretario generale del Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite sotto il quale l’UNESCO operava, nel 1995 pronunciò un discorso all’Università di Denver. “Dobbiamo sostituire la parola “politics” con “planetics. Abbiamo bisogno di una amministrazione planetaria. Abbiamo bisogno di una scienza globale. Abbiamo bisogno di una scienza di psicologia globale, una sociologia globale, una antropologia globale. Così ho fatto la mia proposta per un Programma Mondiale (World Core Curriculum).” A questo progetto del governo mondiale o come chiamato dal presidente Bush padre, Nuovo Ordine Mondiale. Sono sulla stessa linea il Bilderberg,Trilateral, UNCHR, tutte le Ong più importanti e gli Stati componenti dell’Ue già a sovranità limitata. Quindi il vero potere che controlla tutte queste istituzioni internazionali è nei gruppi economici che li hanno messi in opera. La filosofia di quei gruppi di potere è ben riassunta nella frase di Butler. Quindi, l’obiettivo è creare un governo mondiale con al vertice una stretta élite dove gli Stati non esiteranno più o se esisteranno ancora non avranno più alcun potere ed i popoli vittime dl pensiero unico vivranno al limite della sussistenza rieducati a credere che questo è l’unico mondo possibile. Qualcuno griderà che credere a queste cose è credere alla tesi del complotto. Basta credere a quanto hanno dichiarato alcuni dei più eminenti esponenti di questa linea mondialista per rendersi conto che quanto sta succedendo non sono eventi naturali come i terremoti o l’esplosione dei vulcani ma eventi voluti da uomini che tradotti in leggi ci obbligano a determinati comportamenti. Possiamo pensare quello che vogliamo, non credere a niente ma molti di questi eventi si stanno già realizzando. Poiché si sta realizzando questo regno dell’Anticristo il problema è impedire che questo avvenga. Individuati chi sono i fautori di questo disegno egemonico costituito dai centri di potere economico finanziario organizzati in logge e lobby bisogna neutralizzare il loro potere di ingerenza e di ricatto a livello planetario. La prima cosa è che gli Stati recuperino la loro sovranità monetaria ed economica. I debiti dello Stato devono esere riportati nei confini nazionali. Poiché la moneta è virtuale non ci deve essere indebitamento verso l’estero. Prevalenza della politica rispetto all’interesse privato. Riforma degli organismi internazionali che diventano solo strumenti di mediazione tra gli Stati. Infine, a questi centri di potere va impedito di gestire ingenti somme che possono costituire elemento di squilibrio o di ricatto per le economie di interi Paesi. La cosa migliore, possono esercitare l’attività bancaria, l’attività commerciale ed industriale impedendo attività di tipo monopolistico; non devono gestire fondi pensione o gestione di altre attività che permettano loro di avere disponibilità di forti somme di denaro. Queste attività devono essere esercitate dallo Stato. Quando la gente d’Europa e d’America si orienterà a capire come funzionano le cose di questo mondo e capirà di essere vittima di crisi fabbricate artificiosamente da chi ha interesse a cambiare le cose secondo i propri fini potremo sperare che non tutto sia perduto.

    Rino Tartaglino

    _______________________________

    ILLUSTRAZIONE: Simbolo massonico del fautori del Nuovo Ordine Mondiale.
    _______________________________

    MALGRADO I TEMPI DIFFICILI
    Vivete bene il tempo e lo cambierete, e se lo cambierete non avrete più da lamentarvi.

    (Sant’Agostino di Ippona)

    Ai tempi di Sant’Agostino i cristiani erano la più numerosa fra le minoranze, unica forza unitaria era il cattolicesimo, tutto il resto stava crollando. I militari non avevano più voglia di combattere. Il popolo non aveva più voglia di lavorare. Su tutti incombevano i barbari, con violenze, distruzioni, rapimenti. Allora si gridava con terrore pensando alla venuta dei Vandali, come si farà più tardi davanti alle invasioni arabe e turche. La terra ha tante ricchezze, l’uomo potenzialmente può elevarsi oltre il pensabile. Eppure può esserci sgomento: sgomento di allora, sgomento di adesso. A rincuorare i fedeli del suo tempo e quelli del nostro è forte l’insegnamento di Sant’Agostino. Se vivremo bene il nostro tempo lo cambieremo. Lo cambieremo se disponibili a Dio attraverso tutte le sue grazie e le gioie che Lui ci vuol dare. Noi contenti, soprattutto sereni, vedremo il mondo con una diversa colorazione. Il continuo lamento è paralisi, depressione, talora persino bestemmia verso il Dio amore. Usciamo dal lamento per lasciar posto al Dio Salvatore. Guardiamo il mondo avverso: quanta è la sua debolezza ed infelicità. Non è possibile che a noi, se il nostro vivere è motivo di speranza, per chi cerca la sicurezza esistenziale mai avuta, oppure perduta. Con il Vangelo sulle labbra e nel cuore superiamo la crisi del nostro tempo.

    Renzo Mattei

    _______________________________
    2/7 - OFFENSIVA SU DARAA: Le truppe di Assad aiutate dai russi e dagli iraniani, attaccano una delle ultime sacche di ribelli asserragliati nella zona di Daraa. La popolazione è in fuga e preme sui confini della Giordania.
    Il regime di Assad consolida il suo potere su buona parte della Siria eliminando le ultime sacche di resistenza dei ribelli. Di fatto gli interventi stranieri hanno portato ad una frammentazione del Paese.

    2/7 - POCHI PAGANO: Da una analisi del Centro di Statistica Fiscale risulta che chi ha un reddito fino a 15.000 euro cioè il 45% dei contribuenti paga il 4,64% dell'Irpef complessiva (843 miliardi). Fra i 15.000 e i 35.000 di reddito i contribuenti sono il 43% pagano il 41,35% dell'Irpef complessiva e chi ha un reddito dichiarato oltre i 35.000, 12% dei contribuenti pagano il 54% dell'intera Irpef.
    Pagare le imposte è sempre doloroso specialmente se sono eccessive. Ma quello che è più grave sono quelle imposte che colpiscono redditi inesistenti come le imposte sugli immobili obbligando i proprietari a vendere.
    _______________________________

    2/7 - OMBRE AMERICANE: Con questo titolo il prof. Angelo Panebianco indica due crisi quella tra gli Usa e l'Europa e di conseguenza la crisi dei rapporti tra i Paesi dell'Ue. Da una parte l'America di Trump che non crede nel multilateralismo cioè all'alleanza politica, economica e militare con l'Europa e di conseguenza, il processo di integrazione europeo sembra arrestarsi. Trump con l'introduzione dei dazi può provocare danni alle nostre esportazioni. In Europa si è arrestata l'integrazione perché ci sono troppe cose che non funzionano.
    Se Trump mette dazi sui nostri prodotti questo può momentaneamente creare dei danni alle nostre produzioni; ma, contemporaneamente ci lascia liberi da obblighi che di fatto ci imponevano con la sudditanza al libero mercato. In conclusione, con questi dazi si dovrebbe arrivare ad alcuni accordi evitando un guerra che non serve a nessuno. Per quanto riguarda l'Ue, siccome non funziona niente bisogna cambiare troppi trattati altrimenti invece di integrazione si finirà con una rottura.
    ____________________________

    3/7 - ATLETE DI COLORE: Nei Giochi del Mediterraneo, l'Italia è risultata al primo posto con 156 medaglie (56 oro, 55 argento e 45 bronzo), superando Francia, Spagna, Turchia ed Egitto. Questi giochi sono stati seguiti poco dal grande pubblico. Ma a diventare note per la cronaca delle centinaia di atleti ed atlete sono state le quattro ragazze di colore della staffetta 4x400. Sono diventate famose perché usate contro la politica del governo. Saviano ha scritto: "I loro sorrisi sono la risposta all'Italia razzista di Pontida. L'Italia multiculturale nata dal sogno repubblicano non verrà fermata". Renzi aggiunge: "vince l'Italia che non ha paura".
    Se l'idea dei Saviano e dei Renzi è fare dell'Italia un Paese multiculturale vuol dire che qui da noi devono venire milioni di stranieri nei prossimi decenni. l'Italia diventerebbe un'appendice dell'Africa. Personalmente, non sono d'accordo. Un po' di stranieri vanno bene tanti no, non servono, contribuiscono al disordine fanno perdere l'identità culturale all'Italia. Gli individui come Saviano più che amare gli immigrati detestano quelli che non vogliono l'invasione. La loro propaganda che strumentalizza delle ragazze di colore ha lo stesso valore del gay pride: un esibizionismo ridicolo che reca imbarazzo a quelle ragazze involontarie vittime dei politicanti da salotto.
    ________________________________
    3/7 - RIEDUCAZIONE: La Federazione della Stampa e l'Ordine dei giornalisti, ultimamente si sono impadroniti del tema immigrazione e preparano corsi di formazione che per i giovani serve anche come credito formativo. La lezione che viene impartita e che deve essere appresa a pappagallo e di stampo buonista. "Non esiste emergenza immigrazione, non è vero che l'Italia è stata lasciata sola. Francia, Spagna e Germania fanno meglio di noi, i migranti servono per la nostra crescita e portano valore, non dire cose sbagliate che possono alimentare l'odio. Queste ed altre amenità. Dai relatori si capisce che sono tutti pro immigrazione. Anna Meli dell'Associazione Carta di Roma che ha detto che i contrari non fanno altro che creare un clima ansiogeno. Elio Pacifico, afferma che non bisogna dire "aiutiamoli a casa loro" perché suscita clima di rancore. Carlotta Sami, dell'Alto Commissariato dell'Onu per i rifugiati, ha l'incarico di far venire più immigrati possibili. Flavio di Giacomo, portavoce dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni.
    C'è abbastanza per il lavaggio del cervello dei giornalisti.

    3/7 - AZIENDE SALVATE: Nel periodo 2007 - 2014 aziende messe in ginocchio dalla crisi sono state 117.734 ed hanno chiuso i battenti con una perdita di 1,4 milioni di posti di lavoro. Nello stesso periodo molte altre aziende in crisi si sono convertite in cooperative di lavoro ed hanno operato coi soldi dei dipendenti che hanno lasciato risparmi e liquidazioni ed anche con l'aiuto ministeriale riuscendo a preservare migliaia di posti di lavoro. Nello stesso tempo lo Stato ha avuto un grosso risparmio in ammortizzatori sociali.
    Gli interventi di salvataggio di imprese dovrebbe essere intensificato se necessario in deroga alle disposizioni Ue per gli aiuti di Stato. Le aziende che hanno un mercato non devono andare perdute.
    ____________________________

    4/7 - DIRETTIVA EUROPEA: Domani dovrebbe essere votata una direttiva europea sui diritti d'autore (copyright). I punti maggiormente discussi sono due: l'articolo 11 che introduce l'obbligo di pagamento per le piattaforme digitali che usano i contenuti dei giornali per catturare l'attenzione degli utenti e raccogliere i loro dati; l'articolo 13 che rende le piattaforme responsabili di quanto viene caricato dagli utenti. A questa direttiva europea si oppongono i colossi del web. Wikipedia pur non essendo interessata, per protesta ha deciso di oscurare il sito.
    Se la pubblicazione dei contenuti dei giornali può determinare un arricchimento quantificabile agevolmente si può anche far pagare complessivamente qualcosa anche tenuto conto che gli articoli dei giornali spesso hanno una validità per breve tempo.
    ____________________________
    4/7 - ABITI NEUTRI: Nelle scuole britanniche restano largamente in uso le divise. In molte scuole è stato deciso che venga adottata dagli studenti maschi e femmine una divisa neutra: camicia, giacca e pantaloni. Siccome ormai la follia impazza, per evitare che qualcuno indossi abbigliamento non rispondente al suo sesso, con tutte le vertenze giudiziarie che potrebbero seguire e discussioni interminabili, si è deciso come già in Giappone per una divisa unica.
    La democrazia attuale è arrivata ad un punto di tolleranza tale che quasi nessuna verità può essere imposta. In Svezia quando la maestra si rivolge ai bambini deve usare il pronome neutro hen e non hon per la femmine e han per i maschi. Quando troveremo il coraggio di dire che tutte queste sono sciocchezze e ci riapproprieremo della logica e del buonsenso?

    4/7 - RIFIUTO: La farmacista Elisa Mencozzi, di Monfalcone, nel 2013 dichiarando la sua obiezione di coscienza si era rifiutata di vendere la pillola del giorno dopo ad una coppia. La questione è finita in Tribunale e dopo un calvario durato cinque anni la farmacista è stata assolta. La Corte d'Appello di Trieste ha confermato la sentenza di assoluzione del primo grado di giudizio.
    Quando le vertenze sono così chiare, basterebbe fare un elenco di tutti i possibili casi di obiezione di coscienza e la sentenza dovrebbe essere immediata. Cinque anni per una vertenza del genere evidenzia una lentezza colpevole del sistema giudiziario.
    ____________________________
    5/7 - STOP AI FIGLI DI COPPIE GAY: Il Comune di Roma rinnega sé stesso attribuendo l'iscrizione all'anagrafe di figli di coppie omosessuali ad un funzionario che ha agito al di fuori del quadro normativo. La Procura di Pesaro blocca l'iscrizione di un bimbo nato da madre surrogata.
    Ci sono dei sindaci che violando la legge ammettono le registrazioni all'anagrafe di presunti figli di coppie gay. Finalmente qualcuno ha deciso di bloccare queste registrazioni impossibili.

    5/7 - LIQUIDARE LA LEGA: Con una sentenza della Corte di Cassazione del 3 luglio il Tribunale di Genova si è visto riconoscere la legittimità di chiedere alla Lega 49 milioni di euro dopo le condanne dell'ex segretario Umberto Bossi e del tesoriere Francesco Belsito.
    Se il denaro è stato sottratto da Bossi e Belsito per motivi personali che sia della Lega o dello Stato italiano, sono loro che devono restituire e non altri. Abbiamo la sensazione che questi giudici vogliano liquidare la Lega per via giudiziaria.
    _____________________________________

    5/7 - LE GRANDI ILLUSIONI: Negli anni '60 il Club di Roma di Aurelio Peccei propagandava il pericolo dell'aumento della popolazione come rischio imminente. E secondo le teorie neomaltusiane proponeva la limitazione delle nascite. Della stessa idea il partito radicale che come il club di Roma è legato ai poteri forti internazionali. Consumismo e degrado morale in pochi anni hanno capovolto l'indirizzo demografico. Adesso, questi progressisti per timore di deprimere la produzione sono diventati favorevoli all'immigrazione. Quei bambini eliminati con gli aborti devono essere sostituiti dai migranti. Il presidente dell'Inps ha dichiarato apertamente che bisogna importare migranti se vogliamo salvare il sistema pensionistico.
    Avendo creato delle condizioni di vita innaturali con eccessi dal punto di vista sociale come il consumismo sfrenato; per vivere i soldi non bastano mai e con l'introduzione legale dell'aborto che ha eliminato 6 milioni di persone si registra il calo demografico. Quella di Tito Boeri che i migranti salveranno le pensioni è una pura illusione visto che non siamo in grado neppure di dare un lavoro a tre milioni di italiani disoccupati, finiamo per importare altri disoccupati.
    _____________________________________

    6/7 - PROFEZIE: Alla giovane badessa del convento dell’Immacolata Concezione della città di Quito, Madre Mariana de Jesus Torres (1563-1635), le apparve una bellissima Signora circondata di gloria e di splendore, vestita da monaca, che con la mano sinistra sosteneva un Bambino di celestiale bellezza, mentre con la mano destra stringeva un pastorale abbaziale di oro brunito e costellato di pietre preziose. La Badessa era attonita e contemplava, con una gioia inesprimibile. Quando riuscì a parlare chiese alla Signora chi fosse, ed ella rispose: «Sono Maria del Buon Successo, regina dei Cieli e della terra». Ebbe inizio così la prodigiosa serie di apparizioni mariane. La Madonna del Buon Successo profetò quattro realtà: incoraggiò le sorti della comunità di suore che Madre Mariana Torres Berriochoa guidava, garantendo la sua materna protezione sul monastero; predisse il destino della nazione ecuadoregna, della cristianità occidentale e della Chiesa universale. Straordinario fu il suo predire la Massoneria più di un secolo prima della sua nascita formale (24 giugno 1717). Il 21 gennaio 1610 la Madonna, parlando dei nostri tempi, predisse che sarebbe dilagata la corruzione morale «perché Satana regnerà quasi completamente attraverso delle sette massoniche. Queste si concentreranno principalmente sui bambini per mantenere questa corruzione generale. Guai ai bambini di quest’epoca! (…)] Quanto al sacramento del matrimonio, che è simbolo dell’unione di Cristo con la sua Chiesa, sarà attaccato e profondamente profanato. La massoneria, con il suo potere, promulgherà delle inique leggi al fine di eliminare questo sacramento, facilitando la vita peccaminosa di ciascuno e incoraggiando la procreazione di bambini illegittimi, nati senza la benedizione della Chiesa. Lo spirito cattolico diminuirà rapidamente; la preziosa luce della fede si spegnerà progressivamente, fino a quando si giungerà ad una pressoché totale corruzione dei costumi (…). In questi tempi sciagurati, ci sarà una lussuria ostentata che terrà le persone nel peccato e conquisterà innumerevoli anime frivole che si perderanno. Non si troverà quasi più l’innocenza nei bambini, né la modestia nelle donne. Nel supremo momento del bisogno della Chiesa, coloro che dovranno parlare resteranno in silenzio. Il 2 febbraio 1610 la Madonna, nella quinta apparizione, affermò che la Chiesa sarà attaccata da «terribili orde» e dilagheranno la corruzione morale e l’educazione laica. Gesù a Madre Mariana: "Sappi inoltre che la Giustizia Divina manda terribili castighi su intere nazioni, non solo per i peccati della gente ma anche per quelli di sacerdoti e religiosi. Deviando dalla loro missione divina essi si degradano a un punto tale che, agli occhi di Dio, sono proprio loro ad accelerare il rigore dei castighi. Mentre assisteva all’agonia di Suo Figlio sulla Croce, Dio Padre disse a Madre Mariana: "Questo Castigo sarà per il ventesimo secolo"; al che Madre Mariana vide al di sopra della testa di Cristo tre spade. Su ciascuna era scritto: "Punirò l'eresia, punirò l’empietà, punirò l'impudicizia".
    I cristiani devono pregare e lottare nella società per fermare il male. solo così possiamo sperare che il demonio ed i suoi epigoni siano messi in condizione di non nuocere.
    _____________________________________
    6/7 - REGIONE PIEMONTE: Il Consiglio Regionale piemontese ha approvato una legge che prevede la distribuzione gratuita di pillole ma anche di preservativi, spirali, anelli e cerotti a rilascio ormanale a minorenni ed a persone in difficoltà tra i 16 e i 45 anni. I consultori potranno distribuire anticoncezionali alle minorenni per evitare gravidanze indesiderate.
    Per il Pd la purezza non è una virtù.
    _______________________________
    IL MONDO È VARIO
    E UN PO' PRECARIO

    Per salvare l’occupazione,
    si abbassa la retribuzione.
    La cosa non si può dire,
    ma è facile da capire.
    Poi con molta serietà
    arriva la flessibilità.
    Il posto fisso è un miraggio
    per l’azienda è un vantaggio.
    Se hai bisogno di lavorare
    quattro soldi ti può dare.
    Sei assunto da precario
    per un misero salario.
    È crollato il comunismo
    ora trionfa i liberismo
    Democrazia e libertà
    ci regala la precarietà.
    E sarebbe il successo,
    gabellato per progresso.
    _____________________________________
    6/7 - TITOLO DI STUDIO NON VALIDO: La corte Suprema canadese ha dato ragione a due Province del Canada, Ontario e Colombia Britannica che avevano escluso la validità della laurea conseguita presso la Trinity Western University (università evangelica) perché in questo ateneo agli studenti è richiesto di astenersi da atti di intimità sessuale che violano la sacralità del matrimonio tra uomo e donna. La Corte Suprema pur riconoscendo che questa opinione faccia parte della libertà religiosa ha però accettato la tesi del legale lesbica Barbara Finlay la quale sostiene che quanto richiesto dall'Università evangelica è di fatto discriminatoria per le coppie omosessuali che non possono avere rapporti intimi rispetto alle coppie sposate eterosessuali.
    Le democrazie dominate dal pensiero unico della classe al potere man mano che questo si consolida, prima discrimina i cristiani e poi li perseguita.
    _____________________________________

    7/7 - MAGLIETTA ROSSA: Il segno di riconoscimento degli intellettuali progressisti della sinistra ed anche del popolo impegnato è manifestare indossando una maglietta rossa. Tanto che senza il timore del ridicolo potrebbero cantare quella canzone comunista dove al posto della "bandiera rossa che trionferà" possono gridare "maglietta rossa trionferà"- La manifestazione organizzata da don Ciotti che di mestiere a tempo pieno si occupa di combattere la mafia. Hanno aderito tutti i vip dei salotti progressisti; ne ricordiamo alcuni che quasi sempre sono in Tv: Laura Boldrini, Susanna Camusso, Gad Lerner, Vauro, Monica Cirinnà, Rosi Bindi, Enrico Letta e tanti altri. Perché hanno manifestato? Per motivi umanitari, a favore dei migranti, dei salvataggi in mare, delle benemerite Ong impegnate fino a poco tempo fa a riempirci di migranti e per una società multiculturale. Ma soprattutto contro il cattivissimo Salvini ed il governo che lo appoggia nella sua campagna contro i migranti.
    I "Maglietta Rossa" sono quelli che ripetono quegli slogan per i quali sono stati sconfitti nelle ultime elezioni. In Italia ci sono tanti problemi che preoccupano la gente comune e che non sono stati risolti. Questi progressisti vorrebbero risolvere i problemi dell'Africa quando, arrivati al potere loro, non sono stati capaci e risolvere i problemi degli italiani.
    _____________________________________
    7/7 - SONO FELICI: I figli di coppie gay hanno problemi psicologici? Provano disagio ad inserirsi in ambienti socializzanti? No, sono felici è la risposta. Uno studio italiano sfata i pregiudizi. E' il titolo con cui fanpage.it dà conto di uno studio pubblicato sul Journal of developmental & behavioral pediatrics. Alcuni analisti hanno analizzato i questionari utilizzati, le composizioni dei campioni disposti per la ricerca ed hanno concluso che è una ricerca che aveva lo scopo di dimostrare una tesi precostituita.
    In pratica i gay hanno stabilito che i loro figli sono felici

    7/7 - FIGLI COME PROGETTO: Recenti decisioni dei Tribunali hanno la tendenza a valorizzare in modo ideologico i nuclei "arcobaleno". Né amore né la natura sono così razionali come chi progetta un figlio attraverso una terza persona. Infatti, in questo caso esiste proprio una volontà perseguita nel tempo per ricevere un "figlio" partorito da altri magari dopo un bel rimborso spese. Mentre nella procreazione secondo natura spesso manca la volontà di avere un figlio. In alcune sentenze dei Tribunali di Napoli e di Pistoia riferendosi a figli hanno parlato di progetto.
    Quando, come Orlando recupereremo il senno scopriremo nuovamente che ogni individuo nasce da un uomo e da una donna e smetteremo con l'elaborazione di strane ed improbabili teorie.
    _______________________________________

    ANNOTAZIONE
    IL PAPA DEVE CHIARIRE
    Intervista concessa il 2 maggio 2018 da Mons. Antonio Livi alla rivista «The Wanderer», e pubblicata il 3 maggio. L’intervista è stata poi pubblicata sul Courrier de Rome n° 611 di giugno 2018, Mons. Antonio Livi è professore emerito di filosofia della conoscenza, nella Pontificia Università Lateranense, Direttore editoriale della rivista di apologetica teologica Fides Catholica. Riportiamo qui di seguito alcuni stralci di domande e risposte tratte dall’intervista cercando di conservarne gli elementi essenziali.
    Domanda: La pastorale di Papa Francesco, già applicata da decenni al Nord delle Alpi, conduce ad una Chiesa moribonda?.
    Mons. Livi: Perché lui è stato eletto proprio per questo. L’ha detto lui stesso: «i miei fratelli cardinali mi hanno eletto perché io mi occupassi dei poveri e perché portassi avanti la riforma». In realtà, fu il gruppo dei teologi di San Gallo, in Svizzera, Godfried Danneels, Walter Kasper ed altri, che già in occasione dell’elezione di Benedetto XVI aveva l’idea che il Papa che avrebbe potuto far avanzare la riforma nella Chiesa, nel senso luterano del termine, poteva essere lui, Bergoglio.
    Domanda: E’ sicuro che l’elezione di Papa Francesco sia stata orchestrata?
    Mons. Livi: Sì, ne sono assolutamente sicuro. Tra le altre cose, ne sono certo a causa di numerose testimonianze. Si tratta di una certezza storica. Le certezze storiche si sono sempre basate sulle testimonianze. Le testimonianze sono fallibili, ma per me è molto probabile che le cose siano andate così. Se penso al cardinale Kasper che era già eretico prima e voleva distruggere la Santa Messa, il matrimonio, la Comunione e il Diritto Canonico, e che adesso il Papa dice che è il suo teologo per eccellenza e gli fa organizzare il Sinodo per la famiglia, dico a me stesso: qui c’è qualcosa di totalmente orchestrato. Siamo di fronte alla stessa cosa che è successa con Paolo VI, il quale, nella Commissione del concilio Vaticano II presieduta da Annibale Bugnini, che doveva preparare il Novus Ordo Missae, fece entrare dei luterani che avevano il compito di dire ciò che a loro piaceva e ciò che non piaceva della Messa cattolica. E’ assurdo! E allora si capisce che si tratta di un piano molto ben orchestrato, che non data da oggi, ma dagli inizi degli anni sessanta.
    Domanda: Lei parla di eresia al potere. Che cosa intende?
    Mons. Livi: Mi riferisco non a delle persone che professano formalmente l’eresia, perché se si trattasse di autorità ecclesiastiche sarebbero tutte scomunicate e perderebbero il loro ruolo, ma a delle eresie che sono professate formalmente e con insistenza da dei teologi che hanno avuto molto potere all’inizio del concilio Vaticano II, grazie o a causa di Giovanni XXIII, e poi nel post-concilio,
    Domanda: Giovanni XXIII ha detto che la Chiesa non condanna nessuno, ma oggi l’eresia al potere condanna quelli che difendono la dottrina cattolica. Che è successo?
    Mons. Livi: Da dopo Giovanni XXIII si ha l’idea che la pastorale della Chiesa consista nel tradurre il dogma in un linguaggio comprensibile, accettabile per l’uomo moderno – cosa che è un mito, una fantasia - e nel trovare il bene anche nelle posizioni teoretiche più contrarie al dogma. Io ritengo che si tratti di una pastorale che, in quanto tale, è erronea e nociva per la Chiesa, ma in quanto teoria è un’attività, una prassi erronea che come dottrina non ha alcun sostegno nell’infallibilità. La prassi può essere erronea perché è un atto derivante da un giudizio prudenziale che può essere giudicato erroneo da chi esprime altri giudizi prudenziali, come i miei, che sono giudizi non sostenuti dall’infallibilità.
    Domanda: L’anno scorso, lei ha denunciato la persecuzione contro la sua persona e contro coloro che non si allineano con la dittatura del relativismo.
    Mons. Livi: Va di peggio in peggio; e questa persecuzione si giustifica con certe affermazioni imprudenti dell’attuale Papa. Tutti quelli che sono fedeli alla dottrina, al Diritto Canonico, e vogliono che le certezze della fede non vengano messe da parte, sono apertamente accusati di eresia. Eresia pelagiana e gnostica.
    Domanda: Che accade a quelli che non si allineano? In che consistono le persecuzioni?
    Mons. Livi: Ormai tutti lo possono vedere. Io penso a ciò che è successo ai Francescani dell’Immacolata e a tutti quelli che scrivendo dei libri e facendo una pastorale di chiarificazione e di superamento del disorientamento pastorale, si sono visti interdetti i libri e le conferenze in molte diocesi. La Civiltà Cattolica non li cita neanche tra i libri ricevuti. Questo è significativo. Avvenire li combatte apertamente. In Italia, tutta la stampa cattolica ufficiale (Civiltà Cattolica, Avvenire, Famiglia Cristiana, Edizioni Paoline), pratica un ostracismo verso questa buona dottrina oppure la citano in termini spregiativi, come se fosse stata prodotta da un folle.
    Domanda: Francesco ha detto a Eugenio Scalfari che l’Inferno non esiste. Questo fa di lui un eretico?
    Mons. Livi: No. Il Papa sarebbe eretico solo se affermasse queste cose formalmente. Egli le lascia dire. Come fa, per esempio, lasciando dire al Generale dei Gesuiti che non si sa quale sia la dottrina storica di Gesù perché allora non c’erano i registratori o che il demonio è un simbolo del male. Queste non sono dunque dottrine espresse da lui, che, al contrario, in Gaudete et exultate afferma che il demonio è una persona vivente e vera. Egli le fa dire agli altri nel quadro di una prassi. Una prassi funzionale che crea confusione e il contesto favorevole alle riforme che egli vuole realizzare, e chiunque vuole opporvisi viene accusato di essere giansenista e gnostico.
    L’intervista di mons. Livi contiene delle affermazioni molto gravi nei confronti del Papa attuale. Che se conosciute finiscono per aumentare la confusione presso i fedeli che è già molta. Per il bene di tutti quanti il Papa ha l’obbligo di chiarire subito la sua posizione rispetto agli argomenti trattati. Se il Papa non darà seguito ad un chiarimento, altri rincareranno la dose ed alla fine in maniera meno credibile sarà comunque costretto a prendere posizioni sui vari argomenti della dottrina e della pastorale ad essa rispondente.
    _____________________________________
    8/7 - INCONTRO: Matteo Salvini vuole conferire col presidente Sergio Mattarella a proposito dei 49 milioni che la Lega dovrebbe restituire allo Stato. Il portavoce del presidente comunica che Salvini sarà ricevuto domani ma solo per altri motivi.
    Il presidente non deve decidere nulla al riguardo ma deve invece esprimere la sua opinione. Un buon padre di famiglia si comporta così.

    8/7 - NESSUN GAS NERVINO: A Douma, periferia di Damasco nella notte tra il 5 e il 6 aprile scorso vi fu un bombardamento da parte dell'esercito di Assad contro i ribelli e subito furono esibiti civili che venivano sottoposti a lavaggi per contrastare l'intossicazione si disse da gas nervino. In conseguenza di questo vi fu un bombardamento ad opera di americani e francesi su alcuni siti dell'esercito siriano. Venerdì è stato pubblicato un rapporto della Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche che contraddice la versione che causò il bombardamento di Trump e Macron. In pratica non sono state rilevate tracce dell'uso di gas nervino.
    L'esercito siriano vincente non aveva nessun motivo per usare il gas. La guerra alla Siria è iniziata a seguito di notizie false ed è continuata di pari passo con bombardamenti e lanci propagandistici. Solo adesso che si sta chiudendo la partita la Siria è quasi scomparsa dalle notizie di cronaca.
    _____________________________________

    8/7 - MANCANZA DI PAURA: Un osservatore autorevole come Wofgang Munchau condirettore del Financial Times su Eurointelligence di cui è direttore ha spiegato bene la situazione che si è venuta a creare col nuovo governo italiano: “Ciò che rende Matteo Salvini così pericoloso per l’Ue è la sua completa mancanza di paura. Questa è una categoria di politico recalcitrante che la Merkel non ha ancora incontrato nell’Ue”. Salvini non ascolta i commentatori dei giornali italiani che predicano la resa all’Ue per timore dell’isolamento. In pratica, tutti i governi italiani hanno accettato tutto quello che impone l’Ue anche contro il proprio interesse per paura dei ricatti di Francia e Germania. Il problema sono i Trattati europei impostati solo su logiche di mercato e non sulla cooperazione. Trattati sbagliati e gestiti peggio dalla Commissione europea. Conclude Munchau: “Il vero pericolo che viene dall’Italia per l’Ue non è un piano ipotetico di lasciare l’euro ma, quella mancanza di paura che porta il Paese a contrastare le direttive sulle banche (bail in) o il Fondo Salva Stati dove a pagare sarebbero i risparmiatori o lo Stato italiano. (…) Dubitiamo che le idee franco-tedesche sopravviveranno al filtro politico italiano. Come prevedibilmente il governo italiano richiederà per lo meno la fine del fiscal compact e delle relative regole fiscali”.
    Ogni tanto a qualcuno scappa di dire la verità. I nostri governi per paura dell’isolamento hanno accettato regole contrarie ai nostri interessi. Se qualcuno non ha paura riesce ad imporsi e le regole franco-tedesche che ci penalizzano, potrebbero non sopravvivere. Se Munchau dice così vuol dire che siamo su una buona strada.

    _____________________________________


    IL LIBRO DELLA SETTIMANA
    QUALE ACCORDO FRA CRISTO E BELIAR
    Osservazioni teologiche sui
    problemi. gli equivoci e i
    compromessi del dialogo
    interreligioso

    di Brunero Gherardini
    Ed. Mondadori - Euro 18

    Gli studi che qui si raccolgono, hanno per oggetto i rapporti della Chiesa cattolica con le religioni non cristiane come delineati dalla citazione della Lettera di San Paolo ai Corinzi - che dà titolo a questo volume - e come oggi invece sono vissuti in vaste zone della Chiesa in seguito allo sconquasso determinato dalla messa in mora di quel testo stesso. Scomparsa la fermezza apostolica di Paolo nell’escludere ogni rapporto equivoco fra Cristo e qualunque altra divinità o qualunque altra religione pagana, perché il vero Dio non ha nulla a che fare con “gli dèi falsi e bugiardi” (Dante Alighieri), s’avverte - più strisciante che stridente - la contraddizione che emerge quando si studiano documenti come Nostra Aetate, la dichiarazione conciliare sul dialogo interreligioso. Al tempo del Concilio la Chiesa tutta parve improvvisamente dimentica di sé e pervasa dalla febbre d’un inguaribile ed ingenuo ottimismo. Si parlò di provvidenziali contatti con l’induismo ed altre religioni, nel senso non tanto della missione e della conversione, bensì dell’avvicinamento e dell’assimilazione. Riconoscimenti gratuiti ed ingenui, nell’assoluta reticenza delle radicali differenze oggi drammaticamente sotto gli occhi di tutti. L’immagine prevalente che la Chiesa diede di sé nel post-concilio, grazie allo “spirito conciliare” o - come lo chiamò Benedetto XVI - al “Konzils ungeist”, fu di una Chiesa bella, giovane, aperta, comprensiva, misericordiosa, aliena da ogni condanna, desiderosa di perdono, nemica dell’intransigenza e della discriminazione: la Chiesa-spettacolo, che fa il suo storico ingresso nella Sinagoga di Roma e nelle Moschee del mondo, porta sul podio delle Nazioni Unite la sua più alta Autorità, stringe rapporti diplomatici coi propri nemici e carnefici. Si fa insomma non più la Chiesa-nel-mondo, ma la Chiesa-del-mondo. Le riforme proposte dal Concilio per modificare l’atteggiamento e la dottrina secolari della Chiesa verso il giudaismo vi sono diverse personalità ed organizzazioni ebree: Jules Isaac, Labelkatz Nahum Golduran. Tra le personalità ebree sopra citate ce n’è una che ha svolto un compito preminente: lo scrittore Jules Marx Isaac, ebreo d’Aix en Provence. Profittando del Concilio, dove aveva trovato seri appoggi tra i Vescovi progressisti, Jules Isaac è stato il principale teorico e promotore della campagna contro l’insegnamento tradizionale della Chiesa. Vediamo ora la posizione presa per far prevalere la sua tesi: L’antisemitismo cristiano a base teologica è il più temibile. Infatti l’atteggiamento dei cristiani verso il giudaismo è stato sempre fondato sul racconto della passione tale e quale è stato riportato dai quattro Evangelisti e sull’insegnamento che ne hanno fatto i Padri della Chiesa. Jules Isaac ha tentato di distruggere questa base teologica fondamentale, contestando il valore storico dei racconti evangelici e screditandone gli argomenti proposti dai Padri della Chiesa. In breve, dal racconto della Passione rivisto e corretto da Jules Isaac gli Evangelisti ci appaiono come menzogneri matricolati, ma il più velenoso è senza dubbio Matteo. La Chiesa, ci dice Jules Isaac, è la sola colpevole; i giudei sono completamente innocenti, solo la Chiesa perciò deve fare atto di riparazione emendando il suo millenario insegnamento. Solo prendendo per vere le tesi di Issac Jules e rigettando per false le parole dei Vangeli e dei Padri della Chiesa si può arrivare alle dichiarazioni del documento Nostra Aetate sul giudaismo. Gherardini conclude con il richiamo di San Paolo ai Corinzi - nel bi-millenario della sua nascita - si fa oggi più che mai vivo per una sana resipiscenza ed un ritorno a Cristo, Unico Salvatore del mondo.
    _____________________________________
    ULTIMA ORA: Da quando è caduto il segreto bancario sono scomparsi tra i 92 e i 126 miliardi dalle banche svizzere. 46 milioni sono tornati in Italia nascosti nelle valigette. 64,4 miliardi sono stati dichiarati ed il resto sono volati verso altri lidi (Dubai, Emirati Arabi, Singapore, ecc...). Notizie da Dataroom di Milena Gabanelli.
    _____________________________________
    LA MIGLIORE DELLA SETTIMANA
    SE IL DIVORZIO NON CONVIENE














    Vignetta di Rolli - IL SECOLO XIX 8/7/18

    _____________________________________